Come calcolare la frequenza relativa

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nelle statistiche, a volte pochi numeri nei dati dati sono ripetuti un paio di volte. Questa ripetizione di un numero particolare è chiamata la frequenza. La frequenza di un oggetto rappresenta il numero di volte in cui quell'elemento appare nei dati. D'altra parte, la frequenza relativa di un numero è la sua frequenza rispetto alle frequenze totali di tutti i numeri. La frequenza relativa viene valutata dividendo la frequenza individuale di un oggetto per il numero totale di frequenze. La formula per la frequenza relativa è riportata di seguito. Ecco dunque a seguire come calcolare nella maniera corretta la frequenza relativa.

27

Occorrente

  • Matita
  • Calcolatrice scientifica
  • Libri di matematica
  • Foglio a quadretti
37

Frequenza cumulativa

Una distribuzione di frequenza mostra il numero di elementi in un set di dati che appartengono a ciascuna classe. In una distribuzione di frequenza relativa, il valore assegnato a ciascuna classe è la proporzione dell'insieme dei dati totale che appartiene alla classe. Esistono due diversi tipi di frequenze: la frequenza cumulativa, che è il totale di tutte le frequenze assolute di tutti gli eventi, che si trovano al di sotto del punto particolare, in un dato elenco di eventi che è stato formulato in un ordine.

47

Frequenza relativa

La frequenza relativa, si riferisce alla frequenza assoluta di un evento che è normalizzata dal numero totale degli eventi dati.La frequenza relativa indica quante volte succede qualcosa dopo aver diviso per il numero totale dei risultati. È più un concetto sperimentale che teorico. In generale usiamo il concetto di frequenza relativa in un caso di un numero elevato di prove. Questo può essere fatto solo praticamente e non in teoria. Poiché il concetto è sperimentale, è possibile ottenere una frequenza relativa distinta ogni volta che si ripete l'esperimento. Ad esempio: ho segnato un 'A' 7 volte su 10 test. Quindi 7 è la mia frequenza di segnare un 'A' e 100% = 70% è la frequenza relativa del mio punteggio. Quando sommiamo tutte le frequenze relative, la somma è sempre uguale a 1, trascurando l'eventuale arrotondamento.

Continua la lettura
57

Esempio pratico

La frequenza relativa viene utilizzata nelle probabilità quando non è facile valutare la probabilità di determinati eventi, osservando le loro situazioni. Ad esempio, il risultato di una qualsiasi partita per la vittoria, la sconfitta o il pareggio non può essere determinato poiché tutti i risultati sono ugualmente probabili, ma si può stimare la probabilità guardando la vittoria o la sconfitta delle partite precedenti e il modo in cui il gioco procede fino a quel momento.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando sommiamo tutte le frequenze relative, la somma è sempre uguale a 1, trascurando l'eventuale arrotondamento.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la mediana relativa all'ipotenusa

Una delle figure geometriche più affascinanti, per la quantità più che notevole di teoremi e particolarità in suo proposito, è sicuramente il triangolo. Una delle lunghezze caratteristiche di un triangolo è la cosiddetta mediana, il segmento che...
Superiori

Come calcolare la mediana di una distribuzione di frequenza

La statistica è una disciplina che studia i fenomeni da un punto di vista quantitativo e qualitativo, utilizzando come strumenti il metodo scientifico e la matematica. La statistica si suddivide in descrittiva e inferenziale. La statistica descrittiva...
Superiori

Come calcolare la frequenza allelica

I genetisti sfruttano le frequenze alleliche per descrivere come un pool genetico possa variare nel tempo. L'utilizzo di queste frequenze presenta diversi vantaggi negli organismi che si riproducono per via sessuata. Gli alleli si formano per riduzione...
Superiori

Come calcolare l'umidità relativa dell'aria

Il cosiddetto "ciclo dell'acqua", da cui dipende la vita stessa nel nostro pianeta, è legato a molti fenomeni complessi che a loro volta avvengono perché fino a circa 10 km di altezza nell'atmosfera terrestre è presente un certo quantitativo di vapore...
Superiori

Come calcolare la massa atomica relativa

La misura della massa atomica rappresenta la misurazione della massa di un singolo atomo di un determinato elemento.Questa viene calcolata sommando le masse di neutroni e protoni nell'elemento, trascurando invece gli elettroni, che hanno una massa pressoché...
Superiori

Come calcolare la frequenza di taglio di un filtro

I filtri sono oggetti che consentono il passaggio solo di alcune componenti di un segnale in uscita, senza però introdurre distorsioni. In sostanza quando in ingresso al filtro troviamo una certa distribuzione spettrale, le componenti al suoi interno...
Superiori

Come calcolare la frequenza assoluta

Le frequenze, in statistica, si usano per la rappresentazione dei dati che vengono rilevati attraverso le distribuzioni di frequenza. Le frequenze possono essere assolute, relative o percentuali. In questo articolo ci si occuperà di comprendere il significato...
Superiori

Come usare gli avverbi di frequenza in inglese

Riuscire a parlare correttamente l'inglese, oltre ad ampliare il nostro bagaglio culturale, ci consente di avere maggiori possibilità in campo lavorativo. Chi intraprende questo genere di studio, inizialmente potrà avere delle difficoltà e pensare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.