Come calcolare la frequenza allelica

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I genetisti sfruttano le frequenze alleliche per descrivere come un pool genetico possa variare nel tempo. L'utilizzo di queste frequenze presenta diversi vantaggi negli organismi che si riproducono per via sessuata. Gli alleli si formano per riduzione dei genotipi e vengono trasmessi da una generazione all'altra.
Soltanto gli alleli hanno una continuità temporale e il pool genetico si evolve attraverso variazioni nelle frequenze alleliche.
In questa guida verrà spiegato come calcolare la frequenza allelica in diverse condizioni.

24

Calcolo frequenze alleliche

Esistono due metodi per calcolare le frequenze alleliche: tramite i numeri dei diversi genotipi osservati a un determinato locus e tramite le frequenze genotipiche.
Per il primo metodo bisogna conteggiare il numero di alleli di un tipo e dividerlo per il numero totale di alleli nella popolazione.
Quando ad un locus sono presenti due alleli si può usare la seguente formula per calcolare la frequenza allelica: p = f (A) = (2 x n° di omozigoti AA + n° di eterozigoti Aa) / (2 x n° totale di individui).
Il secondo metodo abbiamo detto che utilizza il calcolo delle frequenze genotipiche:
- p = f (A) = frequenza degli omozigoti AA + 1/2 frequenze degli eterozigoti Aa.
- q = f (a) = frequenza degli omozigoti aa + 1/2 frequenze degli eterozigoti Aa.
La somma delle frequenze alleliche deve sempre dare un totale di 1. Dunque una volta ottenuto il risultato di p, q può essere ricavato da: q = 1 - p.

34

Calcolo frequenze alleliche nel caso di alleli multipli

Si consideri un caso dove sono presenti tre alleli (A¹, A², A³) a un locus. Per calcolare la frequenza allelica si usa lo stesso metodo applicato prima nel caso di due alleli; per ciascun tipo si esegue la somma del numero di alleli e viene diviso per la popolazione:
p = f (A¹) = (2 x n° di A¹) + (A¹A²) + (A¹A³) / (2 x n° totale di individui).
Si applica la stessa formula per A² e A³.
Per il metodo delle frequenze genotipiche viene fatta la somma tra la metà della funzione omozigote alla metà di quella eterozigote:
- p = f (A¹) = f(A¹A¹) + [f(A¹A²)]/2 + [f(A¹A³)]/2.
Lo stesso calcolo viene eseguito su A² e A³.

Continua la lettura
44

Calcolo frequenze alleliche a un locus associato al cromosoma X

Risulta abbastanza complicato calcolare la frequenza allelica in un locus localizzato sul cromosoma X in quanto i maschi possiedono un unico allele associato a questo cromosoma.Possono essere applicati i principi usati per i loci autosomici.Le femmine omozigote possiedono due alleli associati al cromosoma X mentre quelle eterozigote ne possiedono solo una. Il prodotto del numero di femmine omozigote, sommato al numero delle femmine eterozigote e quello dei maschi emizigoti, deve poi essere diviso per il numero totale di alleli nella popolazione. Quest'ultimo viene stabilito sommando il doppio del numero delle femmine al numero dei maschi.Così facendo si ottiene il valore della frequenza allelica associata al cromosoma X.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come usare gli avverbi di frequenza in inglese

Riuscire a parlare correttamente l'inglese, oltre ad ampliare il nostro bagaglio culturale ci consente di avere maggiori possibilità in campo lavorativo. Chi intraprende questo genere di studio, inizialmente potrà avere delle difficoltà iniziali e...
Superiori

Come Calcolare L'Effetto Doppler

Molti di noi avranno sentito parlare dell'effetto doppler, continuandosi a chiedere che cosa sia. In questa piccola e semplice guida vi spiegherò in cosa consiste questo fenomeno e come si può calcolare. L'effetto Doppler è un fenomeno fisico che consiste...
Superiori

Come calcolare il numero d'onda

Come suggerito da Einstein agli inizi del XX secolo, la luce e la materia hanno un comportamento duale. Entrambe infatti presentano un comportamento sia corpuscolare che ondulatorio. Ciò significa che la materia, che fino a quel momento aveva il solo...
Superiori

Come calcolare gli angoli di fase nei circuiti RLC

Per un ingegnere elettronico o per chiunque abbia a che fare con circuiti e sistemi complessi, conoscere la propria materia è fondamentale. Sia che si tratti di una passione coltivata in privato, sia che si tratti di lavoro, per un professionista è...
Superiori

Come calcolare la media ponderata

In algebra, la media ponderata, ci consente di prendere in considerazione il numero di volte in cui un determinato valore compare nei dati raccolti, cioè la sua frequenza o il suo peso. Questo tipo di media viene utilizzato in ambito universitario proprio...
Superiori

Come calcolare la densità lineare

La densità lineare detta anche massa lineare è una misura di massa per unità di lunghezza. La densità lineare riferita alla massa si può calcolare per gli oggetti monodimensionali, cioè oggetti in cui una dimensione è più grande rispetto alle...
Superiori

Come calcolare la lunghezza d’onda

La maggior parte di noi conosce il significato di onda, almeno intuitivamente parlando. Se lanciamo un sasso nello stagno, dal punto dove esso impatta sull'acqua si formano dei cerchi concentrici che si allontanano dal centro. Queste circonferenze concentriche...
Superiori

Come calcolare i quartili in una distribuzione in classi

La statistica è una scienza che si occupa di elaborare e raccogliere dati. Lo studio dei dati a disposizione si basa su strumenti matematici molto potenti. Questi a sua volta ci consentono di trarre diverse conclusioni dall'analisi dei dati. Uno di questi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.