Come calcolare la forza frenante

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Per chi ama i settori scientifici e desidera proseguire gli studi con dei percorsi universitari ad indirizzo fisico o matematico, sicuramente inizialmente potranno esserci delle difficoltà a capire per esempio degli argomenti specifici come quello delle forze. Molto spesso chi studia fisica si ritrova ad affrontare problemi relativi alle frenate, alle forze, all'attrito e ai coefficienti di attrito. Una delle difficoltà più importanti per chi studia materie come fisica è sicuramente quella legata alla risoluzione del problema delle forze frenanti. In questa guida, a tal proposito, troverete una spiegazione concisa su come calcolare la forza frenante.

26

Occorrente

  • Libri di fisica.
36

Considerate degli esempi pratici

La forza frenante o d'attrito spesso viene spiegata attraverso alcuni esempi giornalieri che accadono quotidianamente. Per esempio la frenata di un motorino, quella di un'automobile o di un camion, vengono solitamente spiegate attraverso la forza frenante. Ogni veicolo in procinto di frenare deve infatti riuscire ad attivare una condizione detta di scivolamento, ma in realtà senza mai raggiungerla. In sostanza ogni mezzo che deve franare deve provocare tra il proprio pneumatico e il terreno una sorta di attrito radente di tipo statico. Con questi esempi è molto più facile capire le condizioni in cui un autoveicolo si trova a frenare ed è molto più facile capire la forza frenante.

46

Ricordate la formula

Ovviamente la forza frenante o di attrito varierà in base alla tipologia di terreno o di condizione atmosferica con cui un autoveicolo si ritroverà a frenare. Questi sono concetti basilari per capire la forza d'attrito, ma quest'ultima può anche variare a seconda della grandezza degli pneumatici o delle condizioni di questi ultimi. In sostanza la formula che vi permetterà di calcolare la forza frenante non è altro che Fa = K * P. La "K" indicherà il coefficiente di attrito mentre "P" indicherà il peso. Per esempio se avrete un'automobile con una massa di 1000 chili, la forza di attrito per un coefficiente di 0,4 è di (1000 * 0,4) = 4000 N.

Continua la lettura
56

Fate pratica con degli eserciti

Questo è un esempio molto semplice per farvi capire come può essere calcolata una forza frenante. Per continuare a calcolare la forza frenante, è necessario anche poter calcolare il tempo che sarà legato al coefficiente di attrito tra pneumatico e asfalto. Un automobile di 1000 kg che viaggerà ad una velocità di 50 km/h potrà avere semplicemente una formula di questo tipo: F * D t = m * D v. In sostanza, "F" sarà la forza di attrito, "D t" sarà il tempo, mentre "m" sarà la massa e "D v" la variazione della velocità. Buono studio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In sostanza, "F" sarà la forza di attrito, "D t" sarà il tempo, mentre "m" sarà la massa e "D v" la variazione della velocità.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare la forza di attrito

Attorno a noi ci sono molti oggetti fermi. Questi, infatti, restano immobili fino a quando una qualsiasi forza esterna non interviene, muovendole. Così quando vogliamo muovere un corpo si spinge con una mano. Oppure se lo tiriamo per mezzo di una fune....
Università e Master

Come Calcolare La Sollecitazione Di Taglio Di Un Solido

Grazie agli studi scolastici, riusciamo con semplicità a riconoscere termini e procedure da adottare per eventuali soluzioni matematiche o geometriche e via dicendo. In questa piccola guida cerchiamo di semplificare quanto segue: come calcolare la sollecitazione...
Università e Master

Come calcolare la pressione esercitata da un corpo

La fisica è una scienza che ha dato molte risposte ai tanti perché dell'umanità, dando risposte sensate e logiche ai fenomeni che ogni giorno avvengono intorno a noi. Perché quando camminiamo con le racchette sulla neve non affondiamo? Semplice, perché...
Università e Master

Come calcolare la sollecitazione composta di pressione e flessione

Questo tipo di sollecitazione composta di pressione e flessione si presenta quando la risultante delle forze esterne relativa a una sezione è una forza N perpendicolare alla forza stessa e non passante per il baricentro. In questa guida vi spiego come...
Università e Master

Come calcolare la F.e.m. di una pila

L'elettrochimica è una delle scienze che si sviluppano nel filone della chimica e che si occupa in massima parte di capire il movimento degli elettroni su un circuito elettrico esterno. Le problematiche che si riscontrano in questa materia sono molteplici...
Università e Master

Come calcolare la resistenza al moto

Nel'ambito della fisica, il moto è ogni mutamento di posizione di un corpo. Tali cambiamenti sono però legati ad una serie di fattori (ovvero di forze), che danno origine al moto stesso. Lo studio di tali forze prende il nome di "dinamica". Esiste una...
Università e Master

Come calcolare le reazioni vincolari delle travature reticolari

La materia chiamata statica può comportare notevoli difficoltà nell'apprendimento. In particolare, il calcolo delle reazioni vincolari non è molto amato dagli studenti. È un esercizio abbastanza difficile, quindi prestate molta attenzione a tutti...
Università e Master

Come calcolare il momento di un vettore

La definizione di momento di un vettore, si riferisce a vettori applicati e si fa distinzione tra momento rispetto ad un polo o momento rispetto ad un asse. Accanto al concetto di vettore, come la velocità, l'accelerazione, la forza, per lo studio dei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.