Come calcolare la F.e.m. di una pila

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

L'elettrochimica è una delle scienze che si sviluppano nel filone della chimica e che si occupa in massima parte di capire il movimento degli elettroni su un circuito elettrico esterno. Le problematiche che si riscontrano in questa materia sono molteplici ma una tra le più interessanti, anche per la possibilità di risolvere problemi quotidiani, c'è sicuramente il calcolo della F. E. M., acronimo che sta per Forza Elettro-Motrice. L'indice della F. E. M. È utile per calcolare l'energia di svariati elementi elettronici, tra cui uno di larghissimo uso quotidiano, ossia la pila. Trovando la F. E. M. Di una pila riusciremo a calcolare con esattezza la quantità di energia sprigionata da una pila, che ricordiamo è un'unione di due semi-celle con una polarità diversa, hanno cioè un polo positivo e uno negativo. I due poli sono connessi tra loro attraverso un ponte salino.
Dopo questa breve ma doverosa introduzione possiamo passare a vedere come si calcola la F. E. M. Di una pila con tre semplici esercizi.

25

Il primo esercizio per calcolare la F. E. M. di una pila è il seguente: Ag in una soluzione 0.1M di AgNO3, e Pb in una soluzione 0.01M di Pb (NO3)2. (E°Ag /Ag= 0.800V, E°Pb2 /Pb=-0.126V). Calcoliamo l'energia sprigionata dall'elettrodo di argento: E= 0.8V 0.059*log (0.1/1)= 0.8V (-0.178)= 0.78V. Calcoliamo ora l'energia sprigionata dall'elettrodo di piombo: E= -0.126V (0.059/2)*log (0.01/1)= -0.126V- 0.059= -0.185V. Qui il catodo è l'elettrodo di argento. Quindi: f. E. M.= 0.78V- (-0.185V)= 0.965V.

35

Un'altro esempio per calcolare la F. E. M. Di una pila potrebbe essere quello descritto nel prossimo esercizio. Questa volta calcoleremo la F. E. M. Di una pila composta dai due semielementi: Ag in una soluzione 0.500M di AgNO3, e Cu in una soluzione 0.1M di CuSO4 (E°Ag /Ag= 0.800V, E°Cu2 /Cu= 0.340V). Per prima cosa, calcoliamo l'energia sprigionata dall'elettrodo di Argento in questo modo: E= 0.8V 0.059*log (0.1/1)=0.8V (-0.178)= 0.78V. Ora calcoliamo l'energia sprigionata dall'elettrodo di rame: E= 0.34 (0.059/2)*log (0.1/1)=0.34V (-0.03)= 0.31V. Il catodo è rappresentato dall'elettrodo ad energia potenziale più alta; in questo caso è l'argento. Quindi: f. E. M.= 0.78V- 0.31V= 0.47V.

Continua la lettura
45

Per finire vediamo anche attraverso il terzo esercizio come calcolare la F. E. M. Di una pila. In questo caso dobbiamo calcolare la F. E. M. Di una pila composta dai due semielementi: Sn in una soluzione 0.5M di SnCl2, e Zn in una soluzione 0.1M di ZnSO4. (E°Zn2 /Zn=-0.763V, E°Sn2 /Sn=-0.136V). Calcoliamo l'energia sprigionata dall'elettrodo di selenio: E= -0.763V (0.059/2)*log (0.5/1)= -0.763V (-0.0088)= -0.771V. Ora calcoliamo l'energia sprigionata dall'elettrodo di piombo: E= -0.136V (0.059/2)*log (0.1/1)= -0.136V- 0.0295= -0.1655V. Qui il catodo è l'elettrodo di piombo. Quindi: f. E. M.= -0.1655V- (-0.771V)= 0.6055.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel logaritmo, l'elemento che si ossida va posto come nominatore, quello che si riduce come denominatore.
  • La "n" è il rapporto tra gli elettroni dell'elemento che si ossida e lo stesso elemento che si riduce nella stessa semicella (ad es. in Pb 2 /Pb, la "n" è 2/1, ossia 2)

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come fare l'esperimento dell'elettrolisi

Con il termine derivante dal greco "elettrolisi" si intende la rottura con l'elettricità. Di conseguenza, sottoporre ad elettrolisi una sostanza vuol dire scomporla nei propri elementi costitutivi. L’elettrolisi è un processo in grado di trasformare...
Università e Master

Come Mettere In Atto L'esperienza Di Crookes

La chimica è una materia molto affascinante e difficile da imparare. Rispetto alla matematica ha il vantaggio di vedere delle applicazioni pratiche in modo molto più diretto. Infatti l'esperienza diretta attraverso gli esperimenti, è gratificante ed...
Università e Master

Come realizzare l'elettrolisi del cloruro di stagno

L'elettrolisi è un procedimento tramite il quale si sviluppano de mutamenti chimici, grazie al contributo dell'energia elettrica. In tal modo questa si trasforma in energia chimica. Qui di seguito, in particolare, vedremo delle reazioni di "ossidoriduzione"....
Superiori

Come Sperimentare La Conducibilità Di Una Soluzione Elettrolitica

Questo esperimento serve per determinare la relazione che esiste tra una concentrazione di soluzione elettrolitica e l'intensità della corrente elettrica che la attraversa. Questo esperimento è estremamente semplice ed efficace e non necessita di apparecchiature...
Superiori

Alessandro Volta e l'elettricità

Il conte Alessandro Volta, scienziato nato a Como nel 1745, fin da giovanissimo scoprì di avere un enorme interesse per lo studio dell'elettricità; Questa passione lo condusse da giovanissimo a scrivere il "De vi actrattiva ignis electrici ad phaenoeminis...
Elementari e Medie

Come fare un semplice circuito elettrico

I circuiti elettrici appassionano sia ragazzi sia adulti. Conoscendo le basi di questi è possibile comprendere i funzionamenti di molti oggetti ma anche divertirsi a creare molti dispositivi utili. Soprattutto con la diffusione dell' Internet of things...
Superiori

L'ottocento nella storia

La storia è un termine che ha sempre definito tutto quello che abbiamo vissuto nell'arco del tempo, ci ha sempre affascinato, storie, di guerra, di vita, di fantasia, ognuna ha interpretato il sentimento dell'epoca passata, facendoci vivere per un attimo...
Superiori

Come Calcolare La Capacità Di Un Condensatore

Quando si parla di condensatore, si fa riferimento ad una coppia di conduttori che ricevano una carica particolare. Deve cioè crearsi una differenza di potenziale tra ciascuno dei due conduttori, i quali si trovano isolati in forma arbitraria. Ciascun...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.