Come calcolare la quota di un satellite geostazionario

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questo tutorial di oggi vi spiegheremo come calcolare la quota di un satellite geostazionario. Esso è un calcolo veramente interessante. Per essere più precisi vi andremo ad indicare quale è la quota alla quale orbita un satellite in orbita geostazionaria. Appaiono ad un osservatore che si trova sulla superficie terrestre, fissi i satelliti che si trovano su tale orbita, perché si muovono alla stessa velocità di rotazione della Terra. Continuate la lettura e scoprirete cose veramente curiose ed utili. Buona lettura!

25

Occorrente

  • Foglio
  • Matita
  • Calcolatrice
35

Un satellite geostazionario percorre un'orbita attorno alla terra, quasi circolare, essendo posizionato sul piano dell'equatore. Tutto questo significa che un satellite geostazionario ha lo stesso periodo di rotazione della terra, compiendo un'orbita completa in 24 ore, e perciò un osservatore solidale con la terra, che guarderà il cielo, lo vedrebbe immobile.
La sua principale caratteristica pero', è quella di viaggiare alla velocità identica angolare della terra. Tale condizione ben precisa si andrà a verificare, soltanto se il satellite ha un'altezza ben determinata rispetto alla superficie terrestre.

45

Per calcolare quindi la quota di un satellite geostazionario, prendete innanzitutto un foglio e una matita. Immaginate la figura seguente che riporta un satellite posto ad una certa distanza "r" dal centro della Terra. A voi chiaramente interessa trovare la distanza del satellite dalla superficie terrestre, e non dal centro della Terra stessa.
Dovrete tenere in considerazione infatti che più minore è la distanza, e più maggiore è la forza di attrazione esercitata dalla Terra, perciò dovrà essere maggiore la sua velocità, affinché il satellite rimanga in orbita. Perché tutto funzioni in modo perfetto, chiaramente la distanza dalla Terra, dovrà essere abbastanza enorme da posizionare il satellite nel vuoto (o quasi), cioè dove l'atmosfera terrestre è rarefatta. In tal contrario, il satellite perderebbe velocità per effetto dell'attrito con l'aria e collasserebbe verso la Terra, mettendo termine a qualsiasi tipo di esperimento. È possibile inoltre determinare l’altezza media del satellite, mediante qualche calcolo matematico.

Continua la lettura
55

Dovrete applicare la formula semplicemente che vi indicheremo in basso. Ora dovrete cercare il valore dei parametri che compaiono nella formula.
Dovrete conoscere "T", che è il periodo. Esso è di 24 ore, cioè il tempo di rotazione della Terra. Se andate ad esprimere tale valore in secondi avrete 8, 64 per 10 alla quarta secondi, come riportato nella precedente espressione. Ora dovrete risolvere l'equazione rispetto a "r", cioè la distanza tra il centro della Terra ed il satellite. Otterrete l'espressione che vi sarà citata nel passo che seguirà. L'esponente 1/3 equivale ad una radice cubica.
La costante di gravitazione universale G vale 6,67 per 10 elevato alla meno 11 (come indicato in basso), mentre la massa della Terra M equivale a 5,97 per 10 alla 24 kg. Se cambiate tutti i valori, prendete ora una calcolatrice e dovrete andare ad ottenere il valore "r" = 42.000 km.
Chiaramente, è questa la distanza del satellite dal centro della Terra. Per calcolare la distanza dalla superficie terrestre, sarà sufficiente fare 42.000 km - 6.000 (che è il raggio terrestre), ottenendo perciò 36.000 km.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Scienze: le fasi lunari

Nel 1609 Galileo Galilei osservò la luna col telescopio e notò che questa non presentava una superficie perfettamente liscia. Molteplici altre caratteristiche contraddistinguono quest'astro da altri, secondo la scienze: la luna ha un raggio quattro...
Superiori

Guida ai pianeti del sistema solare

Studiare per molti ragazzi non è mai una gioia ma ci sono certe materie che esercitano sempre un certo fascino nelle giovani menti, le quali, una volta che si comincia a parlare di quell'argomento, proiettano le loro menti ad immagini fantastiche, e...
Superiori

Scienze: le eclissi di sole e di luna

Attraverso un sistema di conoscenze, prodotto con procedure rigorose e metodiche e tramite ricerche organizzate, per ottenere valide descrizioni oggettive e verosimili, di avvenimenti reali e delle diverse leggi che regolamentano i fenomeni naturali,...
Superiori

Come rappresentare il sistema solare

All'interno della presente guida, andremo a parlare di scienza e, più specificatamente, come avrete già potuto notare dal titolo rappresentativo della nostra guida, ora andremo a parlarvi di astronomia. Nello specifico, vi spiegheremo Come rappresentare...
Superiori

Appunti di astronomia: guida ai pianeti

Circa 5 miliardi di anni fa ebbe origine il nostro sistema solare, che deve il suo nome alla stella più grande e luminosa, il Sole. Attorno ad esso ruotano tutti i pianeti ed i rispettivi satelliti, tra cui ovviamente anche la Terra.Del sistema solare...
Superiori

Scienze: i movimenti della Luna

Parte delle scienze si è occupata dello studio dei movimenti della Luna. Il moto più evidente della Luna, per chi la osserva dalla Terra, è quello giornaliero: infatti essa sorge ad Est, culmina sul meridiano dell'osservatore e tramonta ad Ovest, proprio...
Superiori

Scienze: guida sui pianeti

I pianeti (dal greco planetes cioè errante, vagante) sono corpi celesti di forma sferica che non brillano di luce propria ma riflettono la luce del Sole che li illumina e intorno al quale ruotano. Il moto dei pianeti intorno al Sole è detto moto di...
Superiori

Come calcolare la massa di un corpo

Quando si studia a volte si potrà, in un certo senso, imbatterci in argomenti o materie particolari che potranno causare più di un problema, e perciò siamo costretti a vedere nuovamente, rallentando il nostro studio. In tale articolo, vogliamo fermarvi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.