Come calcolare lo jacobiano di una funzione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

L'esame di analisi è alle porte e preferireste seriamente lanciarvi da una finestra? Niente paura e mantenete la calma. Oggi affronteremo un argomento all'apparenza difficile, ma che, come vedremo, non richiede niente di più delle conoscenze che già avete.
Con questa guida impareremo a calcolare lo jacobiano di una funzione.

24

Vediamo gli argomenti che ci serviranno come prerequisiti per lo scopo di questa guida.
Cos'è una matrice: una matrice non è altro che una tabella di dati, diciamo con m righe e n colonne. Nel nostro caso, come vedremo, i "dati" non saranno altro che delle derivate.
Come si calcolano le derivate parziali: le derivate parziali non sono altro che le derivate di una funzione F da R^n in R, fatte rispetto ad una variabile, e trattando le altre come fossero costanti. Se siete un po' arrugginiti sull'argomento, vi consigliamo di leggere la nostra semplice guida al seguente link.
Cos'è una funzione in più variabili. Vi ricordiamo che una funzione in più variabili F è, in generale, una funzione da R^n in R^m. Ciò vuol dire che a una n-upla di valori, ne associa una m-upla; in altri termini, ad un vettore a n entrate, ne associa uno ad m entrate.
In formule sarà quindi rappresentata da: F (x1, ..., xn)=(F1(x1, ..., xn), ..., Fm (x1, ..., xn)). Ovvero: la nostra funzione è di fatto composta da m funzioni, una per ogni entrata di un m-vettore (cioè gli elementi di R^m).

34

Passiamo quindi a definire cos'è lo jacobiano di una funzione F: R^n -> R^m.
Lo jacobiano è la matrice formata, per ogni riga "i", dalle n derivate parziali della funzione Fi. Ciò significa che l'elemento (i, j), cioè l'elemento di riga i e colonna j, è la derivata parziale della funzione Fi rispetto alla variabile xj, quindi A (i, j) = dFi/dxj.
Vedendolo in una maniera ancora più semplice: ogni riga "i" è formata dal gradiente della funzione Fi. Per il calcolo del gradiente, almeno per le funzioni a più variabili, vi rimandiamo a questa guida link.

Continua la lettura
44

Facciamo un esempio. Prendiamo la funzione F: R^2 -> R^2, quindi F (x, y) = (F1(x, y), F2(x, y)), dove F1(x, y) = x^2 + xy^3 -9, e F2(x, y) = 3x^2*y - y^3, ovvero F (x, y) = (x^2 + xy^3 -9, x^2*y - y^3).
Calcoliamo le derivate parziali rispetto a F1: dF1/dx = 2x + y^3 e dF1/dy = 3xy^2.
Calcoliamo le derivate parziali rispetto a F2: dF2/dx = 6xy e dF2/dy = 3x^2 - 3y^2 = 3(x^2 - y^2).
Lo jacobiano della funzione sarà allora quello riportato nella figura accanto.
Infine, calcolare lo jacobiano in un dato punto, significa sostituire le coordinate di quel punto nella matrice ottenuta. Un'importante proprietà dello jacobiano, che lo rende uno strumento fondamentale nell'analisi è che le funzioni con stesso dominio e codominio (ovvero i vettori dello spazio di partenza e di arrivo sono "lunghi uguali"), sono invertibili in un punto se e solo se lo jacobiano calcolato in quel punto non è nullo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il gradiente di una funzione in n variabili

L'esame di matematica si avvicina e ancora arrancate? La matematica universitaria non è più come quella delle superiori? Niente paura perché, in realtà, è tutto il contrario. Oggi infatti ci leveremo un sassolino dalla scarpa, con questa guido impareremo...
Università e Master

Come calcolare una funzione con wolframalpha

WolframAlpha è un motore computazionale di conoscenza in grado di interpretare le parole chiave inserite dall'utente, proponendo direttamente una risposta piuttosto che offrire una lista di collegamenti ad altri siti web. L'autore di questo strumento,...
Università e Master

Come calcolare la divergenza di una funzione

La matematica universitaria è un bel po' diversa da quella delle superiori, vero? Sì e no diciamo, molti concetti, anche se all'inizio non sembra, sono semplici ampliamenti di argomenti già visti alle superiori, triti e ritriti. Il segreto per imparare...
Università e Master

Teorema della funzione inversa: dimostrazione

In matematica, ed in particolare nel calcolo differenziale, il terorema dela funzione inversa fornisce le condizioni sufficienti per una funzione per essere invertibile in un intorno di un punto del dominio. Il teorema definisce inoltre una formula per...
Università e Master

Come trovare i punti critici di una funzione

L’analisi matematica è un campo particolarmente complesso, comprensibile solo grazie a buone basi matematiche e ad uno studio adeguato ed assiduo. Non è facile, infatti, sapersi districare tra i vari calcoli, formule e quesiti. Tramite questo tutorial,...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Studio grafico analitico di una funzione razionale

Lo studio di una funzione algebrica è uno degli aspetti più difficile del programma di matematica e geometria delle scuole superiori. Bisogna tenere conto di diversi aspetti durante lo studio di funzione. Il primo consiglio è quello di fare molta attenzione...
Università e Master

Come ottenere la trasformata di Laplace di una funzione

In matematica, una funzione viene definitiva attraverso la relazione tra dominio, cioè insieme A, e condominio, cioè insieme B. Tale funzione vede di associare ad ogni elemento del dominio un soltanto elemento del condominio. Perciò la relazione si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.