Come calcolare la resistenza al moto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nel'ambito della fisica, il moto è ogni mutamento di posizione di un corpo. Tali cambiamenti sono però legati ad una serie di fattori (ovvero di forze), che danno origine al moto stesso. Lo studio di tali forze prende il nome di "dinamica". Esiste una classificazione delle forze: di peso, frenanti, di aderenza, di trazione e di resistenza al moto. Nella fattispecie, la guida si propone di chiarire come calcolare la resistenza al moto. Il tutto in un contesto di urbanistica stradale, relativamente al moto di un veicolo. Si esamineranno pertanto diversi tipi di resistenza al moto: in riferimento alla pendenza, alle curve, al rotolamento, all'aria ed alla accelerazione. Tutte queste forze esogene, ossia provenienti dall'esterno, si possono calcolare mediante dei procedimenti matematici. Proseguiamo quindi nella lettura dei seguenti passi.

25

Occorrente

  • Carta, penna, calcolatrice.
35

Durante il moto di un veicolo stradale, la pavimentazione funge da forza contraria al movimento. La resistenza al rotolamento si deve principalmente alla deformabilità dei pneumatici, esprimibile tramite l'uguaglianza Rr = uP. In tali simboli "u" è la resistenza al rotolamento, il cui valore dipende dallo stato e dal tipo di pavimentazione, dal tipo di pneumatico e dalla sua pressione di gonfiaggio. In condizioni normali, questo valore si approssima a u = 0,0015 ÷ 0,02 per le autovetture e 0,02 ÷ 0,03 per gli autocarri. È importante sottolineare che la resistenza al rotolamento dipende anche dalla pressione di gonfiaggio, dalla temperatura e dalla velocità.

45

La resistenza che dipende dalla pendenza si può invece facilmente calcolare applicando la formula: Ri = ± iP. In tal caso, "i" è uguale alla pendenza della strada. Ovvero il rapporto fra il dislivello di due punti, che si pongono sull'asse della strada, e la loro distanza orizzontale. Il valore della "i" risulta essere positivo in salita e negativo in discesa. Un'altra forma di resistenza che agisce sul moto di un veicolo è la resistenza all'aria. Per questo tipo di resistenza vale invece la formula Ra = KS V*V. Per "S" si intende la sezione frontale espressa in metri quadri, mentre "V" è la velocità del veicolo. Infine "K" è un valore compreso tra 0,04 e 0,05.

Continua la lettura
55

La resistenza dovuta alle curve è di difficile valutazione matematica, ma è praticamente di entità trascurabile; salvo che nelle curve di piccolo raggio ed in forte pendenza. Per quanto riguarda la resistenza dovuta all'accelerazione, essa dipende dalla formula relativa all'inerzia. Pertanto si avrà: Rin = 0,102 X B2 X a, in cui "a" è l'accelerazione del veicolo. Mentre "B2" è un coefficiente che tiene conto dell'inerzia degli organi del motore e della trasmissione. Calcolare la resistenza al moto è molto importante nei progetti di urbanistica. Tramite questi procedimenti matematici si permette di costruire strade sempre più sicure ed a misura d'uomo. http://adpaloha.altervista.org/wp-content/uploads/2012/11/TET2010_cap4.pdf.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

L'accelerazione in un moto uniformemente accelerato

L'accelerazione è definita come il tasso di variazione della velocità rispetto al tempo, in una data direzione. Le unità di accelerazione sono: ms-2. Ciò significa che se un oggetto ha un'accelerazione di 1 ms-2 aumenterà la velocità solo in una...
Università e Master

Come Calcolare Il Parametro Della Clotoide

Una clotoide, detta anche spirale di Cornu, rappresenta un raccordo progressivo, inserito come elemento di transizione tra un rettifilo ed il successivo arco di cerchio. In buon sostanza di trova tra due archi di cerchio l'uno interno all'altro, ma appartenenti...
Superiori

Fisica: i principi della dinamica

Quando si parla di Dinamica si intende quella parte della Fisica che si occupa di studiare come si muovono i corpi per effetto delle forze che agiscono su di essi. Esistono infatti diversi tipi di forze che agiscono sui corpi e ne modificano il movimento....
Superiori

Leggi della dinamica: appunti

Tra le sottoclassi più affascinanti della fisica c'è senza dubbio la dinamica. Se la cinematica studiava il moto dei corpi rigidi, la dinamica si occupa invece delle cause che generano tali moti. Le cause che permettono ai corpi rigidi (cioè a corpi...
Superiori

Come calcolare la pendenza di un piano inclinato

Per calcolare la pendenza di un piano inclinato (come ad esempio una scivola) dobbiamo rifarsi alla fisica. Infatti, questo è uno strumento di laboratorio formato da un piano obliquo (con la caratteristica di formare angoli che vanno da 0 a 90°) ed...
Superiori

Come calcolare la percentuale di pendenza

Conoscere e calcolare la percentuale di pendenza di un tratto di strada è un'agevolazione per tutti gli sportivi che permette loro di distribuire forze ed energie per tutta la durata del percorso. Ma che cos'è la pendenza? Possiamo definirla come il...
Superiori

Come calcolare la forza dinamica

La Dinamica è la parte della meccanica che studia le cause che producono i movimenti del corpo. I maggiori esponenti dello studio della dinamica furono Galileo e Newton, i quali ebbero delle intuizioni fondamentali, attuali ancora oggi e applicate nel...
Superiori

Come calcolare l'accelerazione del centro di massa

Sia in fisica che in meccanica il centro di massa viene anche detto baricentro, cioè quel punto di un sistema che corrisponde al valore rappresentativo della massa nello spazio e della sua distribuzione. Questo centro di massa però potrebbe non corrispondere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.