Come calcolare la temperatura di ebollizione di una soluzione acquosa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Durante i vostri anni scolastici, o quelli dei vostri figli, vi capiterà sicuramente di imbattervi in materie molto toste da capire. Possono essere materie scientifiche come letterarie, ci sono un infinità di cose che impariamo giornalmente e che dobbiamo ancora capire, ma in questa guida vedremo soltanto una di esse. Nello specifico parliamo di chimica; andiamo quindi a vedere come calcolare la temperatura di ebollizione di una soluzione acquosa.

26

Occorrente

  • Termometro da liquidi
  • Ciotola
  • Pentola
36

Calcolate i dati necessari

Per prima cosa è importante sapere le varie temperature di ebollizione di alcuni liquidi. Come la maggior parte di voi saprà, l'acqua bolle a cento gradi centigradi. Infatti se, per fare un esempio, mettiamo una pentola di acqua di rubinetto sul fuoco, noteremo che si formeranno le prime bollicine dopo circa una decina di minuti, a seconda della quantità d'acqua che avete messo. L'acqua però, non bollirà subito, infatti lo farà precisamente quando raggiunge la temperatura di cento gradi. Lo potrete vedere benissimo se, levando il coperchio, noterete del fumo che sale verso l'alto. Quella è precisamente l'acqua che sta evaporando grazie all'effetto dell'ebollizione.

46

Preparate la soluzione che utilizzeremo

Passando a quello che riguarda principalmente l'argomento di questa guida, vi servirà una ciotola dove contenere la vostra soluzione, un termometro da liquidi e una pentola. Per prima cosa versate la soluzione nella pentola e fatela aderire bene a tutta la superficie del fondo. Una volta fatto questo potrete posizionare subito la pentola sul fuoco e aspettare che emetta le prime bollicine. Una volta che avrete visto i primi effetti del riscaldamento dato dalle fiamme sul contenitore, prendete il termometro e posizionatelo precisamente al centro della soluzione. Badate bene che non sia completamente immerso dentro, quindi tenetelo forte fra le vostre mani.

Continua la lettura
56

Ripetete l'azione per ogni evenienza

Arrivati a questo punto dovrete aspettare quei venti o trenta secondi perché la soluzione non inizi a evaporare lentamente. Questo accade poiché nella vostra soluzione è presente dell'acqua, e come nell'esempio fatto al passo uno di questa guida, essa evaporerà grazie all'effetto dell'ebollizione. Quando effettivamente vedrete l'evaporazione cominciare, segnate la temperatura che ha raggiunto il termometro all'interno della soluzione e spegnete tutto. Una volta fatto questo non vi resta che ripetere le seguenti azioni per ogni tipo di soluzione acquosa che vorrete. Ricordatevi sempre di tenere ben saldo il termometro e di non farlo scivolare all'interno della pentola.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate sempre tutto con calma, per evitare di scottarvi

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il pH relativo ad una idrolisi salina

Il pH è una scala di misura dell'acidità, chiamata anche della basicità di una soluzione acquosa. Fu introdotto nel 1909 con il termine "pH", dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine "p" sta a significare "operatore", e vuole simboleggiare due...
Università e Master

Come determinare il pH nelle bevande e nei succhi

l pH consiste in una scala di misura dell'acidità oppure della basicità di una soluzione acquosa. Il termine "pH" è stato introdotto nel lontano 1909, dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine p (operatore) simboleggia due operazioni matematiche,...
Università e Master

Come verificare il PH di una sostanza

Misurare il pH di una sostanza è una procedura molto comune in chimica. In generale il pH puo' essere valutato sperimentalmente attraverso varie tecniche oppure è possibile valutare teoricamente quale composto sia più acido di un altro attraverso varie...
Università e Master

Come preparare un gel di agarosio

L'agarosio è un poligalattoside estratto dalle alghe rosse marine. Si solubilizza in fase acquosa solo scaldando, e prende consistenza gelatinosa dopo il raffreddamento a temperature inferiori ai 45-50°C. Questo ciclo è reversibile, è possibile infatti...
Università e Master

Come dare la nomenclatura Iupac ai composti ossidi

Durante i cinque anni di liceo tutti gli alunni, specialmente coloro che frequentano il liceo scientifico, devono affrontare il tanto temuto capitolo della Nomenclatura, cioè del dare i nomi specifici ad ogni elemento e composto chimico. Esistono diversi...
Elementari e Medie

Come Estrarre Il Dna Dalle Cellule Viventi

Il DNA è una lunga molecola che contiene il "progetto" di un determinato essere vivente, sia esso un vegetale, un animale o anche un microrganismo. Negli organismi superiori, il DNA è contenuto nel nucleo delle cellule, nei mitocondri e nei cloroplasti....
Università e Master

Come costruire un termometro atmosferico ad aria

Considerati i prezzi più che elevati degli strumenti di misura in commercio, è utile tenere presente che nell'ambito del fai da te, è possibile cimentarsi nella realizzazione di vari tipi di strumenti, tra cui i termometri. Quello che ti suggerisco...
Elementari e Medie

Come Dimostrare La Digestione Ai Bambini

Insegnare qualcosa ai bambini non è per nulla semplice, è necessario avere molta pazienza e soprattutto un metodo semplice ma allo stesso tempo abbastanza efficace, in modo da insegnargli le varie materie facendoli contemporaneamente divertire. La digestione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.