Come calcolare una derivata parziale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Matematica! Materia ricca di cifre e termini, a volte poco conosciuti, solo lo studio specifico ci può portare a definire termini e procedure. In questa piccola guida cercheremo insieme di capire come calcolare una derivata parziale. Entriamo con cautela nel sistema di gestione di tale processo. Possiamo dire che prendendo in considerazione un triangolo rettangolo aventi i cateti a e b ed un angolo alfa opposto al cateto BC sussiste una relazione in cui la tangente di alfa è uguale ad a fratto b. Attraverso un'evoluzione di questa regola ci è possibile arrivare alle derivate primarie secondarie ed anche a quelle parziali che è la parte che ci interessa.

26

Occorrente

  • studiare
36

Conoscenza di una derivata

Parliamo di tassi di variazione che possono essere definiti proprio allo stesso modo delle funzioni di una variabile singola, manteniamo fisso (diciamo y) e studiamo solo una variazione di x., aumentando o diminuendo un valore di un certo ammontare, la variazione corrispondente di z è deltaz, quindi il tasso di variazione medio è definito dal quoziente delle differenze. Purtroppo ci sono cifre che andremo a definire per comprendere in totale misura il processo matematico, proseguiamo facendo riferimento al quoziente che se questo tende a un limite di deltax a zero, il risultato viene definito: tasso di variazione istantaneo o semplicemente tasso di variazione.

46

Tasso di variazione

Entrare nel mondo matematico ci rende partecipi alla comprensione di sistemi difficili, ma comprensibili solo chi usa buona volontà, continuiamo col dire che questo limite è noto anche come la derivata parziale di z rispetto ad x, se esiste il limite, si dice che z è derivabile rispetto ad x, il termine parziale invece, indica che ci siamo occupati solo del tasso di variazione e che non sono più scritti con una normale lettera, ma per simbolo di una derivata parziale. Possiamo continuare a usare simboli e metodi ma solo la pratica ci può portare a una completa soluzione.

Continua la lettura
56

matematica e geometria vanno insieme

Sappiamo tutti che lo studio è parte integrante per acquisire professionalità e tecnica matematica e geometrica, infatti le due materie camminano insieme e la conoscenza verrà effettuata ambe le materie, infatti si usa un simbolo in scrittura e si legge parziale, se z è derivabile per qualsiasi coppia (x, y) appartenente a un certo dominio, si omette il deponente zero e si scrive semplicemente: parziale dz per dx, in questo modo la derivata parziale è una funzione di x ed y, dobbiamo riconoscere che ci sono derivate parziali d'ordine superiore. Possiamo continuare ancora nelle spiegazioni, ma un po di studio e pratica in più il risultato sarà più che accettabile. Buon studio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripetere i processi

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Studio della derivata prima

Furono principalmente Newton e Leibniz a sviluppare, indipendentemente l'uno dall'altro, i concetti fondamentali del calcolo integrale. I due matematici riuscirono a fondere il calcolo integrale con il secondo grande ramo dell'analisi: il calcolo differenziale.Il...
Università e Master

Come calcolare la divergenza di una funzione

La matematica universitaria è un bel po' diversa da quella delle superiori, vero? Sì e no diciamo, molti concetti, anche se all'inizio non sembra, sono semplici ampliamenti di argomenti già visti alle superiori, triti e ritriti. Il segreto per imparare...
Università e Master

Come calcolare il gradiente di una funzione in n variabili

L'esame di matematica si avvicina e ancora arrancate? La matematica universitaria non è più come quella delle superiori? Niente paura perché, in realtà, è tutto il contrario. Oggi infatti ci leveremo un sassolino dalla scarpa, con questa guido impareremo...
Università e Master

Come calcolare il piano tangente in un punto ad una funzione di due variabili

La matematica risulta essere alla base dei problemi quotidiani in cui ci si può incappare, quindi studiarla aiuta a conoscere e a sapere. Prendendo in considerazione l'analisi matematica si sa che essa è lo studio delle funzioni di più variabili, utilizzando...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Come calcolare lo jacobiano di una funzione

L'esame di analisi è alle porte e preferireste seriamente lanciarvi da una finestra? Niente paura e mantenete la calma. Oggi affronteremo un argomento all'apparenza difficile, ma che, come vedremo, non richiede niente di più delle conoscenze che già...
Università e Master

Come calcolare la pressione totale all'equilibrio

La pressione totale all'equilibrio non è altro che la somma delle pressioni parziali all'equilibrio di tutte le sostanze presenti nella reazione. Bisogna, quindi, calcolare le concentrazioni molari all'equilibrio di ogni sostanza coinvolta nella reazione,...
Università e Master

Come calcolare la dipendenza in media

La dipendenza in media è un parametro molto importante nella statistica. In poche parole, la dipendenza in media è la misura della connessione di un carattere quantitativo Y con un altro carattere qualunque X. La connessione tra questi due caratteri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.