Come calcolare la molalità di una soluzione

Tramite: O2O 16/05/2018
Difficoltà: facile
18

Introduzione

La molalità rappresenta una misura della concentrazione di un soluto in una soluzione, e dipende dal volume. Ovviamente il volume può cambiare, in base al variare della temperatura. Le equazioni di stato, infatti, ci dicono che esistono alcune proprietà caratteristiche dello stato dei fluidi, due tra queste sono volume e temperatura. La molalità, inoltre, è basata sulla massa del solvente utilizzato per realizzare la soluzione, dal momento che la massa non cambia al variare della temperatura. Questa caratteristica permette di calcolarla sia dal punto di vista tecnico che da quello sperimentale. La molalità rimane costante al variare delle condizioni ambientali. In questa breve ma esauriente guida, pertanto, vedremo come calcolare la molalità di una soluzione in maniera corretta. Ricordate che per accedere alle informazioni di questa guida è necessario che siate a conoscenza delle nozioni necessarie di chimica inorganica.

28

Occorrente

  • Carta e penna
  • Calcolatrice
  • Nozioni base di chimica
38

Definizioni generali

La soluzione consiste in una miscela omogenea, costituita da due componenti. Precisamente, uno di questi componenti è definito come soluto, mentre l'altro è noto come solvente. La molalità differisce dalla molarità dal momento che non è suscettibile a variazioni delle condizioni ambientali. Infatti è necessario apprendere che, se la molarità si esprime in moli di soluto diviso il volume di soluzione (in litri), la molalità viene espressa in moli di soluto diviso chilogrammi di solvente (n_soluto/kg_solvente). Concettualmente le due entità non sono così opposte, ma le unità di misura appena descritte fanno capire quanto siano diverse. Una analizza il volume, mentre l'altra si occupa di scandagliare le informazioni sulla massa.

48

Esempio

Per calcolare la molalità è sufficiente effettuare la divisione tra le moli di soluto ed i kg di solvente. Un esempio, potrà farci comprendere questo concetto nel migliore dei modi. Nel caso in cui ci troviamo di fronte a 116,88 g di NaCl (con massa molecolare= 58,44 g/mol) disciolti in 0,5 litri di H2O, vediamo come bisogna procedere. Per calcolare la molalità della soluzione, in questo caso, per prima cosa si devono calcolare le moli di NaCl. Quindi, ne deriva che N=g/MM=116,88/58,44= 2 mol. A questo punto, possiamo affermare che la massa del solvente sarà la seguente: massa=densità*volume=1 kg/dm^3 * 0,5 dm^3=0,5 Kg. Pertanto la molalità, che si scrive m e non si deve confondere con la m di massa, sarà la seguente: m=n/Kg_solvente= 2 mol/0,5 Kg=4 mol/Kg. È stata considerata la densità di H2O 1 kg/dm^3. Questo piccolo esempio è perfetto e calzante per spiegare di cosa stiamo parlando e quali componenti siano in gioco. Nei link in basso troverete altri esempi di questo tipo, utili per rafforzare i concetti e la tecnica.

Continua la lettura
58

Consigli pratici

Si tratta, pertanto, si un processo per nulla complicato. Infatti è sufficiente conoscere qualche elemento essenziale in materia, e tutto quanto dovrebbe risultare particolarmente semplice. Vi consigliamo, per ottenere una maggiore dimestichezza con questi concetti, di eseguire molti esercizi e soprattutto di allenarsi abbastanza. Solo con una buona esercitazione, infatti, si vedrà che con il trascorrere del tempo questo esercizio dovrebbe risultare semplicissimo. Pertanto è questione di buon allenamento ed abitudine. È buona regola, inoltre, concentrarsi sempre nell'esecuzione dell'esercizio, dal momento che per eseguire un calcolo, basta un piccolissimo errore e l'esercizio non verrebbe risolto in maniera corretta. Pertanto è fondamentale prestare la massima attenzione, e soprattutto concentrarsi sull'argomento. Si consiglia anche di crearsi una tabella schematica, che sicuramente faciliterà lo studio. In questa tabella si dovrebbe riassumere il procedimento che serve per i propri esercizi. La tabella verrà usata nelle prime applicazione per imparare il metodo, ma è fondamentale che mano a mano che si raggiunge una certa dimestichezza, essa venga accantonata.

68

Calcolo inverso

Come si può vedere dall'esempio esposto, i calcoli per la molalità sono relativamente semplici. Tuttavia occorre ricordarsi che, per trovare il numero di moli in un soluto e la massa del solvente, la situazione diventa leggermente più complicata del solito. Nel caso in cui non dovesse conoscere la massa del solvente, molto spesso si conosce il valore del volume. Occorre utilizzare la densità del solvente per trovare la massa. Questo tipo di calcoli inversi non sono molto più complicati, ma necessitano di un approfondimento che non può essere esplicato in questa guida. Vi rimandiamo, quindi, alla guida adatta che trovate sul sito. Buono studio e in bocca al lupo!

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione nei calcoli e nelle unità di misura.
  • Costruite la tabella di processo nel modo più chiaro possibile per evitare confusione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il punto di fusione attraverso la molalità

Con questa guida ci proponiamo di spiegarvi uno dei calcoli chimici più interessanti da scoprire che è strettamente collegato alla trasformazione di sostanze che si ritrova in vari stati di consistenza. Vedremo, dunque, come far a calcolare il punto...
Superiori

Come calcolare le moli usando la molalità

Chi studia chimica si trova ad utilizzare una grande varietà di termini al fine di andare a descrivere le concentrazioni delle varie soluzioni. Uno di questi è appunto la mole e serve a descrivere un quantitativo di particelle presenti all'interno di...
Superiori

Come calcolare la percentuale in peso di una soluzione

Per calcolare la percentuale in peso di una soluzione, è importante avere le nozioni basilari della chimica. La chimica è una scienza che abbraccia molte materie, come la fisica e la matematica ed è abbastanza vasta e complicata. Le soluzioni in genere,...
Superiori

Come calcolare la concentrazione molare di una soluzione

Questa guida è piuttosto semplice se si seguono tutti i passaggi alla lettera, altresì può risultare un po' complicata. Armatemi ti molta pazienza e prendetevi tutto il tempo utile per leggere e comprendere la spiegazione.La concentrazione molare di...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari dei componenti in una soluzione chimica

La frazione molare rappresenta uno dei metodi per esprimere la concentrazione di una specie chimica presente in una determinata soluzione. Essa è data dal rapporto tra il numero di moli di un componente della soluzione ed il numero di moli totale. Generalmente,...
Superiori

Come calcolare il calore specifico di una soluzione

In questa guida andremo a capire come calcolare il calore specifico di una soluzione. Per comodità prenderemo in analisi un metallo molto importante, il rame. Ora, questo si fa già molte volte, in modo che il valore sia disponibile nei libri di riferimento....
Superiori

Come calcolare la forza ionica di una soluzione

La forza ionica indica la quantità di ioni presenti in una determinata soluzione, che può essere calcolata in base a delle precise formule chimiche. Per chi non ha molto dimestichezza con la materia, nei passi successivi in merito a ciò, troviamo una...
Superiori

Come calcolare il pH di una soluzione di acido debole

Sicuramente, qualche volta o per passione o durante la vostra avventura scolastica, vi sarà capitato di incappare nel calcolo del pH di una soluzione di acido debole. In generale, un acido debole HA, si dissocia parzialmente nei propri ioni, H+ ed A-,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.