come calcolare la velocità di una navetta spaziale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa breve guida impareremo come calcolare la velocità di una navetta spaziale, o equivalentemente di un qualsiasi corpo, che è in orbita attorno alla terra secondo una traiettoria circolare. Per fare ciò applicheremo le leggi classiche della gravitazione. Tutto ciò che vi occorre è un foglio, una matita e una calcolatrice per eseguire il calcolo.

26

Occorrente

  • Foglio di carta
  • Matita
  • Calcolatrice
36

Per prima cosa prendete un foglio e disegnate la figura riportata a fianco, in modo da visualizzare e schematizzare il problema in analisi. Trattasi della Terra ed una navicella, schematizzata come un rettangolo, la quale ruota attorno alla terra ad una distanza costante, secondo una traiettoria circolare.

46

Se il raggio della terra è pari a 6371 chilometri e la distanza del satellite dalla superficie terrestre è pari a 250 chilometri, r risulterà pari a 6,621 * 10^6 metri. Infine, la massa della terra risulta essere pari a 5,972 * 10^24 chilogrammi. Ora basta sostituire opportunamente i vari valori secondo quanto richiesto dalla formula per ottenere la velocità di rotazione.

Continua la lettura
56

Ipotizziamo che, in questo esempio, l'altezza della navicella dalla superficie terrestre sia pari a 250 km. Ovviamente potete variare questo parametro a vostro piacimento, aumentando o diminuendo tale quota per osservare come varia la velocità di rotazione della navicella. Ora riportate l'espressione visualizzata a fianco che esprime la velocità di rotazione di un corpo attorno ad un oggetto massico avente precisata massa M. Sia G la costante di gravitazione universale, che vale 6,67 * 10^(-11) N (m^2)/(kg^2); ed r sia il raggio dell'orbita del satellite, ovvero la distanza del satellite dal centro del pianeta attorno al quale ruota.

66

Del valore ottenuto così come sopra proposto, se ne calcola la radice quadrata e si ottiene la velocità di rotazione della navicella, la quale risulterà essere pari a circa 7,8 chilometri al secondo. Il dato ottenuto (7,8 km/s) è interessante e molto prossimo alla velocità cosmica. Newton dimostrò che qualsiasi corpo, per effetto della forza di gravità del pianeta, diviene un satellite purché lanciato con velocità opportuna. Tale velocità di lancio è nota come velocità cosmica, pari a 7,9 km/s. È proprio in corrispondenza di tale velocità che il moto del satellite avviene secondo un'orbita circolare. Al di sotto di tale valore di soglia, l'orbita sarà ellittica, così come lo sarà fintanto che la velocità di lancio sarà inferiore ad 11,2 km/s, la quale è la velocità di fuga ovvero la velocità a partire dalla quale il corpo si allontanerà dal pianeta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Tutto sulla Luna

Tutti sappiamo che la Luna è l'unico satellite naturale che ruota attorno alla Terra, insieme a tanti altri satelliti artificiali che sono stati spediti dall'uomo nello spazio. La Luna è posizionata a una distanza tale da poter essere visibile a occhio...
Superiori

Come rappresentare il sistema solare

All'interno della presente guida, andremo a parlare di scienza e, più specificatamente, come avrete già potuto notare dal titolo rappresentativo della nostra guida, ora andremo a parlarvi di astronomia. Nello specifico, vi spiegheremo Come rappresentare...
Superiori

Guida ai pianeti del sistema solare

Studiare per molti ragazzi non è mai una gioia ma ci sono certe materie che esercitano sempre un certo fascino nelle giovani menti, le quali, una volta che si comincia a parlare di quell'argomento, proiettano le loro menti ad immagini fantastiche, e...
Università e Master

Teorema ergodico: dimostrazione

Non è facile dare una semplice definizione di teoria ergodica perché utilizza le tecniche e gli esempi da molti campi quali la teoria delle probabilità, statistica meccanica, teoria dei numeri, campi vettoriali su varietà, le azioni del gruppo di...
Superiori

Scienze: i movimenti della Luna

Parte delle scienze si è occupata dello studio dei movimenti della Luna. Il moto più evidente della Luna, per chi la osserva dalla Terra, è quello giornaliero: infatti essa sorge ad Est, culmina sul meridiano dell'osservatore e tramonta ad Ovest, proprio...
Superiori

Fisica: il moto dei pianeti

In ordine di distanza dal Sole, i pianeti del Sistema solare sono: Mercurio, Venere, Terra, Marte (chiamati pianeti interni, o terrestri, perché presentano caratteristiche che sono simili a quelle del nostro pianeta), Giove, Saturno, Urano, Nettuno (detti...
Elementari e Medie

Scienze: gli strumenti dello scienziato

La scienza è lo studio di ogni cosa presente nell'universo, animata o inanimata, e gli scienziati sono gli uomini e le donne che, seguendo il metodo sperimentale, rispondono alle domande che ci siamo sempre posti su ciò che ci circonda. A seconda del...
Superiori

Geografia astronomica: i movimenti della terra

All'interno della guida che andremo a sviluppare nei prossimi tre passi, cercheremo di occuparci di una materia davvero stupenda: la geografia astronomica. La guida sarà composta da tre differenti passi, che svilupperanno tre tematiche complesse, cercando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.