Come calcolare le particelle subatomiche

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Fin dal VII secolo a. C. L'uomo iniziò ad osservare e ad interrogarsi riguardo il comportamento di alcuni materiali e sulla manifestazione di alcuni fenomeni naturali. Tra questi, i fenomeni elettrici come i fulmini. Appurata la presenza di cariche elettriche nella materia, restava da capire quale fosse la causa responsabile del loro movimento. Così si arrivò a capire che la materia fosse composta da piccole particelle, dette atomi. Successivamente, si scoprì che particelle ancora più piccole costituivano l'atomo, dette particelle subatomiche. In questa breve guida vedremo come calcolare le particelle subatomiche.

27

Occorrente

  • Tavola periodica degli elementi chimici.
  • Conoscenza del numero atomico e del numero di massa degli elementi chimici.
37

Le cariche elettriche delle particelle subatomiche sono di due tipi: positive e negative. Due cariche di segno uguale, (--) e/o (++), si respingono. Due cariche di segno opposto, (-+) e/o (+-), si attraggono. Inoltre le cariche elettriche si spostano da un corpo all'altro. Le particelle subatomiche cariche negativamente, si chiamano elettroni. I protoni sono particelle subatomiche cariche positivamente. Affinché l'atomo sia neutro, il numero degli elettroni deve essere uguale al numero dei protoni. La terza delle particelle subatomiche è il neutrone che non possiede alcuna carica elettrica.

47

L'atomo è composto generalmente da: il nucleo, che contiene protoni e neutroni, carico positivamente e il perinucleo (spazio vuoto intorno al nucleo) occupato dagli elettroni in movimento disposti in strati o gusci. Ogni tipo di atomo si caratterizza tramite un numero, detto numero atomico. Il numero atomico indica la quantità di protoni e quindi anche di elettroni, che un atomo possiede. Possiamo trovare il numero atomico in basso a sinistra del simbolo dell'elemento chimico. Un altro numero che definisce l'elemento chimico è il numero di massa. Questa volta si tratta della somma di due particelle subatomiche, protoni e neutroni. Lo possiamo trovare in alto a sinistra del simbolo dell'elemento. La tavola periodica degli elementi elenca tutti gli elementi chimici accompagnati dal proprio numero atomico e numero di massa.

Continua la lettura
57

Per calcolare il numero dei neutroni presenti nel nucleo di un dato elemento chimico basterà sottrarre il numero atomico al numero di massa. Per esempio, prendiamo un elemento chimico N con numero atomico 7 e numero di massa 23. Il numero di neutroni, sarà 23-7=16. Ricapitoliamo. Per conoscere il numero di elettroni basterà consultare la tavola periodica e leggere il numero atomico dell'elemento chimico. Il numero di protoni è sempre uguale al numero di elettroni. Per calcolare il numero di neutroni basterà sottrarre il numero atomico (elettroni) al numero di massa (protoni + neutroni). Ora sicuramente ti sembrerà più facile ed intuitivo calcolare il numero di particelle subatomiche.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Niente panico. Basterà avere sempre la tavola periodica sotto mano.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Chimica: la struttura dell'atomo

Tutto ciò che ci circonda è composto da piccolissime unità di materia, chiamate "atomi", invisibili all'occhio umano ma visibili al SuperSTEM, un microscopio elettronico ad altissima precisione made in UK. Queste unità possono formare legami tra loro,...
Superiori

Come determinare il numero di protoni in un elemento

Ognuno di noi, a diversi livelli, ha la propria "bestia nera" tra le materie scolastiche. Per tanti studenti, matematica e geometria sono davvero indigeste. Per altri sono le lingue antiche a destare maggiori preoccupazioni. Generalmente, però, le discipline...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche chimiche degli elementi

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà, mi dedicherò a parlare di una materia specifica: la chimica. Nel particolare, questa sarà l'occasione per scrivere qualcosa sulla determinazione delle caratteristiche chimiche degli elementi.Ma...
Superiori

Come determinare il numero di protoni in un nucleo

Partiamo dalle basi: cos'è un nucleo? Secondo il modello di Rutherford, un atomo (la parte più piccola di una sostanza che ne conserva le proprietà chimiche) è fatto da un nucleo attorno al quale ruotano degli elettroni, particelle molto più piccole...
Superiori

Come determinare il numero di elettroni in un elemento

Esistono materie che risultano piuttosto complicate per moltissimi ragazzi. Una delle materie più complesse oltre alla matematica, è sicuramente la chimica. La chimica è una materia molto tecnica e molto logica in cui è necessario capire i vari meccanismi...
Università e Master

Guida pratica sulla teoria delle stringhe

La teoria delle stringhe è uno studio riguardante la fisica: si tratta di una teoria ancora in fase di sviluppo, la quale si basa su due fondamentali principi che andremo ad enunciare nel prossimo passo. Iniziamo col dire che la teoria delle stringhe...
Superiori

Come determinare il numero di elettroni in un nucleo

Gli elettroni insieme ai neutroni e ai protoni sono gli elementi principali che compongono un atomo. Dai loro nomi si evince che i primi hanno una carica elettrica (negativa), mentre i protoni sono positivi, e i neutroni l’hanno invece neutra. La massa...
Superiori

Nozioni elementari di chimica

La chimica è una scienza alquanto complessa che si occupa di studiare la composizione, le proprietà, i comportamenti e i modi di reagire della materia. Esistono varie branche che compongono quest'affascinante materia e si specializzano in diversi campi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.