Come calcolare la funzione di ripartizione empirica

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Quando si affronta lo studio a scuola o all'università, ci si può imbattere in argomenti o materie piuttosto complesse e ostiche. In questa guida affronteremo un tema che può generare non pochi grattacapi. Infatti vederemo il concetto di funzione di ripartizione empirica e vi indicheremo lo svolgimento più adeguato per risolverla. Vediamo, quindi, come calcolare la funzione di ripartizione empirica.

26

Occorrente

  • Un buon libro di statistica
36

La rappresentazione

La rappresentazione di una funzione di ripartizione empirica, consiste in un procedimento abbastanza laborioso e complicato, che abbraccia il campo della statistica e del calcolo delle probabilità. Se non siete in grado di calcolare correttamente tale funzione, non temete.

46

La funzione di ripartizione

Per comprendere meglio il concetto, esaminiamo la seguente formula:

F (y) = P (Y ≤ y) .

In un determinato evento, la funzione di ripartizione permette di collegare ad ogni valore di y la possibilità della variabile causale Y di assumere valori minori o uguali a y. Quindi, la funzione F avrà come dominio R (cioè l’insieme reale) e, come immagine, l’intervallo [0,1]: Vediamo, quindi, quali sono i criteri di calcolo. Considerando che la funzione F (y) indica il numero di osservazioni del fenomeno uguali o minori a y, la sua espressione sarà la seguente:

F (y)= 0 se y < y1
F (y)= Fi =Σ j ≤ i fi se yi ≤y< yi+1
F (y)= 1 se x≥xn .

Dove, Fi sono le frequenze cumulate e y1, …, yn sono gli intervalli di osservazione, ordinati in senso crescente.

F: R → [0,1].

Continua la lettura
56

Il concetto generale

Avete trovato la guida giusta per voi. Una funzione di ripartizione, detta anche funzione di probabilità cumulata, o di distribuzione cumulativa, è una funzione di variabile reale. Quindi un fenomeno che opera su numeri reali, per modificarli in altri numeri, altrettanto reali. In altre parole, agisce sul dominio R, o su un suo sottoinsieme, fornendo indicazioni su un determinato fenomeno (sia esso un evento accidentale o un insieme di dati), in relazione ad un suo intervento prima o dopo un certo punto. Chiarito il concetto generale, andiamo a delineare dettagliatamente la nozione statistica di funzione di ripartizione empirica. Il suo uso è necessario per la quantificazione e la misura dei fenomeni non su scala nominale, ma su scala intervallare, ordinale e proporzionale. Ricordiamo che la scala intervallare è necessaria per la quantificazione della diversità tra due valori e per la loro ordinazione. La scala ordinale serve a stabilire se un valore è maggiore, uguale o minore ad un altro. Mentre quella proporzionale si usa per definire la proporzione tra due valori e la loro possibile differenza.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studio regolare ed esercitazione costante
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il valore medio di una funzione

La prima applicazione degli integrali a cui daremo uno sguardo è il valore medio di una funzione. Il fatto seguente ci dice come calcolare questo. Quindi come calcolare il valore medio di una funzione. Il valore medio di una funzione sull'intervallo...
Superiori

Come calcolare il dominio di una funzione logaritmica

In matematica, il dominio di una funzione non è altro che quell'insieme di numeri che possono essere inseriti nella funzione stessa. In altre parole, si tratta dell'insieme delle X che è possibile inserire in una determinata equazione. A tal proposito,...
Superiori

Come calcolare il dominio di una funzione esponenziale

In analisi matematica si incontrano spesso delle difficoltà dovute al fatto che molti argomenti sembrano inizialmente ostici ma, una volta compresi a pieno, la strada sarà sicuramente più agevole. In particolare uno dei primi esercizi a cui si va incontro...
Superiori

Come calcolare il dominio di una funzione a tratti

In questa bella guida, che abbiamo pensato di proporvi, vogliamo cercare di capire ed insegnare a tutti voi, cari lettori, come poter calcolare, nel migliore dei modi ed in maniera semplice e veloce, il dominio di una funzione a tratti. Le funzioni sono...
Superiori

Come calcolare il dominio di una funzione con radice

Lo studio di una funzione richiede delle particolari conoscenze matematiche che ne consentono lo svolgimento corretto e accurato. Sono molti i dettagli a cui si deve far attenzione, a partire dalla stessa analisi della funzione fino ad arrivare alla sua...
Superiori

Come calcolare la derivata di una funzione logaritmica

Sappiamo bene che per fare uno studio di funzione dobbiamo per forza calcolare la sua derivata. Finché si studiano le funzioni classiche con l'incognita x e y, pare che gli studenti non abbiano troppi problemi. Quando invece l'incognita diventa un esponente,...
Superiori

Come calcolare la derivata di una funzione composta

Se avete la necessità di conoscere delle regole specifiche per svolgere in maniera non troppo complessa dei problemi matematici, come ad esempio per calcolare la derivata di una funzione composta, allora è il caso di documentarvi in maniera approfondita....
Superiori

Come calcolare il massimo e il minimo di una funzione

In matematica si possono trovare tra le varie operazioni da compiere, le cosiddette funzioni. Una funzione è in sostanza una relazione che si crea tra due valori generici, x, detto dominio, ed y, detto codominio. Il massimo e minimo di una funzione invece...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.