Come calcolare l'accelerazione di gravità con un pendolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nota la lunghezza del pendolo e misurato il tempo impiegato da esso per compiere un'oscillazione completa, il valore dell'accelerazione di gravità ottenuto si riferisce al luogo in cui viene effettuata la prova. I risultati dell'esperimento saranno tanto più attendibili quanto più gli strumenti di misurazione risponderanno a requisiti di affidabilità relativamente alla precisione e all'accuratezza. Il pendolo deve essere abbastanza lungo, indicativamente non meno di quaranta o cinquanta centimetri, una condizione che facilita la misurazione del periodo dell'oscillazione e allo stesso tempo consente di ottenere misure maggiormente precise. Vediamo quindi insieme come calcolare l'accelerazione di gravità con un pendolo.

27

Occorrente

  • Un pendolo semplice di qualsiasi tipo, anche costruito in casa, ma con le giuste caratteristiche: peso concentrato all'estremità e lunghezza non minore di 40-50 cm.
  • Un cronometro digitale oppure un orologio analogico con lancetta dei secondi.
37

Per quanto riguarda la misurazione del tempo dell'oscillazione, uno strumento adeguato è il cronometro (digitale o analogico), che deve fornire misure con una precisione del centesimo di secondo. In mancanza di esso, è certamente possibile utilizzare un comune orologio analogico, cercando però di essere molto scrupolosi nel rilevamento dei secondi. L'esperimento si effettua nel seguente modo. Si mette in oscillazione il pendolo e si avvia il cronometro quando il pendolo si trova a un estremo del suo arco di oscillazione. Considerate come un'oscillazione il movimento completo di andata e ritorno del pendolo al medesimo punto di partenza.

47

Contate dieci oscillazioni complete, fermate il cronometro e, presa nota della lettura dei secondi trascorsi, dividete il valore ottenuto per dieci, che rappresenta così il periodo di oscillazione del pendolo, chiamato T, con la precisione di un millesimo di secondo. Nel caso disponeste soltanto di un comune orologio, è opportuno contare un numero maggiore di oscillazioni, per esempio cento, in modo che dividendo il tempo totale per cento si ottenga il periodo T con un grado di precisione di un centesimo di secondo anziché di un millesimo, tuttavia accettabile per la buona riuscita della prova.

Continua la lettura
57

Se avete invece a disposizione più pendoli, ripetete la rilevazione di T con ciascuno di essi e confrontate i valori ottenuti, facendone eventualmente una media. Per calcolare, infine, l'accelerazione di gravità della Terra (indicata con la lettera g) basta dividere la lunghezza L del pendolo (in metri) per il quadrato del periodo T (in secondi), moltiplicare il risultato per quattro e poi ancora per pi greco elevato al quadrato. Il valore ottenuto è l'accelerazione di gravità g espressa in metri al secondo quadrato. Con più pendoli di diverse lunghezze, ripetete il calcolo di g per ogni valore di T e fate la media dei risultati ottenuti, che può considerarsi una stima di g.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Effettuando la medesima prova con pendoli di diverse lunghezze si possono ottenere più stime dell'accelerazione di gravità, di cui fare la media, riducendo così l'errore sperimentale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Fisica: la cinematica

La cinematica è un ramo della fisica meccanica che si occupa dello studio del moto dei corpi, indipendentemente dalle cause che lo hanno provocato, allo scopo di determinare le equazioni e le leggi che lo descrivono. A tale scopo, la cinematica si può...
Università e Master

Come calcolare la velocità di caduta di un oggetto

Prima di spiegare come calcolare la velocità di caduta di un oggetto è bene sapere che questo fenomeno appartiene al moto rettilineo uniformemente accelerato, ed è il moto di caduta libera. Galileo Galilei studiando il problema di un corpo che cade...
Superiori

Come calcolare la massa di un corpo

Quando si studia a volte si potrà, in un certo senso, imbatterci in argomenti o materie particolari che potranno causare più di un problema, e perciò siamo costretti a vedere nuovamente, rallentando il nostro studio. In tale articolo, vogliamo fermarvi...
Università e Master

Come conoscere il Ps delle sostanze

Il peso specifico di una sostanza è per definizione il suo peso (equivalente alla sua massa per l'accelerazione di gravità) diviso per il suo volume. Generalmente viene espresso come newton diviso decimetri cubi. Per capire come riuscire a calcolare...
Superiori

Appunti di fisica: il moto armonico

La fisica è una disciplina molto complessa, ma altrettanto interessante, infatti, i suoi principi consentono di comprendere i numerosi fenomeni che avvengono nella vita di tutti i giorni. Quello della fisica è uno tra i più appassionanti studi tra...
Università e Master

Come calcolare le reazioni vincolari di una struttura isostatica

Il calcolo delle reazioni vincolari di una struttura isostatica, è un problema che molte persone non sanno risolvere. Tuttavia non c'è da preoccuparsi poiché grazie a questa guida il calcolo risulta essere uno tra gli esercizi più importanti della...
Superiori

Appunti di fluido-dinamica

La fluido-dinamica, nella fisica, è una materia che si occupa del movimento dei fluidi, cioè liquidi e gas. Naturalmente, prima di iniziare a studiare i fluidi in movimento, cioè la dinamica, bisogna avere delle conoscenze abbastanza approfondite e...
Superiori

Come calcolare l'accelerazione del centro di massa

Sia in fisica che in meccanica il centro di massa viene anche detto baricentro, cioè quel punto di un sistema che corrisponde al valore rappresentativo della massa nello spazio e della sua distribuzione. Questo centro di massa però potrebbe non corrispondere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.