Come calcolare la concentrazione utilizzando l'assorbanza

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

L’ assorbanza è una grandezza appartenente al campo della spettroscopia, la branca che studia i fenomeni legati allo spettro. Lo spettro consiste nella quantità di intensità luminosa. Questo muta in relazione all’energia delle particelle, alla frequenza ed alla lunghezza d’onda.
Seguendo alcune regole, è possibile calcolare la concentrazione di una soluzione utilizzando l’assorbenza. Come fare?
In questo tutorial vi illustreremo la corretta procedura di calcolo.
L’argomento risulta particolarmente arduo. Per comprenderne ogni dettaglio, vi consigliamo di porre attenzione alle nozioni riportate.

26

Occorrente

  • Un buon libro di fisica
36

LA LEGGE DI LAMBER-BEER.
Per calcolare la concentrazione della soluzione tramite l’assorbanza, dovete fare riferimento alla legge di Lamber-Beer.
Tale regola afferma che concentrazione ed assorbanza sono valori direttamente proporzionali. Quindi, le due grandezze sono costanti. All’aumentare dell’una aumenta anche l’altra, e viceversa.
Dalla legge di Lamber – Beer si evince la seguente equazione:
A = Є • s • C.
Con il simbolo Є si indica la costante di assorbività molare. Si tratta di una grandezza che muta al variare della lunghezza d’onda e del solvente, ma non della temperatura.
L’entità della soluzione attraversata dal raggio si designa con la lettera s. Si tratta del cammino ottico, misurabile in cm.
C costituisce la concentrazione della soluzione.

46

DEFINIZIONE DI ASSORBANZA.
L’assorbanza consiste in un logaritmo. Per meglio comprendere la sua definizione, ecco un esempio pratico. Supponete di conoscere il valore dell’intensità di una luce, pari ad 10I. Si tratta di una luce monocromatica, che attraversa un contenitore contenente una determinata soluzione. Una parte dell’intensità luminosa può subire mutazioni, perché assimilata dalla soluzione stessa. Di conseguenza, dopo aver attraversato il contenitore, l’intensità potrebbe essere uguale a 1I. Se ben ricordate, la trasmittanza (T) si ottiene dalla relazione tra l’intensità luminosa in uscita (1I) e quella in entrata (10I). Quindi:
T = 1I / 10I. L’assorbanza (D) non è altro che il logaritmo invertito della trasmittanza e si indica con la seguente formula:
D = log 1/T = log 10I/1I.

Continua la lettura
56

CALCOLO DELLA CONCENTRAZIONE.
Appurato il concetto di base, ecco come calcolare la concentrazione utilizzando l’assorbanza. Sapete che Є equivale a 8400 M-1cm-1 e l’assorbanza ha un valore pari a 0,70.
L’entità della soluzione è pari a 1cm. Come calcolare la concentrazione di soluzione? Partite dalla solita equazione di Lamber-Beer: A = Є • s • C. Sostituite con i dati di cui siete a conoscenza. 0,70 = 8400 M-1cm-1 • 1cm • c Eseguite i calcoli ed ottenete che: c = 8,33 • 10 (-5) M. Avete appena trovato il valore della concentrazione attraverso l’assorbanza. Come avrete notato, la procedura richiede conoscenze specifiche. Per la corretta assimilazione delle nozioni, studiate con attenzione ed esercitatevi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordate che l’assorbanza è una grandezza che non prevede una propria unità di misura. Il suo valore è variabile, ma sempre uguale o superiore allo zero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la concentrazione delle forme ioniche

Le forme ioniche sono una categoria di sostanze chimiche che, quando disciolte in acqua, si dissociano completamente dagli ioni, in base alla loro solubilità. Calcolare la concentrazione di tutti gli ioni in una soluzione permette ai chimici di prevedere...
Superiori

Come calcolare la concentrazione molare di una soluzione

Questa guida è piuttosto semplice se si seguono tutti i passaggi alla lettera, altresì può risultare un po' complicata. Armatemi ti molta pazienza e prendetevi tutto il tempo utile per leggere e comprendere la spiegazione.La concentrazione molare di...
Superiori

Come calcolare la concentrazione di ioni

Quando un sale, noto come "soluto", viene disciolto in un solvente, subisce un processo in cui gli ioni positivi e negativi si separano. Questo processo è chiamato "dissociazione". Le concentrazioni degli ioni dipendono dal rapporto in cui erano presenti...
Superiori

Come calcolare la concentrazione di un sale

Molte materie come la matematica, la fisica e la chimica, rimangono nell'arco degli anni scolastici come materie abbastanza difficoltose per decine e decine di studenti, che non si applicano in maniera logica e continuativa nello studio. All'interno di...
Superiori

Come si calcola la concentrazione di un acido

Tra le varie materie che devono essere studiate a scuola o all'università quando si sceglie un indirizzo di tipo scientifico, sicuramente la chimica sta alla base di molte soluzioni e di molte teorie importanti da conoscere. La chimica che viene studiata...
Superiori

Appunti di chimica: come esprimere la concentrazione

Si sa, la chimica è una materia tosta e ingegnosa; tuttavia il suo studio può risultare semplice e lineare se ci serviamo di appunti e di metodi che ci semplificano la sua comprensione. Se siete molto confusi sull'argomento "concentrazione", vi trovate...
Superiori

Concentrazione: 10 trucchi per stimolarla

Molto spesso si ha la necessità di concentrarsi per eseguire diverse attività tra cui anche lo studio. La concentrazione è importante per poter accumulare tutte le idee e le forze per chi deve memorizzare determinati testi o determinate lezioni. In...
Superiori

Appunti di chimica: la concentrazione e le soluzioni sature

Lo studio della chimica può essere molto divertente ed è applicabile alla vita di tutti i giorni. In questi appunti, cercheremo di fornire un quadro dettagliato di un argomento fondamentale per l'apprendimento della materia, chiarendo il concetto di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.