Come calcolare la forza elastica di una molla

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il movimento di un corpo che si muove da un punto ad un altro viene definito come la forza fisica ed elastica. Nelle lezioni di fisica, per spiegare il concetto di questo movimento, si utilizza un oggetto ben definito, cioè la molla. La molla presa come oggetto di riferimento per la spiegazione meccanica della forza elastica è un oggetto conosciuto per la sua tensione elastica, ossia la forza con la quale torna indietro se tirata. La legge che meglio spiega tale forza è quella di Hooke. In questa guida, spiegherò come calcolare la forza elastica di una molla.

26

Occorrente

  • Molla
  • Dinamometro
36

Sottoporre la molla ad un accorciamento o ad un allungamento

Anzitutto, la molla viene sottoposta a questo tipo di sforzo quando è soggetta ad un accorciamento oppure ad un allungamento. Dimostrazione pratica di tale comportamento è quella in cui prendendo una molla, sia comprimendola che allungandola, si sottopone uno sforzo che è pari alla forza con la quale la molla torna nella posizione di partenza. La legge di Hooke consente di calcolare la forza elastica e sul web è possibile vedere dei tutorial sia relativi alle dimostrazioni pratiche che teoriche di questa legge. La formula di questa teoria consente di dimostrare che un corpo soggetto ad una forza F subisce una deformazione direttamente proporzionale all'intensità della pressione applicata.

46

Utilizzare il dinamometro

Oltre a ciò, la pressione applicata è legata alla variazione della lunghezza che si viene a creare ed al tipo di materiale di cui è costituito l'elemento a cui sono legati anche le sue proprietà, la resistenza e la deformazione. Per misurare gli spostamenti elastici viene messo in uso il dinamometro. La parte superiore del dinamometro è ferma e fissa, mentre la parte inferiore garantisce ampia libertà di movimento, quando viene sottoposta alla pressione della spinta. Per comprendere il cambiamento di pressione esercitata e valutare la differenza di allungamento dell'elemento mobile, entra in gioco la legge di Hooke.

Continua la lettura
56

Impiegare gli strumenti adatti per valutare il punto di rottura della molla

In questo caso, raddoppiando la forza esercitata si ottiene il doppio della lunghezza in estensione, stesso discorso triplicandola, fino ad arrivare alla massima estensione oltre il quale, si va a ottenere un punto di rottura, dovuto all'eccesso di allungamento. Questo comportamento induce una modificazione nella molla che perde la capacità di deformarsi e quindi perde interamente le sue proprietà fisiche. Esistono degli strumenti utilizzati per la valutazione del punto di rottura della molla e questi misurano proprio la forza relativa alla legge di Hooke.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Calcolare La Forza Elastica E Il Moto Armonico

Molto spesso la fisica sembra complicatissima da capire, con tutte le definizioni da imparare e tutte le formule da comprendere, ma basta una guida chiara e semplice per riuscire a capire i concetti fondamentali. Nella guida seguente vedremo come fare...
Superiori

Come calcolare la forza di attrito su un piano inclinato

L'attrito è la forza che si oppone al moto di qualsiasi oggetto. Per fermare un oggetto in movimento, una forza deve agire in senso opposto alla direzione di movimento stesso. Per esempio, se viene esercitata una pressione su un libro sulla scrivania...
Superiori

Come calcolare la forza d'attrito radente

La forza di attrito, nel settore della fisica, equivale alla potenza data dal contatto tra due aree e dalla successiva opposizione della massa al relativo movimento. In qualsiasi corpo fisico troviamo l'attrito, anche in quantità microscopica. In questa...
Superiori

Come calcolare la forza media

La forza, indipendentemente dalla sua natura, generalmente è la causa dell'accelerazione di un corpo. In Fisica, in particolare, essa è definita come un vettore, cioè una grandezza dotata di precise intensità, direzione e verso. Nonostante possa sembrare...
Superiori

Come calcolare la forza centrifuga

La forza centrifuga è sicuramente un concetto astratto che non tutti sanno descrivere. Un movimento fisico che si associa ad oggetti che si muovono, basta pensare alla centrifuga della lavatrice. Un movimento veloce che sembra quasi inesistente ma che...
Superiori

Come calcolare i vettori di una forza

Il calcolo principale dei vettori delle forze nei corsi d'introduzione alla fisica provoca la decomposizione di un vettore forza in componenti perpendicolari: i vettori si scompongono in serie, dove la testa di ciascuno di essi è corrispondente alla...
Superiori

Come calcolare la forza ionica di una soluzione

La forza ionica indica la quantità di ioni presenti in una determinata soluzione, che può essere calcolata in base a delle precise formule chimiche. Per chi non ha molto dimestichezza con la materia, nei passi successivi in merito a ciò, troviamo una...
Superiori

Come calcolare la forza dinamica

La Dinamica è la parte della meccanica che studia le cause che producono i movimenti del corpo. I maggiori esponenti dello studio della dinamica furono Galileo e Newton, i quali ebbero delle intuizioni fondamentali, attuali ancora oggi e applicate nel...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.