Come calcolare la massa molecolare di un gas

Tramite: O2O 27/09/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

La stechiometria è la parte della chimica che studia l'effettiva composizione molecolare dei campioni. Si tratta nella maggior parte dei casi di valutarne la formula bruta, cioè quanti atomi per specie sono presenti in una molecola. Ovviamente non si va a prendere una molecola isolata, che peraltro molto spesso non esiste, ma una certa quantità di materia, ed usando vari sistemi, se ne stimano gli ingredienti. Si tratta di impostare sistemi di equazioni lineari sfruttando ad esempio il campione puro, ed vedendo come cambia di peso dopo che lo si è fatto reagire con composti noti. Maggiore è la complessità della molecola, maggiore è il numero di passaggi, reazioni ed equazioni. Ci limiteremo invece a vedere come calcolare la massa molecolare di un gas.

27

Occorrente

  • Un buon libro di chimica
37

Equazioni dei gas

Parliamo dei gas, che sono uno stato della materia in cui le molecole sono svincolate ed indipendenti fra loro ed interagiscono solo tramite urti elastici casuali. Nel modello ideale tutti i gas hanno lo stesso volume molecolare, possiamo dedurre che ad ogni alta pressione o temperatura, il volume è il medesimo anche per i gas ideali. Da questo punto partiamo col dire che la rappresentazione matematica deriva da: PV = RT. Naturalmente, ?P? sta per pressione, ?V? equivale al volume, ?n? corrisponde al numero di molecole del gas, ?R? è la costante generale dei gas (pari a 0,0821 K?1 mol?1) e ?T? è la temperatura. Abbiamo usato una parte dei termini che abbracciano tale elemento, continuiamo col dire che per ottenere il valore di n, non vi rimane che utilizzare la formula inversa: n=PV/RT e trasformare la temperatura da gradi Celsius in Kelvin, visto che si tratta di gas. Per la stragrande maggioranza dei gas in condizioni ordinarie si può assumere che l'equazione dei gas perfetti PV=nRT approssimi in maniera più che accettabile il comportamento, perché si assume per vero che non ci siano reazioni col contenitore, e che le molecole siano abbastanza distanti fra loro e piccole rispetto al volume del campione.

47

Esempio pratico

Passiamo a vedere un esempio pratico, calcolando la massa molecolare di 400 mg di un qualsiasi gas, questo verrà contenuto in un recipiente da 40 litri alla temperatura di 30°C e ad una pressione di 20 atm, termini non sempre riconoscibili, documentarci ci torna sempre utile per avere una ulteriore conoscenza di una sostanza che usiamo sempre nel quotidiano. Continuiamo a trasformare i gradi Celsius in Kelvin sostituendo la formula prevista con i valori in nostro possesso, il numero delle moli "n" possiamo anche indicarle come massa, espressa in grammi (g) divisa per la massa molecolare (M), sostituire nuovamente con i valori numerici: M = 32,14 moli ? 400 mg ed M = 12856 g/mol, in questo modo abbiamo ottenuto la massa molecolare del gas. Per la stima del peso molecolare, infatti, la conoscenza della formula del gas è completamente inutile, mentre per il processo inverso è indispensabile.

Continua la lettura
57

Condizioni di impiego

Abbiamo effettuato il calcolo nell'ipotesi esemplificativa che si possa considerare attendibile l'equazione dei gas perfetti. Quali sono le ipotesi grossolane che ce lo consentono? Per prima cosa dobbiamo considerare il gas non interagente chimicamente con il contenitore, cioè che le molecole si limitino a rimbalzare sulle pareti con urti perfettamente elastici, che sono la finte della sua temperatura. Il gas deve essere formato da molecole piccole rispetto al contenitore, quindi per esempio se lo spazio di indagine fosse grande quanto tre molecole, le ipotesi non sarebbero valide. Il gas non deve fare cambiamenti di massa dovuti a passaggi di stato nel tempo di osservazione, cioè non deve solidificarsi o liquefarsi in parte durante la stima. In un problema teorico queste informazioni sono riportate nel testo, mentre in un caso pratico devono essere verificate. Per esempio, una bombola di GPL con una parte di gas liquefatto ed una parte no, non rispetterebbe le condizioni se la stima avvenisse a ridosso di una fase di apertura e chiusura del suo rubinetto, mentre in condizioni statiche le ripeterebbe se osservata su un periodo sufficiente. L'equazione ideale dei gas inoltre si applica solo in condizioni mediamente statiche, cioè non quando ci troviamo nei pressi dei punti di cambiamento di stato che vengono dedotti da osservazioni pratiche e che per molti gas di uso comune e tecnici sono riportate in tabelle e diagrammi, a seconda dell'impiego che se ne deve fare.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Memorizzate accuratamente le diverse formule, ed i passaggi che ne derivano: solo così comprenderete il corretto procedimento di calcolo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Massa atomica e massa molecolare: come si calcolano

La Massa Atomica è la somma di tutti i protoni, neutroni ed elettroni che insieme compongono un atomo o una molecola. La massa di un elettrone è molto piccola, quindi è trascurabile e non è inclusa nel calcolo. Questo termine è spesso usato per riferirsi...
Superiori

Come determinare il peso molecolare di un gas

Un gas ideale è un gas immaginario, le cui particelle sono puntiformi e prive di volume ed hanno attrazione reciproca trascurabile. L'equazione P%u2022V = n%u2022R%u2022T detta equazione di stato dei gas ideali, lega le variabili che influenzano lo stato...
Superiori

Come calcolare la massa molare dell'aria

Tra gli argomenti che adorano gli studenti delle scuole superiore o meglio degli istituti tecnici rientrano sicuramente quelli della fisica. La comprensione delle sue nozioni principali richiede una certa predisposizione verso i concetti ed una buona...
Superiori

Come calcolare la formula molecolare

In questa semplice ed esauriente guida ci occuperemo di un argomento abbastanza particolare. La materia trattata è la chimica, e nello specifico tratteremo del calcolo della cosiddetta Formula Molecolare. Innanzitutto è fondamentale sapere che la Formula...
Superiori

Come calcolare la molarità dal peso molecolare

Nel campo della chimica quando si parla di soluzione, si intende un miscuglio con le stesse caratteristiche di composizione, per cui viene definito omogeneo, e l'identificazione avviene in base al rapporto che si ottiene con una sostanza solvente. Un...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari utilizzando la percentuale di massa

Un soluto si dissolve in un solvente per fare una soluzione. La concentrazione indica quanto di un composto o miscela è disciolto nella soluzione e si puó esprimere in vari modi. Le frazioni molari si riferiscono al rapporto fra numero di moli di soluto...
Superiori

Come Calcolare I Calori Specifici Del Gas Perfetto A Volume Costante

All'interno della presente guida andremo a occuparci di chimica. Nello specifico, come facilmente avrete notato dal titolo della guida stessa, ora andremo a spiegarvi Come Calcolare I Calori Specifici Del Gas Perfetto A Volume Costante.La chimica, si...
Superiori

Come calcolare il volume di un gas

Molto spesso in chimica generale viene richiesto ad uno studente di calcolare il volume di un gas (può essere indicato anche come volume molare). Questo è il volume occupato dalla sostanza volatile (che sia questo un elemento oppure un composto chimico)...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.