Come calcolare la derivata direzionale

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per gli studenti dei corsi di analisi matematica, materia già di per sé ardua e spesso di difficile comprensione, uno tra gli argomenti più ostici è sicuramente quello del calcolo differenziale o infinitesimale. Esso studia il come si comporta localmente una funzione ed introduce tutti i concetti di derivata, differenziabilità e continuità. Data la sua potenza è spesso usato in tutte le discipline scientifiche, dalla fisica all'ingegneria, passando per la chimica. Un concetto importante è quello della derivata direzionale, molto usata in presenza di superfici curve. Vediamo insieme in questa pratica guida come calcolare la derivata direzionale.

27

Occorrente

  • Libro di analisi matematica
  • Calcolatrice
  • Carta e penna
37

Innanzitutto occorre fornire i dati di partenza necessari alla risoluzione del problema. In particolare occorre conoscere: la funzione f (x, y), il punto P di coordinate (xp, yp) in cui volgiamo calcolare la derivata direzionale e la direzione data dal versore v (xv, yv). La derivata direzionale è definita come il limite del rapporto incrementale, quindi il limite della differenza tra f (x+hv)-f (x) tutto diviso per l'incremento h, in cui v è il versore che rappresenta la direzione. Questo valore va poi calcolato nel punto P. Tale limite va calcolato per l'incremento h che tende a zero.

47

L'uso della definizione e quindi il calcolo di tale limite può essere considerato un primo metodo per il calcolo della derivata direzionale. Talvolta però il calcolo della derivata direzionale a partire dalla sua definizione analitica può risultare scomodo o sconveniente a causa della difficile valutazione del limite. Esiste quindi una strada alternativa che permette di calcolare la derivata direzionale a partire dagli stesi dati iniziali. Tale metodo viene chiamato anche "Teorema sulla derivata direzionale". La prima cosa da fare è quella di calcolare il gradiente della funzione grad (f (x, y)), dato dalle derivate parziali df/dx e df/dy. A questo punto occorre valutare tale gradiente nel punto di nostro interesse P (xp, yp). Otterremo così, nel caso del nostro esempio a due variabili, una coppia di valori.

Continua la lettura
57

Bisognerà quindi procedere applicando il teorema sulla derivata direzionale o la formula del gradiente. Esso afferma che: la derivata direzionale della funzione f (x, y) lungo il versore v (xv, yv) nel punto P (xp, yp) è data dal prodotto scalare tra il gradiente grad (f) valutato nel punto P e il versore v. Per il calcolo quindi non ci resterà che moltiplicare il gradiente ottenuto per il nostro versore v.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripassate bene i concetti di gradiente, limite e derivata
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare la tangente e la normale ad una curva

Calcolare la tangente e la normale ad una curva richiede specifiche competenze di base. Prima di introdurre l’argomento, dovete avere chiaro il concetto di curva.Si definisce curva una traiettoria definita da un oggetto puntiforme. L’oggetto si muove...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Superiori

Come calcolare il gradiente di una funzione a due variabili

Durante il nostro percorso di studi, universitario o scolastico, può capitare di imbattersi in qualche tematica piuttosto spinosa. Una delle materie più ostiche e temute è sicuramente la matematica.La matematica è senza dubbio una tra le tematiche...
Superiori

Dimostrazione della derivata del prodotto di due funzioni

Il Teorema della derivata del prodotto di due funzioni permette di riconoscere la derivabilità di funzioni che si costruiscono con le operazioni algebriche elementari: in realtà, oltre a garantire la derivabilità delle funzioni "costruite", esso fornisce...
Superiori

Come trovare la derivata di una funzione

Un concetto che mette in difficoltà molti studenti che si approcciano allo studio della funzione è sicuramente quello di derivata. La derivata, infatti, è inizialmente difficile da contestualizzare all'interno della funzione, poiché è collegata ad...
Università e Master

Come dimostrare il teorema di Rolle

Il teorema di Rolle afferma che se, in un intervallo chiuso e limitato, una funzione è continua e contemporaneamente derivabile all'interno dello stesso intervallo e se ancora, agli estremi dell'intervallo, la suddetta funzione presenta valori identici,...
Superiori

Come calcolare la derivata di una frazione al quadrato

Secondo le regole consuetudinarie di derivazione delle funzioni, la derivata del rapporto tra due funzioni A e B, è data da un ulteriore rapporto. Quindi, il numeratore della derivata, è calcolato, dalla differenza tra il prodotto della derivata di...
Superiori

Come risolvere i problemi di massimo e minimo con le derivate

Se dovete risolvere problemi relativi alle derivate, riguardanti il massimo e minimo di una funzione, questo tutorial vi aiuterà nell’intento. Il concetto è abbastanza macchinoso, ma con l’adeguata applicazione e il giusto apprendimento delle nozioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.