Come calcolare la derivata di f(x)^g(x)

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

I rudimenti del calcolo differenziale mostrano come è possibile eseguire il calcolo della derivata di una funzione potenza, quando l'esponente è un numero reale. Tuttavia, i calcoli matematici si complicano leggermente quando si deve andare a trovare la derivata di una potenza che presenta come base ed esponente due funzioni. In questa semplice ed esauriente guida andremo a spiegare, pertanto, come si può calcolare la derivata di una funzione tipo f (x)^g (x), con un esempio di natura pratica che consenta di facilitare la comprensione. A questo punto, possiamo iniziare con la spiegazione.

24

Per comprendere nel migliore dei modi come è possibile procedere per risolvere una funzione del tipo f (x)^g (x), è utilissimo partire dal più classico degli esempi pratici, ricordando che lo stesso si applica senza alcuna difficoltà a tutti quanti i casi analoghi. Consideriamo, pertanto, la funzione y=x^x. L'aspetto principale che si può notare è che in questa tipologia di funzione sono variabili sia la base che l'esponente. Per questo motivo non è possibile utilizzare, per la risoluzione, la regola di derivazione delle potenze, dal momento che l'esponente non è costante ma variabile. Secondo tale regola matematica, infatti, la derivata di x elevato ad un certo esponente k è direttamente k volte x elevato a k meno uno.

34

L'idea che ci consente di risolvere questa funzione matematica, pertanto, deve essere un'altra, ovvero di riscrivere x^x come "e^ln (x^x)". È possibile eseguire un'operazione di questo genere, dal momento che sia l'esponenziale che il logaritmo sono due funzioni inverse e, quindi, se prendiamo la funzione e ne calcoliamo il logaritmo e successivamente l'esponenziale, in termini pratici è come se non avessimo fatto nulla. A questo punto, ricordando le proprietà che presentano i logaritmi, è possibile riscrivere l'esponente come "xlnx" e si ottiene "e^xlnx". Questo si ottiene per una proprietà che stabilisce che si può prendere l'esponente dell'argomento di un logaritmo, per poi portarlo fuori davanti al logaritmo stesso, ottenendo l'espressione scritta precedentemente.

Continua la lettura
44

Dal momento che abbiamo scoperto che x^x è equivalente a "e^xlnx", è anche chiaro che derivare "x^x" corrisponde a derivare "e^xlnx". Si tratta, pertanto, di una funzione composta. Infatti, abbiamo l'esponenziale che presenta al suo interno un'altra funzione. Inoltre, questa funzione più interna rappresenta, a sua volta, il prodotto di due funzioni. Pertanto, ricordandosi come si derivano le funzioni composte, si conclude immediatamente che la derivata è uguale a "e^xln[lnx*x*1/x]". Proseguiamo, ora, nei calcoli. A questo punto si possono semplificare le x all'interno della parentesi e si conclude che la derivata risulta essere uguale a "e^xlnx[lnx+1]". Per quello che vi abbiamo riportato precedentemente, "e^xlnx" era uguale a x^x per cui "x^x[lnx+1]". Da questo, possiamo ricavare la derivata cercata, ovvero "y=x^x[lnx+1]". Abbiamo, pertanto, risolto il tutto semplicemente, facendo una sorta di "make up" alla funzione di partenza e riscrivendola in una formula assolutamente più comoda da trattare, senza utilizzare alcuna regola di derivazione particolare. In effetti, è stata sfruttata la regola di derivazione delle funzioni composte e quella della derivazione dei prodotti. Praticando un po' di esercizio pratico, la risoluzione di questi problemi potrà risultare semplicissima e quasi automatica. Sperando di esser stati sufficientemente chiari nell'esposizione di questa guida e di supporto a tutti gli studenti di matematica, non ci resta che augurarvi buon lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare le derivate

Il calcolo delle derivate è un potente strumento dell'analisi matematica applicato allo studio delle funzioni. Partiamo dalle basi. Assegnata una funzione f (x) a coefficienti reali e con variabile x reale, la derivata della funzione viene indicata mediante...
Superiori

Come derivare una funzione composta con logaritmo

I logaritmi sono uno degli argomenti più importanti per imparare a risolvere operazioni più o meno difficili nella fascia delle scuole superiori. Essi possono essere abbinati anche alla geometria, oppure a tante altre equazioni matematiche. Se si imparano...
Superiori

Derivate: regole di derivazione parziale

La matematica è una materia piuttosto ampia e complessa che racchiude in se moltissimi argomenti, molti dei quali collegati fra di loro. Tra gli argomenti più discussi e spiegati in ogni classe possiamo trovare le derivate parziali. Per imparare al...
Superiori

Come risolvere l'integrale del logaritmo

Se dovete risolvere l’integrale di un logaritmo e non sapete proprio da dove iniziare, niente paura! Il simbolo utilizzato in analisi matematica è ∫. Chiariti i concetti fondamentali, in questo tutorial vi illustreremo come risolvere l’integrale...
Superiori

Metodi di derivazione dei polinomi

Per polinomio si intende la somma algebrica di monomi, questi possono essere simili tra loro, ovvero avere uguale parte letterale oppure no (vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Polinomio). Nel secondo caso la derivata del polinomio è detta parziale perché...
Superiori

Come calcolare la derivata di una funzione logaritmica

Sappiamo bene che per fare uno studio di funzione dobbiamo per forza calcolare la sua derivata. Finché si studiano le funzioni classiche con l'incognita x e y, pare che gli studenti non abbiano troppi problemi. Quando invece l'incognita diventa un esponente,...
Superiori

Come integrare un logaritmo

Un esponente che abbia la necessità di avere elevata la base per ottenere un determinato numero, si chiama logaritmo. In altre parole, avendo un numero "x", dato da "a^y", significa che il valore "y", che è l'esponente, la cui base "a" per ottenere...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.