Come calcolare le derivate parziali miste

Tramite: O2O 29/11/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questa guida ti insegnerò come calcolare le derivate parziali miste. Le derivate parziali miste servono nelle funzioni a due variabili per calcolare, per esempio, massimi, minimi e punti di sella. Può sembrare un concetto incredibilmente complesso ma non c'è niente di più facile! Unico prerequisito è saper calcolare le derivate parziali.

27

Verificare la continuità

Prima di partire bisogna verificare dove la funzione in esame è continua (perché se non è continua in un punto non è nemmeno derivabile in quel punto). Per far ciò valutiamo la funzione nei punti del dominio che potrebbero creare problemi di continuità.
Una funzione è continua in un punto P (x0, y0) se e solo se il limite esiste ed è uguale al valore che assume la funzione in quel punto.

37

Verificare la derivabilità

Prima di effettuare il calcolo delle derivate è bene verificare le la funzione in esame sia derivabile in tutti i punti appartenenti al dominio. Per farlo valutiamo la funzione nei punti che notoriamente danno problemi di derivabilità.
Generalmente essi sono quelli in cui si annulla il valore assoluto o una radice, oppure quelli "a cavallo" in una funzione definita a tratti.
La funzione sarà ivi derivabile se e solo se esistono i limiti (mi limito a riportare il caso di funzione in due variabili. In tre variabili i limiti sono del tutto analoghi).

lim di x ? 0 {[f (x, y0) - f (x0, y0)] / [(x-x0)]}
lim di y ? 0 {[f (x0, y) - f (x0, y0)] / [(y-y0)]}
dove x0 e y0 sono le coordinate del punto in questione.

Continua la lettura
47

Calcolare le derivate parziali prime

Dopo aver verificato continuità e derivabilità si passa al calcolo delle derivate parziali prime, sia rispetto a x, sia rispetto a y (eventualmente anche rispetto a z). Ricordati che le derivate parziali sono semplicemente delle derivate in cui tutte le variabili che non si stanno derivando sono trattate come costanti.

57

Calcolare le derivate miste

Arriviamo al nocciolo della questione. Per effettuare il calcolo delle derivate parziali miste, bisogna prendere ogni derivata prima calcolata al passo 2 ed effettuare una seconda derivazione rispetto ad un'altra variabile.
Cioè: se ho la derivata parziale rispetto a x (che chiamerò f'(x)), devo derivare nuovamente rispetto a y.
In questo modo otterrò la derivata mista rispetto a x ed y.
Ripeto questo procedimento derivando f'(x) rispetto a z e derivando f'(y) rispetto a z.
Ed ho finito!
Ma come? Non devo calcolare la derivata mista di f'(y) rispetto a x e di f'(z) rispetto ad x?
No! Grazie ad un teorema, ossia il teorema di Schwarz, sappiamo per certo che l'ordine con cui vengono effettuate le derivate parziali in una derivata mista di una funzione a variabili reali è ininfluente.
Non ci credi? Prova ad effettuare il calcolo derivando la funzione prima rispetto a x e poi z e viceversa. Vedrai che otterrai lo stesso risultato. Questo teorema è utilissimo perché ci permette di risparmiare una grande mole di calcoli.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Derivate: regole di derivazione parziale

La matematica è una materia piuttosto ampia e complessa che racchiude in se moltissimi argomenti, molti dei quali collegati fra di loro. Tra gli argomenti più discussi e spiegati in ogni classe possiamo trovare le derivate parziali. Per imparare al...
Superiori

Come dividere le frazioni miste

La matematica è una materia che crea non poche difficoltà tra gli studenti, a partire dalle prime classi delle elementari, per poi proseguire per alcuni anche durante gli studi universitari. Tuttavia bisogna dire che nonostante la difficoltà, questa...
Superiori

Come calcolare massimi, minimi e punti di sella con hessiano

In matematica, la matrice hessiana di una funzione di n variabili a valori in un campo di scalari, anche detta matrice di Hesse o semplicemente hessiana, è la matrice quadrata n × n delle derivate parziali seconde della funzione. Il nome è dovuto a...
Superiori

Come calcolare gradiente, rotore e divergenza

In matematica o in fisica, o più in generale nello studio di materie in cui si applica il concetto di campo vettoriale e scalare, si incappa nello studio di alcuni operatori molto particolari, ovvero il gradiente, il rotore e la divergenza. Questi concetti,...
Superiori

Come risolvere i problemi di massimo e minimo con le derivate

Se dovete risolvere problemi relativi alle derivate, riguardanti il massimo e minimo di una funzione, questo tutorial vi aiuterà nell’intento. Il concetto è abbastanza macchinoso, ma con l’adeguata applicazione e il giusto apprendimento delle nozioni...
Superiori

Come calcolare il gradiente di una funzione a due variabili

La branca del calcolo differenziale è quella che maggiormente preoccupa gli studenti ma non è in realtà molto difficile una volta carpiti i meccanismi. Il calcolo con le derivate è piuttosto semplice perché quasi completamente meccanico, ma può...
Superiori

Come calcolare la derivata di una funzione logaritmica

Sappiamo bene che per fare uno studio di funzione dobbiamo per forza calcolare la sua derivata. Finché si studiano le funzioni classiche con l'incognita x e y, pare che gli studenti non abbiano troppi problemi. Quando invece l'incognita diventa un esponente,...
Superiori

Come calcolare il differenziale di una funzione a due variabili

La parte della matematica che riguarda il calcolo integro-differenziale è forse la più ostica, perché apre improvvisamente ad un mondo no più fatto di relazioni e formule semplici, ma molto libero, specie per quanto riguarda gli spazi di calcolo....