Come calcolare l'area di un parallelepipedo rettangolo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il parallelepipedo è un particolare tipo di poliedro in cui tutte le facce sono costituite da parallelogrammi. Se tutti i suoi angoli hanno un'ampiezza pari a 90°, si tratta di un parallelepipedo rettangolo. Ricordiamo che il parallelogramma è una figura piana che ha i lati opposti uguali a due a due: tenendo a mente tale postulato, è facile intuire che anche le sei facce di cui è composto il parallelepipedo sono uguali a coppie, è in particolar modo sono sempre equivalenti quelle opposte. Per calcolare l'area di un solido, è necessario sommare le aree delle singole facce: nel caso del parallelepipedo rettangolo, i calcoli sono semplificati dalle uguaglianze presenti, e in questa guida vedremo come utilizzarle a nostro vantaggio.

25

Occorrente

  • Un po' di nozioni elementari sulla matematica
35

Identificare i lati del parallelepipedo rettangolo

Per cominciare a sviluppare la tematica, dovrete disegnare la figura di riferimento, ovvero il solido geometrico denominato parallelepipedo rettangolo. Non serve che tu ne identifichi, almeno per comprendere la regola, gli spigoli con alcuna lettera. Denomina, invece, le misure di 3 dei lati principali, con le lettere "a", "b" e "c".

45

Calcolare l'area delle singole facce

Osservando il parallelepipedo rettangolo, avrete l'opportunità di notare alcune particolarità: le due facce delimitate da lati di lunghezza a e b sono due rettangoli, la cui area sarà data dalla formula per il calcolo dell'area dei rettangoli, ovvero base per altezza. Perciò, l'area di queste due facce sarà data da (a x b). Allo stesso modo, le due facce delimitate da lati di lunghezza a e c, avranno area (a x c). Infine, le due facce restanti avranno anch'esse area (b x c). Ora è chiaro che l'area totale del solido sarà data dalla somma delle singole aree delle sei facce, che, come abbiamo visto, sono uguali a due a due: matematicamente, possiamo scrivere questa uguaglianza come A= 2(a x b) + 2(a x c) + 2(b x c).

Continua la lettura
55

Studiare l'esempio di riferimento

Per comprendere meglio, ecco un esempio pratico. Immaginiamo di dover quindi calcolare l'area di un parallelepipedo con lati di a = 5 cm, b = 9 cm e c=4 cm. Considerando le due facce delimitate da a e b, la loro area sarà data da: a x b = 5 x 9 = 45 cm^2. Considerando le due facce con lati a e c, la loro area sarà: a x c = 5 x 4 = 20 cm^2. Considerando adesso le ultime due facce: b x c = 9 x 4 = 36 cm^2. A questo punto dobbiamo sommare tutte le facce per trovare l'area totale: avremo da prendere due volte la prima faccia, due volte la seconda e due volte la terza. Perciò: A = (2 x 45) + (2 x 20) + (2 x 36) = 90 + 40 + 72 = 202 cm^2. Allo stesso modo, possiamo usare la nostra formula, ed il risultato che otterremo sarà lo stesso. Infatti: A = 2 x [ (a x b) + (a x c) + (b x c) ] = 2 x [ 45 + 20 + 36 ] = 2 x [101] = 202 cm^2. Perciò, in entrambi i casi il risultato è 202 centimetri quadrati, ovvero l'area del parallelepipedo dato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in triangolo rettangolo

In questo tutorial, potrete scoprire oggi, come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo, meglio anche conosciuto come secondo teorema di Euclide. Il calcolo dell'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo è...
Superiori

Come calcolare l'area e il volume di un solido

Quando parliamo di un solido facciamo riferimento ad una figura geometrica costituita da più piani e dunque tridimensionale. Il solido avrà così oltre l'altezza e la larghezza tipiche delle figure geometriche piane, anche la profondità. In questa...
Superiori

Come calcolare l'apotema di un triangolo rettangolo

In ambito geometrico, al fine di ottenere dei risultati corretti su calcoli effettuati, risulta fondamentale apprendere tutte le regole che comprendono la materia. È necessario quindi conoscere le diverse formule da applicare in base ai risultati che...
Superiori

Come calcolare l'area della superficie del CUBO

La geometria è un ramo della matematica in cui vengono applicate diverse formule per lo studio dell'area, del perimetro e del volume delle figure geometriche; le figure geometriche possono essere piane e solide. Delle figure piane ricordiamo: il quadrato,...
Superiori

Come calcolare le proiezioni di un triangolo rettangolo

La geometria è una materia piuttosto interessante ma complicata che ha bisogno di essere studiata a fondo e amata per essere imparata. Esistono moltissime figure che grazie alla geometria si possono imparare a disegnare, tra queste il triangolo rettangolo,...
Superiori

Come calcolare la mediana di un triangolo rettangolo

Fra le numerose proprietà di un triangolo troviamo l' altezza, la bisettrice, l' asse e la mediana. Queste sono relazioni fra angoli e lati di un triangolo. Vi sono numerosi esercizi sull' argomento che richiedono di calcolare la mediana di un triangolo....
Superiori

Come calcolare gli angoli di un triangolo rettangolo

Risolvere un triangolo rettangolo significa determinare tutti i suoi elementi, cioè i suoi lati ed i suoi angoli, a partire dagli elementi noti. Ovviamente, per quanto riguarda gli angoli, sarà sufficiente conoscere le funzioni goniometriche associate,...
Superiori

Come calcolare l'Area di superficie totale di un dodecaedro nota la misura dello spigolo

La geometria è un ramo della matematica che rappresenta lo studio delle figure piane e solide, delle linee (chiuse, spezzate e aperte), dei segmenti e delle rette (parallele, incidenti e perpendicolari); per quanto riguarda le figure piane ci sono i...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.