Come calcolare la forza ionica di una soluzione

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La forza ionica indica la quantità di ioni presenti in una determinata soluzione, che può essere calcolata in base a delle precise formule chimiche. Per chi non ha molto dimestichezza con la materia, nei passi successivi in merito a ciò, troviamo una guida in cui sono indicate le modalità (esercizi) su come calcolare la forza ionica di una soluzione.

24

La formula per calcolare la forza ionica che necessariamente bisogna applicare in tutti i casi è --> Fi = 1/2 Σ (Ci Zi ²). Nel dettaglio "Ci" sta ad indicare la concentrazione molare di ogni singolo ione presente nella soluzione analizzata, "Zi" corrisponde invece al valore assoluto di ciascuno ione, mentre il simbolo greco sigma (Σ) rappresenta la somma di tutti i valori degli ioni presenti in parentesi, che devono essere quindi sommati tra loro.

34

Per capire dettagliatamente come avviene il calcolo per ottenere la forza ionica di una soluzione contenente ioni Na (sodio) e Ca (calcio), ci atteniamo a delle formule di seguito elencate. Prima di procedere è da premettere che il sodio è uno ione positivo con un elettrone in meno, mentre il calcio è negativo con invece due elettroni in più. Bisogna inoltre tenere presente, che tutti gli ioni sono contenuti in una determinata concentrazione di 0,3M (molare). È importante tuttavia ricordare che come già specificato nel passo precedente, il valore assoluto (la carica) del sodio è 1 e quello del calcio è 2. A questo punto, visto che siamo in possesso di tutti i dati necessari, possiamo procedere alla soluzione del problema, effettuando dei semplicissimi calcoli matematici. Fi = 1/2 Σ (Ci Zi²). Iniziamo con il sostituire ogni valore. 1/2 { [Na] (Ci X Zi²) + [Ca] (Ci X Zi²)} = 1/2 (0,30 X 1 + 0,30 X 2) = 1/2 (0,30 + 0,60) = 1/2 (0,90) = 0,45. Quindi, in definitiva, la forza ionica della soluzione che abbiamo preso in considerazione è uguale a 0,45.

Continua la lettura
44

Adesso per vedere se tutto è chiaro, è opportuno fare una seconda prova come ad esempio calcolando la forza ionica di una soluzione 0,02M di CaCl2. Innanzitutto per prima cosa, bisogna dissociare il sale con la seguente formula: Ca (2+) e 2 Cl (1-). In questo caso si avrà (Ca) = 0,02M e (Cl) = 0,04M dal momento che abbiamo il numero 2 davanti al simbolo del cloro. Risolviamo ora l'equazione precedente: Fi = 1/2 Σ (Ci Zi²) = 1/2 [(0,02 X 2²) + (0,04 X 1²)] = 1/2 (0,02 X 4) + (0,04 X 1) = 1/2 (0,08 + 0,04) = 1/2 (0,12) = 0,6. La concentrazione ionica di questa soluzione sarà pertanto uguale a 0,6. A margine di quanto sin qui descritto e provato con i suddetti esercizi, diventa sicuramente più facile farne degli altri, calcolando quindi la forza ionica di una soluzione chimica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la molalità di una soluzione

La molalità rappresenta una misura della concentrazione di un soluto in una soluzione, e dipende dal volume. Ovviamente il volume può cambiare, in base al variare della temperatura. La molalità, inoltre, è basata sulla massa del solvente utilizzato...
Superiori

Come calcolare la concentrazione molare di una soluzione

Questa guida è piuttosto semplice se si seguono tutti i passaggi alla lettera, altresì può risultare un po' complicata. Armatemi ti molta pazienza e prendetevi tutto il tempo utile per leggere e comprendere la spiegazione.La concentrazione molare di...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari dei componenti in una soluzione chimica

La frazione molare rappresenta uno dei metodi per esprimere la concentrazione di una specie chimica presente in una determinata soluzione. Essa è data dal rapporto tra il numero di moli di un componente della soluzione ed il numero di moli totale. Generalmente,...
Superiori

Come calcolare il calore specifico di una soluzione

In questa guida andremo a capire come calcolare il calore specifico di una soluzione. Per comodità prenderemo in analisi un metallo molto importante, il rame. Ora, questo si fa già molte volte, in modo che il valore sia disponibile nei libri di riferimento....
Superiori

Come calcolare la forza di attrito su un piano inclinato

L'attrito è la forza che si oppone al moto di qualsiasi oggetto. Per fermare un oggetto in movimento, una forza deve agire in senso opposto alla direzione di movimento stesso. Per esempio, se viene esercitata una pressione su un libro sulla scrivania...
Superiori

Come calcolare la forza d'attrito radente

La forza di attrito, nel settore della fisica, equivale alla potenza data dal contatto tra due aree e dalla successiva opposizione della massa al relativo movimento. In qualsiasi corpo fisico troviamo l'attrito, anche in quantità microscopica. In questa...
Superiori

Come calcolare il pH di una soluzione di acido debole

Sicuramente, qualche volta o per passione o durante la vostra avventura scolastica, vi sarà capitato di incappare nel calcolo del pH di una soluzione di acido debole. In generale, un acido debole HA, si dissocia parzialmente nei propri ioni, H+ ed A-,...
Superiori

Come calcolare la forza media

La forza, indipendentemente dalla sua natura, generalmente è la causa dell'accelerazione di un corpo. In Fisica, in particolare, essa è definita come un vettore, cioè una grandezza dotata di precise intensità, direzione e verso. Nonostante possa sembrare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.