Come calcolare la corrente di cortocircuito

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'elettrotecnica è indubbiamente una delle materie più ostiche e complicate in generale, la cui principale difficoltà è dovuta soprattutto al fatto che ogni singolo concetto è strettamente collegato ad altri, per questo motivo è di fondamentale importanza comprenderli tutti a pieno, onde evitare di riscontrare problemi negli studi a venire. Questa materia viene studiata negli istituti tecnici industriali, in particolare nelle specializzazioni di elettronica e appunto di elettrotecnica. Uno degli argomenti di maggiore importanza che caratterizza questa disciplina è sicuramente il calcolo della corrente, che può variare a seconda del tipo di circuito in cui essa circola. Nella seguente guida vedremo in particolare come calcolare la corrente di cortocircuito.

27

Occorrente

  • Mente
  • Memoria
37

Valore

La conoscenza della corrente di cortocircuito è molto utile per stabilire il punto di installazione dei dispositivi protettivi (d. P.) ed il valore dell'impulso termico e delle forze termodinamiche agenti sulle condutture (con. Re). Affinché sia possibile coordinare la protezione con le "con. Re", dovrete assolutamente conoscere sia il valore massimo della "c. C." subito a valle del "d. P." sia quello minimo che si ha nel punto maggiormente distante dal "d. P." medesimo.

47

Risultati

I risultati della corrente di cortocircuito che potrete ottenere sono dipendenti dalla tipologia di danneggiamento che è possibile trovare all'interno dell'impianto elettrico. Specificatamente, il guasto di tipo: "F - N" è l'utilizzazione monofase; "F - F" e "3 - F" è la trifase senza neutro; "F - N", "F - F" e "3 F" è l'utilizzazione trifase con neutro.

Continua la lettura
57

Calcoli

Negli impianti elettrici che possiedono una bassa tensione, la massima corrente di cortocircuito simmetrica a valle del trasformatore si calcola nella seguente modalità: "An / (1,73 * V)", dove "An" è la potenza nominale e "V" rappresenta la tensione nominale.

67

Soluzione

Pertanto, la "c. C." simmetrica (Icc) sarà pari al prodotto tra 100 ed il rapporto tra la corrente di cortocircuito del trasformatore e la tensione nominale percentuale della macchina elettrica stabile stessa. Queste formule relative al calcolo corretto della "c. C." che vi ho appena enunciato, però, non sono ovviamente le uniche esistenti.

77

Definizione

Precisamente, la "c. C." può essere definita come quella corrente circolante all'interno del circuito, quando vi si collegano due capi privi della resistenza. Nelle prime fasi in cui si verifica il cortocircuito, la corrente elettrica non risulta simmetrica, bensì sarà unidirezionale, ovvero circolerà sempre verso un'unica direzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come dimostrare il teorema di Thevenin

In questa guida verranno date alcune informazioni utili su come dimostrare correttamente il teorema di Thevenin. Esso sostiene che qualsiasi rete elettrica lineare con tensione e con generatori di corrente, può essere sostituita ai morsetti "AB" di una...
Superiori

Come Risolvere Un Circuito Con Le Correnti Di Maglia

Con il metodo esposto di seguito, è possibile riuscire a risolvere un circuito con le correnti di maglia. Questo sistema è molto raffinato e nello stesso tempo molto efficace in quanto, una volta che lo si padroneggia bene, permette di risolvere veramente...
Superiori

Come calcolare l'induttanza di una bobina

L'induttanza rappresenta quella grandezza fisica, avente un ruolo davvero importante con riferimento allo studio dei fenomeni elettrici e magnetici. In buona sostanza essa si riferisce ai circuiti elettrici, e consiste nel rapporto tra le tensione (o...
Elementari e Medie

Come distinguere il predicato verbale dal predicato nominale

Il predicato, ovvero il verbo, è l'elemento più importante di una frase. Negli esercizi di analisi logica, infatti, si individua prima il predicato verbale o nominale. Successivamente il soggetto e infine le espansioni.Per distinguere il predicato verbale...
Superiori

Analisi logica: il predicato verbale

Analisi logica, nemico giurato di studenti e studentesse. Tuttavia non è difficile come può sembrare alla prima occhiata, e affrontata per gradi diventa semplice e comprensibile. L’analisi logica studia i diversi elementi di una frase, distinguendoli...
Superiori

Appunti di elettronica: il trasformatore

Il trasformatore viene utilizzato solo ed esclusivamente nei circuiti a corrente alternata, dal momento che in un circuito a corrente continua non avrebbe alcun effetto, visto che non sono presenti variazioni di flusso elettromagnetico. Il trasformatore...
Lingue

Latino: gerundio e gerundivo

Studiare le lingue è una bellissima cosa, permette, oltre che di comunicare con altre persone del resto del mondo, di conoscerne anche la cultura. Ma c'è una lingua, più antica e ancora oggi piuttosto studiata che è alla base della nostra attuale...
Superiori

Come calcolare la caduta di tensione in corrente alternata

La fisica è una delle materie più odiate al liceo. Molti studenti non riescono a studiarla e spesso viene paragonata alla matematica per la difficoltà e la complessità degli argomenti. Effettivamente, per poter studiare e applicare la fisica bisogna...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.