Come calcolare la resistenza di un filo percorso da corrente

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si acquista un elettrodomestico oppure se ne sostituisce una sua componente elettrica, è importante conoscere la resistenza elettrica presente al suo interno, al fine di non acquistare un oggetto potenzialmente pericoloso. Come suggerisce il nome, la resistenza elettrica è quella grandezza fisica che misura la tendenza di un corpo ad opporsi al passaggio di corrente: i fili elettrici provocano una resistenza al movimento degli elettroni, proprio come l'attrito rallenta il moto di una scatola o comunque di un qualcosa che scivola sul pavimento. In altre parole, maggiore è il valore della resistenza, minore sarà l'intensità di corrente elettrica che attraversa il filo conduttore: le due grandezze risultano infatti inversamente proporzionali. Se la corrente che attraversa il filo è troppo elevata (resistenza trascurabile), potrebbe generarsi un cortocircuito che arrecherebbe danni al sistema elettrico e all'elettrodomestico; se la corrente che attraversa il conduttore è invece troppo debole (resistenza eccessiva), avremo un oggetto che funziona poco, nel senso che svolge in maniera insufficiente il suo compito. Stiamo parlando di un argomento sicuramente molto utile ai fini della vita quotidiana, ma spesso non molto chiaro nelle menti degli studenti: spesso questi argomenti appena citati vengono presi in considerazione dagli insegnanti in maniera sbrigativa, o in modo non troppo approfondito e chiaro. Di seguito, vi mostreremo come calcolare la resistenza di un filo percorso da corrente, ricorrendo alle leggi di Ohm e alle relative formule inverse.

27

Occorrente

  • Scatola dell'oggetto acquistato, sulla quale siano indicate caratteristiche fisiche quali la differenza di potenziale, l'intensità elettrica, la potenza elettrica e il materiale
37

Prima legge di Ohm

Per fare in modo che gli elettroni si muovano da un capo all'altro del filo e, quindi, che ci sia passaggio di corrente elettrica, è necessario applicare nelle estremità del filo elettrico una "differenza di potenziale", ovvero una fonte di energia che sia maggiore da un lato e minore da un altro. La prima legge di Ohm ci dice che il rapporto tra la differenza di potenziale elettrico e la resistenza elettrica è uguale al valore dell'intensità di corrente. In formule avremo che I=V/R dove I è l'intensità, V la differenza di potenziale e R la resistenza. La formula inversa per ricavare la resistenza è ottenibile tramite la divisione per V di entrambi i membri dell'equazione (ottenendo così I/V=1/R) e tramite il successivo capovolgimento delle due frazioni elevando entrambe alla potenza -1 (ottenendo V/I=R/1). La formula della resistenza sarà dunque R=V/I. In altre parole, se conosciamo la differenza di potenziale tra i due capi della batteria presente nel nostro oggetto e l'intensità di corrente che attraversa il filo di questa batteria (caratteristiche solitamente segnalate sulle confezioni degli elettrodomestici), potremo andare a calcolare la resistenza elettrica tramite una semplice divisione.

47

Seconda legge di Ohm

La seconda legge di Ohm, avente a che fare direttamente con la resistenza elettrica, ci dice che essa è uguale al prodotto tra la resistività e la lunghezza del filo, diviso la superficie di quest'ultimo. In formule, avremo R=(pxL)/S, dove p è la resistività, L la lunghezza e S la superficie. Per calcolare la resistenza, basterà dunque il materiale di cui è composto il filo e le sue misure. Ogni materiale, infatti, possiede una sua particolare resistività elettrica, ovvero una certa attitudine, esprimibile tramite un numero scalare, ad opporre resistenza al passaggio della corrente elettrica. Per quanto concerne le misure del filo, per lunghezza si intende quella del filo compreso tra i due capi di una batteria elettrica, mentre per superficie si intende il valore dell'area da esso occupata, in altre parole il suo "spessore".

Continua la lettura
57

Terza legge di Ohm

La terza legge di Ohm fa riferimento alla potenza elettrica, definita come il prodotto tra il potenziale elettrico e l'intensità di corrente (in formule P=VxI). Giacché la differenza di potenziale può essere espressa anche come il prodotto tra la resistenza e l'intensità (tramite la seconda formula inversa alla prima legge di Ohm), allora avremo che la potenza elettrica è uguale al prodotto tra la resistenza e il quadrato dell'intensità di corrente. In formule, P=RxI^2, dove I^2 esprime l'elevazione a potenza di 2 dell'intensità. Dividendo entrambi i membri dell'equazione per una stessa quantità ovvero I^2, avremo che la resistenza è uguale al rapporto tra la potenza e il quadrato dell'intensità: se conosciamo queste due grandezze, sarà sufficiente svolgere la divisione per ottenere il valore della resistenza.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Informatevi su quale sia la miglior resistenza per l'oggetto che dovete acquistare
  • Se un elettrodomestico ha la resistenza guasta, sostituitela immediatamente
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la caduta di tensione su una resistenza

In elettronica la parola 'resistenza' viene erroneamente utilizzata per identificare il 'resistore'... Ovvero quel componente che "si oppone" al passaggio della corrente elettrica... E di conseguenza provoca una d. D. P. (differenza di potenziale) e quindi,...
Superiori

Come calcolare la velocità media di un percorso

Tale argomento potrebbe presentare qualche piccola difficoltà se non lo avete mai affrontato, ma con un po' di attenzione ed impegno, potrete comprenderlo utilmente da soli. In questo modo, non avrete bisogno di rivolgervi a chi di competenza per farvelo...
Superiori

Come calcolare la caduta di tensione in corrente alternata

La fisica è una delle materie più odiate al liceo. Molti studenti non riescono a studiarla e spesso viene paragonata alla matematica per la difficoltà e la complessità degli argomenti. Effettivamente, per poter studiare e applicare la fisica bisogna...
Superiori

Come calcolare la resistenza totale di resistenze poste in serie

La fisica è una materia piuttosto interessante ma complessa, necessita di moltissimo studio e pratica per essere compresa ed applicata. Pochissimi infatti sono gli studenti che riescono ad intraprendere questo genere di studi e a portarli a compimento....
Superiori

Come calcolare il modulo di resistenza di una sezione

Una qualsiasi struttura che non viene considerata un corpo rigido (ovvero indeformabile) se sottoposta a sollecitazioni tende a deformarsi. Tali deformazioni danno origine all'interno della struttura a delle reazioni elastiche denominate "tensioni interne",...
Superiori

Come calcolare l'amperaggio di un circuito in serie

In un circuito in serie, ogni dispositivo è collegato in modo tale che vi sia un solo percorso attraverso cui la carica può attraversare il circuito esterno. Ogni carica che passa attraverso l'anello del circuito esterno passa attraverso ciascun resistore...
Superiori

Come funziona un circuito in corrente alternata

La corrente alternata è caratterizzata da un andamento oscillante del valore di tensione che un terminale assume rispetto all'altro, detto neutro. I valori che in dipendenza dal tempo possono essere assunti sono positivi, negativi o nulli, e solitamente,...
Superiori

Come Calcolare Il Campo Magnetico In Un Solenoide

Il solenoide è un filo conduttore avvolto a spirale e comprendente un elevato numero di spire elicoidali su un supporto isolante in genere cilindrico, di lunghezza molto grande rispetto al diametro delle spire. Ciascuna di esse, quando viene percorsa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.