Come Calcolare L'intensità Di Un Campo Elettrico

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nell'ambito della materia della fisica, il campo elettrico ha una sua precisa definizione. Si tratta di un campo che si genera in uno spazio tramite la presenza di una carica elettrica. Oppure di un campo magnetico mutabile nel tempo. Il campo elettrico, insieme a quello magnetico, diventa un campo elettromagnetico. Quest'ultimo determina l'interazione elettromagnetica. Individuato da Michael Faraday, il campo elettrico si espande alla velocità della luce. Esercitando una forza su ciascun oggetto che sia carico elettricamente. Con le unità di misura internazionali il campo elettrico si misura in newton su coulomb (N C−1). Oppure si può usare la misura in volt su metro (V m−1). Il campo elettrico si può anche definire elettrostatico (conservativo). Ma soltanto se si genera con la distribuzione stabile di carica spaziale. Il concetto di campo è molto vantaggioso nelle applicazioni ad interazioni a distanza. Come, ad esempio, quella gravitazionale o quella elettrostatica. Si chiama campo elettrico il campo che è in associazione a forze di natura elettrica. Generandosi da una o più cariche elettriche, per la sua identificazione occorre una carica di prova. Individuando la forza agente su questa carica, si rivela l'esistenza del campo. Qui di seguito, vedremo come calcolare l'intensità di un campo elettrico.

27

Occorrente

  • Studio e applicazione.
37

Definire l'intensità di un campo elettrico

Prima calcolare l'intensità di un campo elettrico, chiariamo innanzitutto la sua definizione. Stabiliamo un sistema di cariche generatrici con una carica di prova positiva q. Considerando quest'ultima situata in un punto P dello spazio. Inoltre determiniamo con F l'intensità della forza elettrica applicata dalle cariche generatrici alla carica di prova. Si può dunque definire "intensità del campo elettrico" (creato dalle cariche generatrici nel punto P) la relazione fra l'intensità della forza e la carica di prova. Ovvero: E = F/q.

47

Calcolare l'intensità

Come precisato nel passo introduttivo, l'unità di misura dell'intensità del campo elettrico si esprime in N/C (newton / coulomb). Ecco quindi come procedere per calcolare l'intensità del campo elettrico. Definiamolo E, creato da una carica puntiforme Q = 0,001 C. Il tutto in un punto distante tre metri da Q. Con l'applicazione della legge di Coulomb, si avrà: F = K · (Q · q)/r^2. Tenendo presente che Q rappresenta la carica generatrice del campo, mentre q la carica di prova.

Continua la lettura
57

Scrivere la formula

A questo punto, si può scrivere la formula per calcolare l'intensità del campo elettrico. Eccola: E = F/q = K · (Q · q)/ (q · r^2) = K · Q /r^2. Si può rilevare così un dato importante. Infatti questa formula indica che l'intensità del campo elettrico non si origina da q. Bensì solamente dalla carica generatrice Q e dalla distanza r. Con l'introduzione nella formula dei dati numerici, si ricava: E = K · Q /r^2 = (8,99 ·10^9) · (0,001)/9 = 0,000001 N/C.  

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondire la materia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come applicare la legge di Coulomb

In fisica, la forza di Coulomb, descritta dalla legge di Coulomb, è la forza esercitata dal campo elettrico su una carica elettrica. Si tratta della forza che agisce tra oggetti elettricamente carichi, ed è operativamente definita dal valore dell'interazione...
Maturità

Cos'è la forza di Lorentz

Si definisce forza di Lorentz quella che si sviluppa tra un corpo carico ed un campo elettromagnetico. Oggi affronteremo per grandi linee il concetto di forza di Lorentz. Per prima cosa notiamo che la forza prende il nome dall'omonimo fisico, Hendrik...
Superiori

Appunti sui numeri periodici e le frazioni generatrici

Cosa intendiamo, in matematica, per numeri periodici? Nulla di più semplice comprensione: i numeri periodici sono quei numeri che presentano una cifra (o un gruppo di cifre) che si ripete all'infinito dopo la virgola. Stiamo dunque parlando di numeri...
Superiori

Appunti di fisica sull'elettricità

L'elettricità e l' energia elettrica sono argomenti che vengono trattati nelle scuole durante le ore di fisica, ma spesso agli studenti questa materia non è del tutto chiara, perché ricevono troppe informazioni e in poco tempo. Per fare chiarezza...
Università e Master

L'equazione fondamentale dell'elettrostatica

L'elettrostatica è una branca dell'elettromagnetismo che si occupa dello studio delle cariche elettriche.Esperimenti sull'elettrostatica furono fatti già nell'antica Grecia da Talete, ma esperimenti significativi furono condotti da Cavendish prima e,...
Superiori

Come calcolare il momento di dipolo elettrico

Quando si studia l'elettromagnetismo, si scopre che tutto ciò che ci circonda è costituito da cariche elettriche, solitamente in equilibrio tra loro. Gli atomi, infatti, la parte più piccola della materia, sono formati da un nucleo fatto di cariche...
Superiori

Appunti di fisica: l'induzione elettrostatica

L' induzione elettrostatica consiste nell'elettrizzazione dei corpi senza strofinio, questo fenomeno è dato dal bipolarismo, ovvero dalla presenza in natura di due cariche che si differenziano da un segno positivo o negativo, attraverso i quali è possibile...
Superiori

Appunti di fisica: le onde elettromagnetiche

La fisica, è una materia importante che contiene nozioni più o meno complicate. Per apprendere il linea generale l'argomento che riguarda le onde elettromagnetiche, cercheremo in questi steps di riassumervi questo particolare tema attraverso una sorta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.