Come capire se due rette sono parallele tra loro

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Si dicono parallele due rette che, prolungate all'infinito da entrambi i lati, non si incontrano mai. È una condizione presente molto spesso nei problemi di matematica. Spesso si chiede direttamente se le rette sono parallele, oppure questa verifica è un passaggio fondamentale per proseguire con lo svolgimento del problema. Disegnare le rette sul piano cartesiano può prendere molto tempo. Inoltre la verifica visiva non è sufficiente, perché le due rette potrebbero essere solo apparentemente parallele. Esistono invece dei metodi matematici che ci dicono con certezza se possiamo considerare parallele le rette in esame. Vediamo quindi nel dettaglio come capire se le rette rispettano le condizioni di parallelismo.

27

Occorrente

  • 1 foglio
  • 1 penna
37

Innanzitutto, occorre sapere che le equazioni che descrivono una retta sono di primo grado. Infatti, un'equazione di primo grado è un'equazione il cui grado massimo delle incognite è uguale a 1. Possiamo esprimere l'equazione della retta in modo esplicito, nella forma y = mx+q, oppure in modo implicito, nella forma ax+by+c=0. Per capire se le due rette sono parallele occorre averle nella forma esplicita. Se sono invece in forma implicita occorre trasformarle in esplicita. Partendo dall'equazione ax+bx+c=0 si lascia la by a sinistra e si porta il resto a destra, ottenendo by=-ax-c. A questo punto dividiamo tutto per b, da entrambi i lati: bx/b=-ax/b-c/b. Semplificando avremo che y=(-a/c) x-c/b. Ciò significa che rispetto alla formula esplicita y=mx+q si hanno i seguenti valori: m=-a/b e q=-c/b.

47

A questo punto analizziamo l'equazione esplicita delle rette, nella forma y=mx+q. La m è il cosiddetto coefficiente angolare, ed indica precisamente l'inclinazione della retta rispetto al piano cartesiano. Se positivo la retta va dal basso a sinistra verso l'alto a destra, viceversa se negativo. La q è invece il cosiddetto termine noto, che indica il punto in cui la retta incrocia l'asse delle ascisse.

Continua la lettura
57

Come detto, il coefficiente angolare è quello che determina l'inclinazione della retta rispetto al piano cartesiano. Proprio per questo motivo è il valore che ci interessa per stabilire se due rette sono parallele. Saranno tali, infatti, se presentano la stessa inclinazione sul piano cartesiano. Ciò significa che il coefficiente angolare di due rette parallele deve essere uguale. È invece irrilevante che due rette presentino lo stesso coefficiente noto, che può assumere qualunque valore. In pratica per capire se due rette sono parallele occorre verificare che il loro coefficiente angolare sia uguale, per valore e per segno. Ad esempio sono parallele le rette y=3x+5 e y'=3x-2, mentre non lo sono le rette y=3x+2 e y=-2x+1.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per prima cosa trasformare le rette da implicite ad esplicite
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Geometria: il teorema delle rette parallele

Due linee su un piano che non si intersecano o non si toccano in nessun punto, sono definite parallele; queste sono molto importanti durante lo studio dei quadrilateri. Gli otto angoli formati dalle linee parallele e da una trasversale risultano essere...
Superiori

Come calcolare la distanza tra due parallele

La linea retta è uno degli enti geometrici basilari, priva di spessore e misurabile solo ed esclusivamente tramite la sua lunghezza. Se due rette, poste in uno spazio o in un piano, non si incontrano mai e non hanno alcun punto in comune, vengono definite...
Superiori

Come calcolare il centro di un fascio di rette

La geometria euclidea formula una duplice definizione di "fascio di rette": "l'insieme delle infinite rette passanti per un punto fisso" oppure "l'insieme delle infinite rette parallele ad una retta data". Nel primo caso il punto fisso prende il nome...
Superiori

Come dimostrare che due rette sono perpendicolari

In geometria analitica, una delle prime curve che viene trattata appena si inizia a lavorare con i piani cartesiani è la retta. La retta, ente geometrico fondamentale, è la base sia della geometria piana che dell'analisi matematica. Per affrontare,...
Superiori

Angoli formati da rette tagliate da una trasversale

Il compito di geometria è sempre più vicino e voi non vi sentite assolutamente in grado di affrontarlo? Se siete disperati ogni qual volta vi si presenta un problema di geometria da risolvere, non preoccupatevi, questa guida è ciò che fa al caso vostro....
Superiori

Come determinare la distanza minima tra due rette sghembe

La prima cosa da fare in questa guida è spiegare cosa siano due rete sghembe: sono due rette che si trovano su piani diversi e perciò non hanno nulla in comune. Infatti queste rette non avendo un piano comune non sono ne parallele e non hanno un solo...
Superiori

Come trovare il punto di intersezione tra due rette perpendicolari

La matematica è una delle materie più complesse, gli esercizi affinché vengano fatti bene è necessario studiare la teoria, che poi collegata a tanti esercizi, quindi messa in pratica, risulterà del tutto semplice e piacevole oltre che gratificante...
Superiori

Come verificare se due rette sono complanari

Tra i vari esercizi di matematica o di geometria che possono svolgersi in classe o durante alcune verifiche, è possibile che possa essere richiesta una dimostrazione o la verifica legata alle due rette complanari. Per molti ragazzi svolgere esercizi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.