Come calcolare la divergenza di una funzione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La matematica universitaria è un bel po' diversa da quella delle superiori, vero?
Sì e no diciamo, molti concetti, anche se all'inizio non sembra, sono semplici ampliamenti di argomenti già visti alle superiori, triti e ritriti. Il segreto per imparare a maneggiare alla perfezione questi nuovi strumenti, sta solo nell'accorgersene (e il prima possibile). Con questa guida vi spiegheremo come calcolare la divergenza, un concetto che emerge nello studio delle funzioni in più variabili, in generale dei campi vettoriali.

Dato che ogni corso base universitario di matematica tratta almeno in parte questa nozione, è bene imparare subito di cosa si tratta, dato che, come vedremo, non è poi nemmeno tanto difficile.

24

Le uniche cose da sapere per calcolare la divergenza di una funzione sono: cos'è una funzione in più variabili e come se ne calcolano le derivate parziali.
Ripassiamo allora in breve questi due concetti. Se siete già degli esperti potete andare al passo successivo, ma un ripassino veloce ed efficace non fa mai male.
Una funzione in "n variabili" non è altro che una funzione da R^n in R, in poche parole: presi n valori differenti, la funzione ci restituisce un solo valore. Pensiamo ad esempio al caso n=2, allora R^2 non è altro che il piano dei numeri reali. Una funzione di due variabili è, ad esempio: F (x, y) = x^2 + y^2 + 2x*y^2. Se voglio calcolarla nel punto (1,3), allora avrò F (1,3) = 1^2 + 3^2 + 2*1*(3^2) = 1+9+18 = 28. Tutto qua!

Vediamo ora come si calcolano le derivate parziali. Vi ricordate le derivate normali, quelle di una funzione solo? Bene, non c'è quasi nessuna differenza! La derivata parziale rispetto a x, non è altro che la derivata, fatta pensando le altre variabili (y, z,...) come delle costanti, ovvero, non le dovete proprio toccare. Calcoliamo ad esempio la derivata parziale rispetto a x della funzione F sopra, la indicheremo come dF/dx. Eseguiamo separatamente le derivate su ogni termine (perché la derivata della somma è la somma delle derivate!), allora: la derivata di x^2 è 2x; di y^2 è 0 (perché la variabile x non compare); di 2x*y^2 è 2y^2 (perché la derivata di 2x è 2, e y non si tocca, è come una costante).
Quindi dF/dx = 2x + 2y^2. Se adesso volessimo calcolare la derivata parziale di F rispetto a x nel punto (1,3), basterà fare dF/dx (1,3) = 2*1 + 2*3^2 = 2+18 = 20
Ecco qua, ora che abbiamo tutti gli strumenti possiamo procedere con la divergenza.

34

Vediamo allora come calcolare la divergenza, prima in generale e poi con un esempio. Vi basterà poi fare pochi esercizi: la ricetta è facile e sempre uguale.

Abbiamo una funzione F in n variabili, che chiamiamo x1, x2, ..., xn. Nel passo precedente abbiamo rivisto come si calcolano le derivate parziali.
Ora, la divergenza, calcolata in un punto, non è altro che la somma delle derivate parziali (rispetto a tutte le derivate) calcolate in quel punto.
Scrivendolo con una formula: div (F) = dF/dx1 + dF/dx2 + ... + dF/dxn.
E se dobbiamo calcolarla in un punto: divF(x. Y) = dF/dx1(x. Y) + dF/dx2(x. Y) + ... + dF/dxn (x. Y).

Continua la lettura
44

Facciamo un esempio finale. È data la funzione F (x, y, z) = 3x^2 + log (z) -y*z^3.
Prima di tutto calcoliamo le derivate parziali: dF/dx = 6x; dF/dy = -z^3; dF/dz = 1/z - 3y*z^2; ricordandoci le regole del passo 1, e che la derivata del logaritmo è 1/z.
Se vogliamo adesso calcolare la divergenza nel punto (3,1,2) sarà:
divF (3,1,2) = dF/dx (3,1,2) + dF/dy (3,1,2) + dF/dz (3,1,2) = (6*1) + (-2^3) + (1/2 -3*1*2^2) = 6 - 8 + 1/2 -12 = -14 + 1/2 = -27/2.
Ecco qua, finito in due righe.
Per i più interessati, la divergenza ci dice, a seconda che sia positiva o negativa, se la funzione tende ad "uscire" o a "entrare" in quel punto, vista in altro modo, se quel punto è una sorta di sorgente o pozzo per le linee del campo (vedi figura).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare lo jacobiano di una funzione

L'esame di analisi è alle porte e preferireste seriamente lanciarvi da una finestra? Niente paura e mantenete la calma. Oggi affronteremo un argomento all'apparenza difficile, ma che, come vedremo, non richiede niente di più delle conoscenze che già...
Università e Master

Le derivate parziali

Dobbiamo prima di tutto comprendere il significato del termine di derivata:sia f (x) definita in un intervallo aperto (a, b) e sia x un punto di (a, b) si dice che la funzione f è derivabile nel punto x se esiste in finito il limite del rapporto incrementa...
Superiori

Come calcolare il gradiente di una funzione a due variabili

Durante il nostro percorso di studi, universitario o scolastico, può capitare di imbattersi in qualche tematica piuttosto spinosa. Una delle materie più ostiche e temute è sicuramente la matematica.La matematica è senza dubbio una tra le tematiche...
Università e Master

Teorema della divergenza: dimostrazione

Nel calcolo vettoriale un importante enunciato è il famoso teorema della divergenza. Conosciuto dagli studiosi delle varie Analisi Matematiche anche come il teorema di Ostrogradskij, è stato erroneamente accostato a Gauss poiché pensato dal grande...
Università e Master

Come dimostrare chiusura e esattezza di una forma differenziale

In matematica e, in modo particolare, nel calcolo vettoriale e nella topologia differenziale, possiamo andare a definire cosa si intende per chiusura ed esattezza: una forma chiusa rappresenta una forma differenziale "α", la cui derivata esterna è zero...
Università e Master

Equazioni di Cauchy-Riemann: dimostrazione

Nel campo matematico, ed in particolare, nell'ambito dell'analisi complessa, le Equazioni di Cauchy-Riemann rappresentano elementi di fondamentale importanza. Le equazioni di Cauchy-Riemann costituiscono condizione sufficiente e necessaria affinché una...
Università e Master

Come calcolare una derivata parziale

Matematica! Materia ricca di cifre e termini, a volte poco conosciuti, solo lo studio specifico ci può portare a definire termini e procedure. In questa piccola guida cercheremo insieme di capire come calcolare una derivata parziale. Entriamo con cautela...
Superiori

Come risolvere una derivata con Wolframalpha

L'immagine del matematico che effettua i suoi complicati calcoli a mano, munito di calcolatrice, lavagna e capacità mentali, è affascinante ma, oggigiorno, poco realistica. Attualmente, chi deve "far di conto" ha a disposizione una vasta gamma di strumenti,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.