Come calcolare le particelle subatomiche

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Fin dal VII secolo a. C. L'uomo iniziò ad osservare e ad interrogarsi riguardo il comportamento di alcuni materiali e sulla manifestazione di alcuni fenomeni naturali. Tra questi, i fenomeni elettrici come i fulmini. Appurata la presenza di cariche elettriche nella materia, restava da capire quale fosse la causa responsabile del loro movimento. Così si arrivò a capire che la materia fosse composta da piccole particelle, dette atomi. Successivamente, si scoprì che particelle ancora più piccole costituivano l'atomo, dette particelle subatomiche. In questa breve guida vedremo come calcolare le particelle subatomiche.

27

Occorrente

  • Tavola periodica degli elementi chimici.
  • Conoscenza del numero atomico e del numero di massa degli elementi chimici.
37

Le cariche elettriche delle particelle subatomiche sono di due tipi: positive e negative. Due cariche di segno uguale, (--) e/o (++), si respingono. Due cariche di segno opposto, (-+) e/o (+-), si attraggono. Inoltre le cariche elettriche si spostano da un corpo all'altro. Le particelle subatomiche cariche negativamente, si chiamano elettroni. I protoni sono particelle subatomiche cariche positivamente. Affinché l'atomo sia neutro, il numero degli elettroni deve essere uguale al numero dei protoni. La terza delle particelle subatomiche è il neutrone che non possiede alcuna carica elettrica.

47

L'atomo è composto generalmente da: il nucleo, che contiene protoni e neutroni, carico positivamente e il perinucleo (spazio vuoto intorno al nucleo) occupato dagli elettroni in movimento disposti in strati o gusci. Ogni tipo di atomo si caratterizza tramite un numero, detto numero atomico. Il numero atomico indica la quantità di protoni e quindi anche di elettroni, che un atomo possiede. Possiamo trovare il numero atomico in basso a sinistra del simbolo dell'elemento chimico. Un altro numero che definisce l'elemento chimico è il numero di massa. Questa volta si tratta della somma di due particelle subatomiche, protoni e neutroni. Lo possiamo trovare in alto a sinistra del simbolo dell'elemento. La tavola periodica degli elementi elenca tutti gli elementi chimici accompagnati dal proprio numero atomico e numero di massa.

Continua la lettura
57

Per calcolare il numero dei neutroni presenti nel nucleo di un dato elemento chimico basterà sottrarre il numero atomico al numero di massa. Per esempio, prendiamo un elemento chimico N con numero atomico 7 e numero di massa 23. Il numero di neutroni, sarà 23-7=16. Ricapitoliamo. Per conoscere il numero di elettroni basterà consultare la tavola periodica e leggere il numero atomico dell'elemento chimico. Il numero di protoni è sempre uguale al numero di elettroni. Per calcolare il numero di neutroni basterà sottrarre il numero atomico (elettroni) al numero di massa (protoni + neutroni). Ora sicuramente ti sembrerà più facile ed intuitivo calcolare il numero di particelle subatomiche.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Niente panico. Basterà avere sempre la tavola periodica sotto mano.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il punto di congelamento e di ebollizione

All'interno della presente guida andremo ad occuparci di calcoli, e più specificatamente, ci occuperemo di comprendere il metodo che ci permetta di capire come andare a calcolare sia il punto di congelamento e sia il punto di ebollizione.Lo faremo in...
Superiori

Come calcolare la massa di un protone

La fisica è una materia piuttosto complessa e difficile che per essere appresa al meglio ha bisogno di molto studio e pazienza. Per poterla studiare al meglio è bene partire dalle basi e mano mano approfondire i vari argomenti. I protoni hanno una struttura...
Superiori

Come trovare il numero di protoni, neutroni ed elettroni

Problemi con la chimica? Non preoccuparti leggi questa guida che può chiarirti alcuni primi passi di questa materia. Vediamo in questa semplice guida come trovare il numero di protoni, neutroni ed elettroni di un atomo. Ricordiamo prima che i protoni...
Superiori

Come calcolare il numero di atomi in una molecola

La molecola è un insieme di due o più atomi collegati tra loro attraverso un legame chimico. Si tratta di particelle che costituiscono quasi tutto ciò che abbiamo intorno e che a loro volta sono costituite da altri elementi. In chimica è possibile...
Superiori

Come calcolare il numero di moli per una reazione

Tutti ritengono che la chimica sia una materia estremamente affascinante, ma allo stesso tempo estremamente ostica. Infatti non è da tutti eccellere in questa materia. Molti incontrano difficoltà nel districarsi tra simboli e formule chimiche. In questa...
Superiori

Come calcolare il punto di congelamento

Le proprietà colligative sono quelle proprietà di soluzioni che dipendono dal numero di particelle disciolte in una soluzione ma non sulle identità dei soluti. Per una buona approssimazione, non importa se il sale disciolto in acqua è il cloruro di...
Superiori

Come Calcolare Il Punto Di Congelamento E Il Punto Di Ebollizione Di Una Sostanza

Se decidiamo di aggiungere un soluto in un liquido (ad esempio il glucosio), si verificano come reazione chimica due fenomeni: l’aumento del punto di ebollizione (innalzamento ebullioscopico) e la diminuzione del punto di congelamento della soluzione...
Superiori

Come calcolare la concentrazione utilizzando l'assorbanza

L’ assorbanza è una grandezza appartenente al campo della spettroscopia, la branca che studia i fenomeni legati allo spettro. Lo spettro consiste nella quantità di intensità luminosa. Questo muta in relazione all’energia delle particelle, alla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.