Come calcolare le derivate

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il calcolo delle derivate è un potente strumento dell'analisi matematica applicato allo studio delle funzioni. Partiamo dalle basi. Assegnata una funzione f (x) a coefficienti reali e con variabile x reale, la derivata della funzione viene indicata mediante il simbolo f'(x). Esistono diverse regole di derivazione e derivate notevoli che risultano di grande utilità per la semplificazione dei calcoli. Nella seguente guida vediamo come calcolare le derivate.

26

Calcolo delle derivate fondamentali

Innanzitutto è importante sapere che la derivata di un numero costante è uguale a 0. La derivata della variabile moltiplicata per un esponente (x elevato a n), invece, è uguale ad n*x^(n-1). Per far ciò è necessario solamente moltiplicare la variabile per l'esponente e diminuire quest'ultimo di un grado. Se ci troviamo di fronte a un numero esponenziale del tipo e^x la derivata coincide proprio con e^x. Per quanto riguarda invece le funzioni trigonometriche la derivata di sen (x) è uguale a cos (x), mentre la derivata di cos (x) è uguale a -sen (x). La tabella delle derivate fondamentali è presente in quasi tutti i libri di testo di matematica. Qui ci limitiamo a riassumere le più importanti.

36

Principali regole di derivazione

Ora che abbiamo imparato le derivate fondamentali vediamo il loro ruolo nell'applicazione delle regole di derivazione. Analizziamo le principali. Date f (x) e g (x), due funzioni nella variabile x, e definito il prodotto f*g, si ha che la derivata del prodotto è uguale a f'(x)*g (x) + f (x)*g'(x). Il risultato è quindi uguale al prodotto della prima funzione derivata per la seconda non derivata sommata alla prima non derivata per la seconda derivata. Leggermente diversa la formula in caso di divisione di funzioni. In questo caso i due prodotti si sottraggono anziché sommarsi, dopodiché si divide il tutto per g (x) al quadrato.

Continua la lettura
46

Calcolo delle derivate di funzioni composte

Con funzioni composte del tipo fg (x) è necessario prima svolgere la derivata della funzione esterna. Fatto ciò la si moltiplica per la derivata della funzione interna. Facciamo un esempio pratico: la derivata di sen (3x) sarà uguale a cos (3x)*3. Concludiamo ricordando che nel caso di tre o più funzioni composte sarà sufficiente ripetere la regola già applicata in precedenza.
Una volta imparate a memoria le regole principali vi renderete conto che il meccanismo di risoluzione delle derivate è molto semplice. L'unico modo per raggiungere il vostro obiettivo è fare pratica, associata a buona volontà. Non vi resta che cimentarvi nel calcolo delle derivate.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Durante le prime esercitazioni utilizzate le tabelle di derivazione, dopodiché, una volta fatta un po' di pratica, cercate di svolgere gli esercizi senza di esse
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Matematica: regole fondamentali delle derivate

Quando in matematica si parla di algebra di derivate si fa riferimento ad una base, di natura sia teorica che pratica, attraverso la quale è possibile calcolare la derivata di qualsiasi funzione; chiaramente, per poter procedere, è fondamentale conoscere...
Superiori

Come calcolare la derivata di una funzione logaritmica

Sappiamo bene che per fare uno studio di funzione dobbiamo per forza calcolare la sua derivata. Finché si studiano le funzioni classiche con l'incognita x e y, pare che gli studenti non abbiano troppi problemi. Quando invece l'incognita diventa un esponente,...
Università e Master

Le derivate parziali

Dobbiamo prima di tutto comprendere il significato del termine di derivata:sia f (x) definita in un intervallo aperto (a, b) e sia x un punto di (a, b) si dice che la funzione f è derivabile nel punto x se esiste in finito il limite del rapporto incrementa...
Superiori

Come risolvere una derivata con Wolframalpha

L'immagine del matematico che effettua i suoi complicati calcoli a mano, munito di calcolatrice, lavagna e capacità mentali, è affascinante ma, oggigiorno, poco realistica. Attualmente, chi deve "far di conto" ha a disposizione una vasta gamma di strumenti,...
Superiori

Come calcolare la derivata di una funzione goniometrica

La derivata di una funzione è una parte fondamentale dei programmi di matematica dei licei e un tassello imprescindibile per l'esame di analisi dell'università. Generalmente non si hanno troppi problemi con le funzioni classiche con l'incognita x e...
Superiori

Come risolvere i problemi di massimo e minimo con le derivate

Se dovete risolvere problemi relativi alle derivate, riguardanti il massimo e minimo di una funzione, questo tutorial vi aiuterà nell’intento. Il concetto è abbastanza macchinoso, ma con l’adeguata applicazione e il giusto apprendimento delle nozioni...
Superiori

Metodi di derivazione dei polinomi

Per polinomio si intende la somma algebrica di monomi, questi possono essere simili tra loro, ovvero avere uguale parte letterale oppure no (vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Polinomio). Nel secondo caso la derivata del polinomio è detta parziale perché...
Università e Master

Come calcolare il gradiente di una funzione in n variabili

L'esame di matematica si avvicina e ancora arrancate? La matematica universitaria non è più come quella delle superiori? Niente paura perché, in realtà, è tutto il contrario. Oggi infatti ci leveremo un sassolino dalla scarpa, con questa guido impareremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.