Come calcolare le concentrazioni in una reazione chimica in equilibrio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Una reazione chimica è composta da reagenti e prodotti: i reagenti sono le sostanze iniziali presenti, i prodotti sono sostanze formate dai reagenti. Molte equazioni sono reversibili; pertanto, i reagenti possono formare i prodotti e viceversa. L'equilibrio chimico si riferisce ad una reazione in cui il tasso di formazione del prodotto è uguale al tasso di formazione del reagente. La concentrazione di equilibrio rappresenta le concentrazioni dei reagenti e dei prodotti quando i tassi di inversione delle reazioni sono uguali. Per calcolare la concentrazione in una reazione chimica in equilibrio, comporre una tabella ICE, creare e risolvere l'equazione e quindi inserire i valori dell'equazione nella tabella ICE. Ecco come.

25

Creare un'espressione algebrica basata sulle concentrazioni iniziali e il cambiamento delle concentrazioni dei reagenti e prodotti. Nella riga E, sotto i reagenti, sottrarre le x dalla concentrazione iniziale. Ad esempio, se si dispone di 0.200 M di concentrazione iniziale di idrogeno, scrivere 0,200-x nella riga E. Se si dispone 0,200 M di concentrazione iniziale di iodio, scrivere questa stessa espressione nella riga E.

35

Scrivere l'espressione della costante di equilibrio, la quale indica il rapporto tra la quantità di reagente e di prodotti. La costante di equilibrio è il valore che corrisponde a questo rapporto. In condizioni di equilibrio, i prodotti vengono sovrascritti dai reagenti. Inoltre, i coefficienti stechiometrici corrispondono alla potenza con cui i reagenti o i prodotti sono elevati.

Continua la lettura
45

Sostituire le espressioni nella riga E nell'espressione della costante di equilibrio. Dopo aver scritto l'espressione, trovare l'incognita x. Quindi, utilizzando il valore di x, risolvere le espressioni algebriche all'interno della colonna E. Ad esempio, la costante di equilibrio per questa reazione è 54.3. Il valore di x dovrebbe quindi essere di circa 0,157 M. La concentrazione di equilibrio dell'idrogeno e dello iodio dovrebbe essere 0,043 M, e la concentrazione di equilibrio dello ioduro di idrogeno dovrebbe essere circa 0,314 M.

55

Creare una tabella ICE, riportandovi le concentrazioni iniziali, il cambiamento e le concentrazioni finali delle sostanze all'interno di una equazione chimica. Riportare sul lato sinistro le lettere I, C, E verticalmente. Nella prima riga iniziale, scrivere le concentrazioni iniziali dei reagenti e dei prodotti. Queste informazioni sono fornite nel problema. Le unità di concentrazione sono delle molarità e vengono rappresentate dalla lettera M. Scrivere la variazione di concentrazione nella tabella ICE. Nella riga corrispondente alla lettera C scrivere il modo in cui la concentrazione dei reagenti e prodotti cambia in tutto il corso della reazione. Ad esempio, se si dispone di una mole di idrogeno e una di di iodio come reagenti, questi cambieranno di un fattore x durante la reazione. Pertanto, scrivere una x sotto le singole moli dei reagenti nella colonna C. I prodotti aumenteranno in concentrazione. Ad esempio, se si hanno due moli di ioduro di idrogeno come prodotto, scrivere + 2x sotto i prodotti all'interno della riga C.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la resa di una reazione chimica

In una reazione chimica può capitare che i reagenti siano presenti in una percentuale non sufficiente per creare i prodotti. È quindi necessario scoprire quale sia il reagente limitante, così da poter calcolare la resa totale della reazione. La resa...
Superiori

Come calcolare i coefficienti stechiometrici di una reazione chimica

All'interno di questa breve guida vi illustrerò, con molta attenzione e cura, come riuscire ad calcolare i coefficienti stechiometrici di una determinata reazione chimica. Tale operazione, chiamata anche bilanciamento di una reazione chimica, viene eseguita...
Superiori

Come bilanciare una reazione chimica

Quando la materia subisce una trasformazione, senza che la sua massa presenti variazioni importanti, si parla di reazione chimica. Ciò vuol significare che, le specie chimiche si modificano da sole, per poter creare nuove specie chimiche, dove ognuna...
Superiori

Come misurare la velocità di una reazione chimica

La velocità di reazione è definita come la variazione di velocità della quantità dei reagenti (diminuzione) nel tempo oppure come la variazione della quantità dei prodotti (aumento) nel tempo ed è ricavata sperimentalmente. Le grandezze che possono...
Superiori

Come calcolare il numero di moli per una reazione

Tutti ritengono che la chimica sia una materia estremamente affascinante, ma allo stesso tempo estremamente ostica. Infatti non è da tutti eccellere in questa materia. Molti incontrano difficoltà nel districarsi tra simboli e formule chimiche. In questa...
Superiori

Come calcolare il delta di una reazione

La termochimica rappresenta una branca della termodinamica che consente di analizzare gli effetti termici che si vengono a creare quando si hanno delle reazioni chimiche nonchè all'interno di un processo chimico-fisico. Si tratta sostanzialmente di uno...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari dei componenti in una soluzione chimica

La frazione molare rappresenta uno dei metodi per esprimere la concentrazione di una specie chimica presente in una determinata soluzione. Essa è data dal rapporto tra il numero di moli di un componente della soluzione ed il numero di moli totale. Generalmente,...
Superiori

Chimica: come calcolare la normalità

La chimica è probabilmente una tra le materie più interessanti ma impegnative che gli studenti incontrano nel loro percorso scolastico. Tra i primi concetti che vengono imparati, dopo quelli fondamentali che riguardano gli atomi e le molecole, c'è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.