Come calcolare la concentrazione dall'assorbimento

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Quando una radiazione luminosa viene riflessa all'interno di un mezzo trasparente una parte di essa di infrange nel pezzo. Questa radiazione luminosa comporta la diminuzione della radiazione stessa man mano che essa si propaga. Il logaritmo decimale per calcolare la trasmissione della luce, detta anche trasmittanza, viene detto estinzione o assorbanza. In questo modo per calcolarla occorre adoperare delle specifiche formule. Nella seguente guida spiego come calcolare la concentrazione dell'assorbimento.

26

Occorrente

  • Testo di chimica
36


La prima cosa da fare prima di iniziare è quello di prendere in considerazione le seguenti formule. A questo proposito troviamo il logoritmo decimale dell'assorbanza. Questo viene rappresentato con la formula: A = log 1/T = log Io/I. Oltretutto viene contenuto all'interno della legge nota come legge di Lambert-Beer. Con questa viene stabilito il rapporto tra la quantità di luce assorbita dallo spessore e alla concentrazione del mezzo che viene attraversato dalla luce stessa. A questo punto l' estinzione e la concentrazione di questa sostanza si può stabilire eseguendo un calcolo di proporzionalità diretta. Utilizzandola tra la concentrazione dell'assorbimento e l'assorbanza stessa.

46

Questo calcolo si può eseguire con la seguente formula: A = log Io/I = abc. In tale formula b rappresenta la costante di una proporzionalità e viene denominata assorbanza specifica. B invece rappresenta lo spessore che viene attraversato dalla radiazione luminosa e viene espresso in centimetri. Infine c rappresenta la concentrazione della sostanza assorbente della soluzione stessa. Se la soluzione assorbente viene espressa in mol/L, l'assorbanza specifica prenderà il nome di coefficente di estinzione molecolare e verrrà espressa con la lettera ε. Pertanto A avrà una nuova denominazione che si trasformerà in = εbc.

Continua la lettura
56

Per dimostrare la linearità tra l'assorbanza e la concentrazione si potranno utilizzare dei metodi di analisi che potranno essere anche visibili per la dimostrazione della concentrazione dell'assorbimento. Per poi, vedere la concentrazione dell'assorbimento e rilevare che i calcoli eseguiti risultano corretti o meno. Qualora i calcoli vengono corretti potrai dimostrare l'assorbanza e determinare le derivazioni delle legge di Lamber-Beer. Utilizzando così, i dati analitici sfruttando i coefficienti di estinzione molecolare e lo spessore della soluzione stessa. Ecco come calcolare la concentrazione dell'assorbimento.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per approfondire l'argomento consultare un libro di chimica
  • consiglio di eseguire questo tipo di operazioni con la luce ultravioletta
  • Inoltre, è importante che l'ascissa dovrà rappresentare la concentrazione mentre l'ordinata l'assorbanza.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come ricavare la concentrazione di una soluzione da misure spettrofotometriche

Una tecnica analitica largamente utilizzata sfrutta il fenomeno dell'assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle soluzioni. Nello specifico prende il nome di spettrofotometria oppure fotometria, a seconda delle condizioni sperimentali...
Università e Master

Come Determinare La Composizione Di Miscele Gassose Con Il Metodo Di Assorbimento

I metodi di cui la chimica analitica si avvale per determinare la composizione di miscele gassose sono sostanzialmente due: il metodo di assorbimento e il metodo di combustione. Generalmente i gas inerti, quali l'azoto e i gas nobili (ad esempio elio,...
Università e Master

Modi per esprimere la concentrazione di una soluzione

Nel campo della chimica, una soluzione deriva dall’unione uniforme di una o più sostanze. Il suo volume è omogeneo, perché le particelle si dispongono in maniera regolare. Una soluzione si compone di due elementi. Il soluto si disperde nella soluzione...
Università e Master

Come Indicare La Concentrazione Di Una Soluzione

In questa guida vedremo come indicare la concentrazione di una soluzione. Logicamente stiamo parlando di una soluzione chimica. Le soluzioni comunque sono tantissime cose che spesso ci stanno attorno come l'acqua in una pentola, l'acqua del rubinetto...
Università e Master

Come Passare Da Un Tipo Di Concentrazione Ad Un Altro

Una soluzione chimica viene definita in base alla concentrazione molecolare, e per conoscerla ci sono diversi modi. Il passaggio da un tipo di concentrazione ad un altro e il calcolo delle formule, sono dei problemi che si presentano molto frequentemente...
Università e Master

Come Calcolare il pH

In questa guida ci occuperemo di dare alcune informazioni molto utili su un argomento molto importante: il ph dell'acqua e, nello specifico, vedremo come calcolare questo ph. Questa operazione si rende necessaria molto spesso, soprattutto se si possiede...
Università e Master

Come calcolare la Molarità di una soluzione

Una soluzione per definizione è un miscuglio omogeneo di due o più componenti ed ha la stessa composizione e le stesse caratteristiche in tutti i suoi punti. E’ identificata dal rapporto di combinazione tra il solvente, che è la sostanza presente...
Università e Master

Come calcolare il numero di moli all'equilibrio in una reazione

La chimica è una materia che solitamente si apprezza nella parte pratica in quanto miscelare le sostanze risulta divertente ed appagante. È ovvio che non si possono miscelare casualmente le sostanze perché le reazioni possono risultare pericolose....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.