Come Calcolare L'Equivalenza Tra Due Generatori

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Parlando dei generatori, bisogna sapere e conoscere che il loro principale compito, molto fondamentale e importante, è di fornire l'energia elettrica a un utilizzatore, al fine di trasformare tutta la sua energia in suono, in luce, in calore o in qualsiasi altra cosa sia. Un aspetto molto importante da capire è come calcolare l'equivalenza tra due generatori in maniera il più perfettamente possibile. In questo articolo vi spiegherò come calcolare l'equivalenza tra due generatori. Si tratta di passaggi da seguire tutti con estrema attenzione. Con questa dimostrazione si può vedere come calcolare l'equivalenza tra due generatori in modo molto semplice e molto veloce.

26

Occorrente

  • schemi sa seguire
  • formule e calcoli corretti
36

Il primo passaggio da seguire è che per capire bene questo procedimento e proseguire bisogna determinare la caratteristica e principale tensione corrente che possiede un generatore di corrente reale. Bisogna sapere che a vuoto, la corrente sul carico nulla, la tensione Uab = E, mentre in corto, la tensione sul carico nulla, la corrente vale Icc = E/Ri. La corrente a carico vale Iu = Io - Ii, a vuoto Iu = 0 e infine che nella situazione di corto è pari a: Iu = Io.

46

Il secondo passaggio da seguire riguarda come calcolare l'equivalenza tra due generatori. Dato che Iu = Io - Ii, e che Ii = Uab / Ri, allora si ricaverà che Iu = Io - Uab / Ri, da cui Uab = Ri Io - Ri Iu. La tensione a vuoto vale Ri Io. Una importante cosa da ricordare è la differenza di potenziale elettrico o tensione, che viene spesso indicata nella fisica con la sigla “d. D. P. ”, la quale sta ad indicare la differenza esistente, tra il potenziale elettrico presente in 2 punti dello spazio. Se si prende tale potenza e si indica con E si otterrà questo risultato: Uab = E - R' Iu. Questa equazione appena applicata, servirà a far capire come ottenere un metodo corretto, che permetterà di trasformare un generatore reale di tensione in un equivalente generatore reale di corrente e viceversa.

Continua la lettura
56

Il terzo e ultimo passaggio da seguire è che dal confronto tra l'equazione del generatore reale di tensione e l'equivalente equazione del generatore reale di corrente è stato potuto dimostrare che (in questo caso) Uab = E - Ri Iu, Uab = È - Ri' Iu, dove È = R' Io. In conclusione è possibile affermare per certo che è possibile passare da un generatore in tensione ad uno di corrente semplicemente e solo se realmente sussistono tutte queste uguaglianze: È = E e Ri = R'i. Quindi la formula finale dell'equivalenza tra due generatori è la seguente: E = Ri Io e che Io = È / Ri.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per evitare di sbagliare i calcoli e le formule, cerca di seguire nel dettaglio tutti gli schemi preposti e la guida nel dettaglio passo dopo passo...
  • Ricordatevi che nella fisica, quando trovi la differenza di potenziale elettrico o carico di tensione elettrica, la sigla indicata nei raporti è sempre la segunete: “d.d.p

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il numero dei nodi indipendenti

Vi è mai capitato tra le mani un circuito elettrico? Vi siete mai chiesti come si può calcolare il numero di nodi indipendenti? In questa guida vedrete un modo semplice di come effettuare il calcolo in circuiti elettrici semplici. Una volta acquisito...
Università e Master

Come calcolare l'errore di titolazione

In chimica, la titolazione è una tecnica che consiste nel far reagire una soluzione a concentrazione non nota (titolando) con un composto acido o basico, a concentrazione nota. Lo scopo del procedimento è quello di determinare la concentrazione dell'analita,...
Università e Master

Come calcolare l'area di una figura su Autocad

AutoCAD è uno strumento davvero molto potente ed efficacissimo, che permette di realizzare dei disegni 2D o 3D, garantendo una notevole precisione, difficilmente raggiungibile tramite il disegno a mano libera. Nell'utilizzo di questi programmi, o nella...
Università e Master

Come Calcolare il pH

In questa guida ci occuperemo di dare alcune informazioni molto utili su un argomento molto importante: il ph dell'acqua e, nello specifico, vedremo come calcolare questo ph. Questa operazione si rende necessaria molto spesso, soprattutto se si possiede...
Università e Master

Come calcolare l'algoritmo per l'estrazione della radice quadrata

In matematica, per radice quadrata di un numero si intende quella cifra che, se viene moltiplicata per se stessa, dà come risultato il valore sotto la radice, che prende il nome di radicando. Finché il numero è abbastanza piccolo da poter calcolare...
Università e Master

Come calcolare la sfericità statistica

Quando si vuole calcolare la sfericità statistica occorre prima di tutto effettuare alcuni test preliminari per verificare che sia presente la condizione di sfericità, oltre a prendere un campione per testare se ci sono scostamenti molto evidenti dall'ipotesi...
Università e Master

Come Calcolare Il Grado Di Insaturazione Di Una Molecola

Calcolare il grado di insaturazione di una molecola o un composto chimico è una procedura essenziale e primaria per il primo approccio conoscitivo della sostanza con cui stiamo operando. Infatti questa operazione viene fatta subito dopo l'acquisizione...
Università e Master

Come calcolare una rendita in matematica finanziaria

Viene chiamata rendita un provento derivante dal possesso di una risorsa produttiva, oppure una successione o corresponsione di importi,, chiamate rate, da pagare o riscuotere in epoche diverse, rispettando le scadenze, ad intervalli di tempo pre-determinati....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.