Come Comporre Una Proposizione Infinitiva In Latino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Uno dei costrutti più importanti da studiare per imparare al meglio la sintassi latina è sicuramente la proposizione infinitiva. Nelle proposizioni infinitive il predicato è costituito dal modo infinito. Una proposizione infinitiva può essere soggettiva od oggettiva. Vediamo ora nei seguenti passi le regole fondamentali mediante le quali imparerete come comporre una proposizione infinitiva in latino.

26

Occorrente

  • Buona conoscenza della grammatica italiana
  • Conoscenza base della grammatica latina
36

Molti sostengono che il latino sia una lingua morta. Niente di più sbagliato. Infatti fortunatamente è, ancora oggi, materia di studio in diversi indirizzi delle scuole medie superiori perché permette di capire l'etimologia di molte parole non solo dell'italiano, ma anche di tutte le altre lingue romaze (o neolatine). Intanto sottolineiamo una semplice distinzione: le proposizioni infinitive soggettive sono proposizioni subordinate che nel periodo svolgono la funzione di soggetto nei riguardi del verbo della proposizione reggente, che deve essere impersonale. Diversamente le proposizioni infinitive oggettive sono proposizioni subordinate che nel periodo svolgono la funzione di complemento oggetto nei riguardi del verbo della proposizione reggente, che esprime opinioni, stati d'animo, pensieri.

46

In latino le proposizioni infinitive sia soggettive che oggettive sono espresse con l'accusativo e l'infinito, cioè mediante una proposizione che ha il soggetto in accusativo e il predicato verbale all'infinito. È importante che il soggetto della proposizione infinitiva si trovi in caso accusativo e che sia sempre espresso, anche quando in italiano è sottinteso. Il predicato verbale si esprime con il modo infinito, in particolare troviamo: l'infinito presente quando l'azione dell'infinitiva risulta contemporanea a quella espressa dalla reggente; l'infinito perfetto quando l'azione è anteriore rispetto a quella della reggente; l'infinito futuro quando l'azione è posteriore a quella della reggente.

Continua la lettura
56

Innanzitutto bisogna sapere che cosi come in italiano, anche in latino esistono le proposizioni principali e quelle subordinate. Per chiarire il concetto una proposizione principale ha senso anche da sola, invece una proposizione subordinata non ha senso se non accompagnata da una principale. In italiano le proposizioni sia soggettive che oggettive, se esplicite, sono generalmente introdotte dalla congiunzione "che" e hanno il verbo all'indicativo o al congiuntivo (Mi sembrava che Marco fosse d'accordo; Sara ha detto che arriverà domani); se implicite, dalla proposizione "di" seguita dall'infinito (Speravamo di vincere la partita).

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricorda che l'infinito perfetto passivo e l'infinito futuro attivo devono concordare in genere e numero con il soggetto all'accusativo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Proposizione interrogativa in latino

La proposizione interrogativa può terminare anche in lingua latina con il segno di punteggiatura? (punto di domanda). La proposizione interrogativa latina può essere diretta, se svolge il ruolo di proposizione principale, o indiretta, se invece occupa...
Superiori

Come tradurre le proposizioni infinitive in latino

In latino, l'infinito oltre ad essere un modo verbale, può fare da soggetto o da oggetto di un'intera proposizione, che, a seconda della sua funzione grammaticale, viene denominata "soggettiva" o "oggettiva". Queste proposizioni in latino vengono definite...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
Superiori

Come costruire le proposizioni causali in Latino

La proposizione causale rappresenta una subordinata che esprime la causa dell'azione della sua reggente. In latino questa deve essere necessariamente differenziata in due tipi: una è la proposizione causale oggettiva, mentre l'altra è quella soggettiva....
Superiori

Come costruire le proposizioni consecutive in Latino

La proposizione consecutiva è una proposizione dipendente in cui viene indicata la conseguenza di ciò che è espresso nella reggente (o proposizione principale). Si traduce in italiano in forma esplicita con la congiunzione ''che'' + indicativo, o in...
Superiori

Come tradurre il periodo ipotetico dell'obiettività in latino

Il periodo ipotetico è un enunciato che presenta un fatto o una circostanza la cui esistenza o la cui realizzazione dipendono da una o più condizioni (ipotesi). È costituito da due proposizioni: una enunciativa detta apodosi e una suppositiva o ipotetica,...
Superiori

Latino: usi dell'infinito semplice

Nella lingua latina, esistono tre forme diverse di infinito: presente o semplice (come, ad esempio, Laudare), perfetto (come Laudavisse) e futuro (tra cui Laudaturus e um esse).L’infinito potrebbe svolgere una funzione sia verbale che nominale, all'interno...
Superiori

Come costruire le proposizioni temporali in Latino

La lingua latina viene definita una "lingua morta", ma viene tutt'ora studiata nei licei classici, scientifici, linguistici e così via. Per studiare questa lingua, è assolutamente necessaria una buona forza di volontà e molto entusiasmo, non trattandosi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.