Come calcolare l'area sottostante un arco parabolico

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il periodo delle scuole medie superiori è forse quello migliore, perché vengono instaurate amicizie con le quali si può uscire anche nel tempo libero. Durante gli anni scolastici presso un liceo o istituto tecnico, bisogna affrontare materie di vario genere. Tra quelle considerate da molti alunni piuttosto difficili rientra sicuramente la matematica. Un ramo di quest'ultima è la geometria analitica, ovvero una materia scolastica che provoca sempre tante difficoltà agli studenti. Qui vengono trattate numerose figure geometriche (come il rettangolo, il trapezio o il cerchio) e le formule per il calcolo di varie misure (quali l'area o il perimetro). Nel presente tutorial di geometria analitica vediamo brevemente come calcolare l'area sottostante un arco parabolico. Questo caso non si risolve più facilmente tramite delle semplice formule matematiche, bisogna infatti ragionarci con la massima attenzione. In realtà, basterà avere molto chiare le poche regole necessarie alla risoluzione della maggioranza dei quesiti. Un arco parabolico rappresenta un tipo di curva simile ad una normale catena mantenuta da ambo le estremità e lasciata in pendenza. Buona lettura!

27

Occorrente

  • Conoscenze di geometria analitica
37

Considerare una parabola ed una retta

Innanzitutto, è necessario aver piuttosto chiaro il significato di area sottostante ad un qualsiasi arco parabolico. A tal proposito, bisogna considerare una parabola di equazione generica y = ax^2 + bx + c. Le lettere a, b e c rappresentano semplicemente dei valori numerici. Successivamente occorre prendere la retta r di equazione y = mx + q e che interseca la parabola nei due punti A e B. L'arco parabolico viene definito come quella porzione di piano sottostante la parabola e delimitata dal segmento AB della retta r. Se quest'ultima risulta perpendicolare all'asse delle ordinate e parallela all'asse delle ascisse, si avrà un arco parabolico retto. Qualora invece la retta r sia obliqua, si parlerà di arco parabolico obliquo.

47

Conoscere il teorema di Archimede relativo all'arco parabolico retto

Supponiamo adesso il caso di un arco parabolico retto, ossia formato dall'intersezione di una parabola con una retta parallela all'asse delle ascisse. In questa situazione, bisogna semplicemente applicare il principio di Archimede. Tale enunciato sostiene che l'area dell'arco parabolico risulta uguale a 2/3 del rettangolo ABDE. Le lettere A e B indicano i due punti di intersezione fra la parabola e la retta r. Le lettere D ed E rappresentano invece i punti di intersezione tra la parallela alla retta r tangente alla parabola nel vertice e le perpendicolari alle due rette passanti per A e B.

Continua la lettura
57

Ricercare le coordinate dei punti del rettangolo e determinarne l'area

Il procedimento che occorre seguire è quello di trovare inizialmente le coordinate dei quattro punti (A, B, D, E), i quali costituiscono i vertici del rettangolo. Successivamente è necessario calcolare l’area di tale figura geometrica ed estrarre i suoi 2/3. Dopodiché bisogna segnare le rette perpendicolari all'asse X nei punti A e B. Infine, si dovrà tracciare una retta perpendicolare alle due appena segnate e tangente alla curva. L'area sottostante all'arco parabolico si determinerà applicando la formula "A = 2/3 * ar", dove ar indica l'area del rettangolo ABDE.

67

Applicare le formule relative all'arco parabolico obliquo

Ipotizzando adesso di avere un arco parabolico obliquo, il ragionamento diventa maggiormente complesso. L'area sottostante viene infatti ricavata facendo la differenza fra l’area del trapezio A’B’BA e la somma delle aree dei due triangoli mistilinei S1 e S2. Anche in questa situazione, l'azione iniziale da compiere è trovare le coordinate A e B di intersezione tra la retta r e la parabola. Le rispettive proiezioni sull'asse delle ascisse possono indicarsi con A’ e B’. In questa maniera, si hanno da calcolare i vari elementi. L'area del trapezio A’B’BA viene determinato applicando la formula A = 1/2 * (AA’ + BB’) * A’B’. L'area del primo triangolo mistilineo S1 è invece uguale a 1/3 (OB' * BB'). L'area del secondo triangolo mistilineo S2 risulta quindi pari a 1/3 (OA' e AA'). Proseguendo nei calcoli, si giunge alla formula generica valida per qualunque parabola di equazione y= ax^2 + bx + c. Essa dice che l'area dell'arco parabolico obliquo si trova in questo modo: 1/6 * a (ascissa di B – ascissa di A)^3.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'arco di una circonferenza

All'interno di questa guida, andremo ad occuparci di matematica. Nello specifico, in questo determinato caso, andremo a vedere come calcolare l'arco di una circonferenza. Proveremo a farlo in sintesi, semplificando il più possibile i concetti.Buona lettura.Questa...
Superiori

Come calcolare la lunghezza di un arco di circonferenza

La matematica è una materia molto vasta che contiene in se moltissimi argomenti differenti, come la geometria. La scienza che studia le figure geometriche attraverso l'analisi delle aree e dei volumi rappresentati dalle varie formule. Una delle figure...
Superiori

Come trovare l'angolo nel moto parabolico

La fisica è una materia molto complessa. Infatti durante i mostri studi, universitari o scolastici, ci può creare tantissimi problemi e grattacapi di ogni genere. Bisogna quindi studiarla con estrema attenzione e impegno. In questa guida vedremo una...
Superiori

Come calcolare l'area della superficie del CUBO

La geometria è un ramo della matematica in cui vengono applicate diverse formule per lo studio dell'area, del perimetro e del volume delle figure geometriche; le figure geometriche possono essere piane e solide. Delle figure piane ricordiamo: il quadrato,...
Superiori

Come calcolare l'area di un tetraedo

Un tetraedro rappresenta una particolare figura geometrica solida, che è costituita da quattro facce triangolari. Essa è caratterizzata dalla presenza di quattro vertici e sei spigoli. Calcolare l'area totale di un tetraedo, consiste nel sommare le...
Superiori

Come calcolare l'area totale di un prisma retto

In geometria, nel campo delle figure solide, si definisce prisma retto una figura geometrica solida che presenti due facce parallele e congruenti. Un prisma retto può essere ad esempio un cubo, poiché da definizione ha almeno due facce parallele e senza...
Superiori

Come calcolare l'area di un triangolo conoscendo le coordinate dei suoi vertici

I problemi che sono maggiormente frequenti durante il percorso delle varie scuole medie superiori richiedono spesso di effettuare il calcolo dell'area di un triangolo conoscendo quelle che sono le coordinate dei suoi vertici. A tale proposito, nei passaggi...
Superiori

Come calcolare l'area e il volume del cono

In questa guida vi sarà illustrato come calcolare l'area e il volume del cono. Il cono è un solido di rotazione, ottenuto a seguito del giro completo di un triangolo rettangolo intorno ad uno dei cateti. Il cateto preso in considerazione costituisce...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.