Come calcolare la carica di uno ione

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Gli ioni sono entità molecolari elettricamente cariche che si formano a partire da un atomo che perde o acquista uno o più elettroni. Tale fenomeno viene definito "ionizzazione". Gli atomi che perdono uno o più elettroni presentano una o piu cariche positive e vengono indicati col nome di "cationi"; gli atomi invece che acquistano uno o più elettroni presentano una o più cariche negative e vengono indicati col nome di "anioni". Ogni ione presenta una propria carica, che dipende dal numero di elettroni acquistati o ceduti. Vediamo quindi come è possibile calcolare la carica di uno ione in modo efficace.

27

Occorrente

  • Tavola periodica
37

Il primo passo per determinare la carica di uno ione è individuare l'elemento sulla tavola periodica. Ogni elemento è infatti indicato con un proprio simbolo e ad esso sono associate una serie di caratteristiche. La caratteristica necessaria per calcolare la carica di uno ione è il numero atomico, che si trova in alto, alla sinistra dell'elemento. Esso indica il numero di protoni che lo caratterizzano. Ogni atomo neutro presenta lo stesso numero di protoni ed elettroni. Quindi il numero atomico non solo indica il numero di protoni, ma rappresenta anche il numero di elettroni dell'atomo.

47

Per essere stabile, un atomo deve presentare 8 elettroni di valenza, caratteristica che appartiene esclusivamente ai gas nobili. Tuttavia quando gli atomi passano attraverso le reazioni chimiche o delle obbligazioni di forma, possono guadagnare, perdere o condividere elettroni in modo da raggiungere una condizione di stabilità, caratterizzata dalla presenza di 8 elettroni nell'orbitale di valenza. Il sodio ad esempio presenta un numero atomico uguale ad 11. Ciò sta ad indicare che presenta 11 elettroni, ed effettuando la configurazione elettronica di tale elemento è possibile osservare che sono presenti 2 elettroni nel suo primo livello e 8 nel secondo, lasciando un singolo elettrone nel suo orbitale di valenza. Per arrivare ad avere 8 elettroni di valenza, il sodio tende a cedere l'unico elettrone presente nel suo orbitale esterno, acquistando di conseguenza una carica positiva. Pertanto la carica dello ione sodio è pari a +1.

Continua la lettura
57

La regola generale afferma che i metalli tendono a perdere i loro elettroni di valenza per formare cationi, mentre i non metalli in genere guadagnano elettroni per formare gli anioni. Il fosforo, ad esempio, presenta un numero atomico uguale a 15. Dalla configurazione elettronica si può osservare che nell'orbitale di valenza sono presenti solo 5 elettroni; quindi per raggiungere l'ottetto sono necessari altri 3 elettroni. Ogni elettrone per convenzione rappresenta una carica negativa, pertanto lo ione fosforo presenta una carica ionica pari a -3.

67

Le cariche degli ioni poliatomici o delle molecole con cariche positive o negative, vengono calcolate utilizzando un altra proprietà degli elementi: il numero di ossidazione. Esso è positivo se gli elettroni vengono ceduti, mentre è negativo se vengono acquistati. Lo ione di idrossido, ad esempio, è caratterizzato da un atomo di idrogeno e un atomo di ossigeno. L'ossigeno presenta un numero di ossidazione pari a -2, mentre l'idrogeno presenta un numero di ossidazione pari a +1. Per calcolare la carica di tale molecola è necessario effettuare la somma dei due numeri di ossidazione (-2) + (+1) = -1. Quindi lo ione di idrossido presenta una carica ionica pari a -1.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare attenzione al numero degli elettroni presenti negli orbitali di valenza

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come determinare la carica poliatomica degli ioni

Nella nostra guida trattiamo un argomento di chimica molto interessante: come determinare la carica poliatomica degli ioni. La chimica è una branca delle scienze naturali che studia la struttura della materia e i cambiamenti di quest’ultima in funzione...
Superiori

Come calcolare il numero di ossidazione di un composto

Quando in chimica si parla di un composto, ci si riferisce ad una sostanza costituita da due oppure da più elementi della tavola di Dmitrij Mendeleev. Questa sostanza si definisce stabile, nel caso in cui gli elementi che la compongono possono essere...
Superiori

Come determinare il numero di elettroni in un nucleo

Gli elettroni insieme ai neutroni e ai protoni sono gli elementi principali che compongono un atomo. Dai loro nomi si evince che i primi hanno una carica elettrica (negativa), mentre i protoni sono positivi, e i neutroni l’hanno invece neutra. La massa...
Superiori

Come calcolare la forza ionica di una soluzione

La forza ionica indica la quantità di ioni presenti in una determinata soluzione, che può essere calcolata in base a delle precise formule chimiche. Per chi non ha molto dimestichezza con la materia, nei passi successivi in merito a ciò, troviamo una...
Superiori

Come Calcolare L'intensità Di Un Campo Elettrico

Nell'ambito della materia della fisica, il campo elettrico ha una sua precisa definizione. Si tratta di un campo che si genera in uno spazio tramite la presenza di una carica elettrica. Oppure di un campo magnetico mutabile nel tempo. Il campo elettrico,...
Superiori

Come calcolare la concentrazione delle forme ioniche

Le forme ioniche sono una categoria di sostanze chimiche che, quando disciolte in acqua, si dissociano completamente dagli ioni, in base alla loro solubilità. Calcolare la concentrazione di tutti gli ioni in una soluzione permette ai chimici di prevedere...
Superiori

Come calcolare l'impedenza di un condensatore

Il condensatore e l'impedenza sono due concetti che si ritrovano nell'elettrotecnica: nello specifico, il condensatore è un componente elettrico ideale che serve ad immagazzinare l'energia elettrica, accumulando la carica al suo interno e, se viene isolato,...
Superiori

Come Calcolare La Capacità Di Un Condensatore

Quando si parla di condensatore, si fa riferimento ad una coppia di conduttori che ricevano una carica particolare. Deve cioè crearsi una differenza di potenziale tra ciascuno dei due conduttori, i quali si trovano isolati in forma arbitraria. Ciascun...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.