Come chiedere e dire l'ora in inglese

Tramite: O2O 27/05/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

L'inglese è senza dubbio la lingua più parlata al mondo e, al giorno d'oggi, risulta essere fondamentale riuscire a parlarla fluentemente. Ciononostante, se non abbiamo mai avuto una base e non conosciamo tutte le regole fondamentali, può risultare abbastanza complicato. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a chiedere e dire correttamente l'ora in inglese. Si tratta di uno dei primi step di una conversazione normale, quotidiana e semplice ed è anche una delle domande che più frequentemente potrebbero esservi rivolte qualora vi trovaste all'estero, in un paese anglofono. Vediamo, quindi come procedere.

28

Occorrente

  • orologio
38

Come chiedere l'ora

Per prima cosa, per cominciare, vediamo quali sono le frasi, le formule che si utilizzano per chiedere l'ora. Partiamo con il classico "What time is it?" (Che ora è?) che può essere invariabilmente sostituito anche da "What's the time?" (Che ore sono?). Si tratta della formula più comune, standard, per chiedere l'ora. Naturalmente ve ne sono anche di diverse, equivalenti, come ad esempio "Could you tell me the time, please?" (Mi puoi dire l'ora, per favore?) oppure "Do you happen to know the time?" (Sa per caso che ore sono?), o ancora "Do you Know what time it is?" (Sa che ore sono?).
Ognuna di queste formule si può considerare corretta ma, in generale ricordate che, soprattutto se vi trovate in Inghilterra, o più in generale in Gran Bretagna, è fondamentale non mostrarsi 'rude' (maleducati), cosa a cui gli inglesi reagiscono piuttosto male. Per questo motivo è fondamentale aggiungere 'please' alla fine di qualunque domanda, anche su una semplice richiesta dell'orario. Altrettanto fondamentale, di conseguenza, è ringraziare quando qualcuno vi risponde (un semplice "Thank you" andrà benissimo).

48

Come scrivere l'ora

Viceversa, potrebbe capitare a voi di dover indicare l'ora a qualcuno: in questo caso, si utilizzano i numeri cardinali da 1 a 12 e non da 1 a 24 come in italiano. Gli inglesi, infatti, non considerano la giornata come divisa nelle 24 ore: per indicare tutto ciò che viene dopo mezzogiorno, si usa PM (post meridien) mentre AM (ante meridien) si utilizza per tutto quello che viene prima di mezzogiorno. Di conseguenza "3 am" saranno le tre del mattino, mentre 3 pm saranno le tre del pomeriggio (per noi, le 15). Questa consuetudine, si riferisce soltanto alle ore scritte. Ad esempio, diciamo molto più semplicemente "In the morning" nel primo caso e "In the afternoon/In the evening" nel secondo. Ecco un esempio scritto ed uno parlato: 10.00 AM/It is ten o'clock in the morning.

Continua la lettura
58

Come dire l'ora

L'espressione "o'clock" si usa per indicare le ore esatte ed in italiano "Sono le..." si traduce con "It is", senza l'articolo. Come nell'esempio precedente, l'espressione "Sono le 10 in punto" si traduce con "It's ten o'clock".
Quando, invece è nessario indicare anche i minuti, essi si pronunciano prima delle ore, seguendo uno schema che divide l'orologio in due parti con una linea verticale che va dal 12 al 6. Dunque, quando la lancetta dei minuti si trova nella parte destra del quadrante dell'orologio (ad esempio dalle 10:01 alle 10:30), si utilizza la preposizione "past".
Questo significa che i seguenti orari si leggeranno così:
10:05 (five past ten)10:07 (seven past ten)10.15 (a quarter past ten)10:20 (Twenty past ten)10:30 (Half past ten). Al contrario, quando la lancetta dei minuti è nella parte sinistra (dalle 10:31 alle 10:59) si usa, invece, la preposizione "to". Quindi si leggeranno i minuti che mancano all'ora successiva (come in italiano quando diciamo, ad esempio, le undici meno dieci). Di conseguenza gli orari si leggeranno così: 10:35 (twenty-five to eleven); 10:40 (twenty to eleven)10.45 (a quarter to eleven)10.55 (five to eleven)
.

68

Formule per indicare l'ora

Il quarto d'ora può essere sia "past" che "to" (differenziando "un quarto alle" da "un quarto dalle"), mentre la mezz'ora è solo "past". Quindi ad esempio, diremo l "Sono le 10:20" così "It is twenty past ten", e "Sono le 10:40" diventa "It's twenty to eleven" (cioè letteralmente "Mancano 20 minuti alle 11"). Le espressioni "un quarto d'ora " e "mezz'ora" si rendono con "a quarter" ed "half". Ecco un esempio: "Quarter past one" (L'una e un quarto" oppure "Half past one" (L'una e mezza). Infine, quando non è presente "a quarter past/to" o "half past" o multipli di cinque, bisogna sempre aggiungere "minutes". Facciamo un esempio: "They will arrive at twenty nine minutes past seven in the evening" (Loro arriveranno dopo ventinove minuti trascorse le sette di sera).

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

5 modi migliori di dire grazie in un'email in inglese

I ringraziamenti, sono importanti non solo quando avvengono di presenza, ma anche quando vengono messi per iscritto. Dire grazie, è sempre un modo per far capire agli altri che si è apprezzato un gesto, una situazione, un comportamento, ecc.. Anche...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

Come dire grazie in diverse lingue

"Grazie" è una parola molto comune, ma anche molto importante, per chi possiede un minimo di educazione. Esistono per questo vocabolo, molti corrispettivi nelle diverse lingue del mondo. "Grazie" è un termine fondamentale da conoscere in qualsiasi lingua,...
Lingue

Come porre domande in inglese

Spesso ci chiediamo come porre una domanda in inglese? Bene, per chi non ha praticità il semplice formulare una domanda, anche per chiedere un informazione, può sembrare difficilissimo. Devo però rassicurarvi, l'inglese è una lingua che se capita...
Lingue

10 consigli per imparare l'inglese velocemente

Quasi tutti, prima o poi, abbiamo la necessità di imparare l'inglese: che sia per motivi di studio, di lavoro, per affrontare un viaggio o per interesse personale, se non l'abbiamo appreso per bene da piccoli, probabilmente ci troveremo in difficoltà....
Lingue

Come Usare Il Periodo Ipotetico Di Secondo Tipo In Inglese

Si è soliti dire che il sistema verbale della lingua inglese sia molto più semplice rispetto a quello italiano: vero, anzi verissimo, ma anche in inglese ci sono delle piccole eccezioni per le quali va prestata un po' più di attenzione. Una di queste...
Lingue

Come scrivere le ore in inglese

Di questi tempi non è da sottovalutare la possibilità di trasferirsi all'estero ed iniziare una nuova vita in un nuovo Paese. La meta preferita dagli italiani è ovviamente l'Inghilterra. Ma per potersi trasferire in un posto che non conosciamo e che...
Lingue

I 10 errori più frequenti in inglese

Quella inglese è una lingua che s'impara con facilità. Certo, servono applicazione, costanza e continuità nello studio e negli esercizi ma, tra tutte le lingue straniere, si può dire che l'inglese sia quella che ci è più amica. Infatti, essa non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.