Come calcolare la concentrazione di un sale

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Molte materie come la matematica, la fisica e la chimica, rimangono nell'arco degli anni scolastici come materie abbastanza difficoltose per decine e decine di studenti, che non si applicano in maniera logica e continuativa nello studio. All'interno di materie difficoltose come queste e soprattutto nella chimica, si trovano spesso dei problemi da risolvere abbastanza difficoltosi, ma nello stesso tempo, con uno studio mirato e prolungato, possono essere anche risolti in maniera abbastanza intuitiva. È il caso del calcolo della concentrazione di un sale che molto spesso si ritrova come problema da risolvere all'interno di varie lezioni di chimica. In questa breve guida cercheremo di spiegarvi, proprio come calcolare la concentrazione di un sale spiegandovi dei passaggi più o meno semplici.

27

Occorrente

  • Studio delle soluzioni chimiche e del fenomeno dell'idrolisi.
37

La concentrazione del sale viene spesso calcolata attraverso il fenomeno dell'idrolisi, ovvero dall'interazione che avviene tra sali e molecole di acqua, precisamente chiamato fenomeno di idrolisi salina. Attraverso questo processo abbastanza elaborato che sta alla base della chimica, è possibile capire e osservare in maniera sperimentale, come attraverso il sale sciolto in acqua, in alcuni casi si possa avere una soluzione basica, acida o neutra. Ciò avviene proprio perché i sali non sono altro che dei composti che all'interno di una soluzione acquosa possono essere dissociati nei loro ioni. Questi ioni, se provengono da acidi deboli o da basi di tipo debole, possono reagire con le molecole dell'acqua.

47

Il calcolo della concentrazione di un sale o l'interazione tra sali e acqua viene chiamata idrolisi. Questo fenomeno può essere sia basico che acido e in sostanza, il sale che si è sciolto all'interno dell'acqua, non è completamente sparito, ma ha formato una sorta di soluzione omogenea di due sostanze: il solvente e il soluto. Questi fenomeni sono importanti da capire per il calcolo della concentrazione di un sale, ed è importante capire come poter riuscire ad identificarle. In sostanza all'interno di un bicchiere d'acqua il soluto, sarà il sale mentre il solvente sarà l'acqua in grado di sciogliere proprio il sale. Attraverso l'unione di questi due elementi si ottiene la solvatazione.

Continua la lettura
57

La concentrazione del sale in una soluzione, può essere calcolata per molarità, ovvero per il numero di moli di soluto all'interno di un solvente, per molalità, ovvero per il numero di soluto contenuto in un chilo di solvente, per concentrazione di percentuale di massa, ovvero per il numero di grammi di soluto disciolti in una soluzione, ecc..

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondite l'argomento dettagliatamente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come determinare le moli di un soluto

In chimica, quando si parla di soluzione omogenea si intende una soluzione che è costituita da un solvente e da un soluto. In genere, il solvente è presente in una quantità maggiore ed è perciò in grado di sciogliere il soluto che invece si trova...
Superiori

Come calcolare il punto di congelamento e di ebollizione

All'interno della presente guida andremo ad occuparci di calcoli, e più specificatamente, ci occuperemo di comprendere il metodo che ci permetta di capire come andare a calcolare sia il punto di congelamento e sia il punto di ebollizione.Lo faremo in...
Università e Master

Chimica: le proprietà colligative

Le proprietà colligative sono delle proprietá delle soluzioni che dimostrano i cambiamenti delle proprietá chimico-fisiche dei soluti rispetto a quando si legano a formare soluzioni. Queste ovviamente dipendono e cambiano dalle concentrazioni di soluto...
Superiori

Appunti di chimica: come esprimere la concentrazione

Si sa, la chimica è una materia tosta e ingegnosa; tuttavia il suo studio può risultare semplice e lineare se ci serviamo di appunti e di metodi che ci semplificano la sua comprensione. Se siete molto confusi sull'argomento "concentrazione", vi trovate...
Superiori

Come calcolare la percentuale in peso di una soluzione

Per calcolare la percentuale in peso di una soluzione, è importante avere le nozioni basilari della chimica. La chimica è una scienza che abbraccia molte materie, come la fisica e la matematica ed è abbastanza vasta e complicata. Le soluzioni in genere,...
Superiori

Come calcolare il punto di ebollizione attraverso la molalità

In chimica spesso è necessario eseguire l'analisi delle soluzioni. Una soluzione è costituita da almeno un soluto in dissoluzione in un solvente. La molalità rappresenta la quantità di soluto nel solvente. Un molalità più elevata aumenta il punto...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari utilizzando la percentuale di massa

Un soluto si dissolve in un solvente per fare una soluzione. La concentrazione indica quanto di un composto o miscela è disciolto nella soluzione e si puó esprimere in vari modi. Le frazioni molari si riferiscono al rapporto fra numero di moli di soluto...
Superiori

Come calcolare la concentrazione di ioni

Quando un sale, noto come "soluto", viene disciolto in un solvente, subisce un processo in cui gli ioni positivi e negativi si separano. Questo processo è chiamato "dissociazione". Le concentrazioni degli ioni dipendono dal rapporto in cui erano presenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.