Come Calcolare La Capacità Di Un Condensatore

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Un condensatore è un dispositivo fisico molto diffuso in elettronica ed elettrotecnica, costituito da due conduttori separati da un isolante. Ne esistono molte varianti, ma il principio fisico su cui si basa resta lo stesso, l'induzione elettrostatica. In parole povere, se si introduce una carica su un conduttore isolato, separato tramite un dielettrico da un altro conduttore, sul secondo troveremo una carica pari in modulo alla prima, ma di segno opposto. Le leggi restano le stesse indipendentemente dalla forma del condensatore, la cui caratteristica, detta capacità può essere calcolata con formule che dipendono dalla sua geometria. Vediamo quindi come calcolare la capacità di un condensatore.

28

Occorrente

  • Nozioni base sull'elettrotecnica
  • Manuale di fisica
  • Dimestichezza con le formule
  • Tanto esercizio
38

Induzione elettrostatica

Nel momento in cui collegate le armature del condensatore,che sono costituite da mezzi conduttivi ad una batteria (o pila), una delle due acquista una carica +Q, mentre l'altra presenta una carica uguale e opposta -Q. La carica Q ha valori direttamente proporzionali alla capacità C del condensatore.
Ora, supponiamo di avere una batteria in grado di produrre una differenza di potenziale fra i suoi poi che è espressa in volt e che chiamiamo V. Se andiamo a collegare la batteria ad un condensatore, su ognuna delle due armature si andrà ad accumulare una carica di valore Q espressa in coulomb. In sostanza la carica accumulata avrà un valore legato in maniera diretta alla differenza di potenziale V, ma che al tempo stesso dipenderà anche dalle dimensioni fisiche del condensatore. Un po' come un contenitore qualunque, infatti un condensatore è in grado di ospitare solo una quantità limitata di carica.

48

Capacità

A questo punto, definiamo la capacità di un condensatore. Useremo la C per indicare questo fattore. Volendo spiegare il tutto con una formula fisica, potremo dire che C= Q/V. Ricordate che la capacità, per definizione, è sempre positiva. Per coerenza con quanto dichiarato prima la formula si può anche scrivere come C*V=Q.
Nel sistema internazionale che si riferisce alle unità di misura, la capacità si definisce in Coulomb/Volt. Questa combinazione ha un nome specifico, che è "Farad" dal nome di Faraday, il fisico che ha studiato approfonditamente questi oggetti. Spesso i condensatori fisicamente realizzabili sono dotati di poca capacità, e le cariche a disposizione limitate, quindi comunemente al posto del farad si usano sottomultipli molto piccoli come per esempio i "Picofarad". Si tratta di un'unità di misura equivalente alla seguente quantità: 1*10^-12 F (dove F indica i Farad).

Continua la lettura
58

Condensatore fisico

Consideriamo adesso due conduttori. Tra di loro si stabilisce una differenza di potenziale V per esempio collegandoli ad una fonte di cariche ideale. Poniamo il caso che i conduttori abbiano cariche opposte ma dal modulo identico. Basandoci sulla formula che ho indicato precedentemente, possiamo dire che la capacità C di un condensatore altro non è che il rapporto tra la carica Q e la differenza di potenziale V. Si tratta di una costante che dipende unicamente dalla geometria del sistema.
Solitamente i condensatori di uso pratico hanno una geometria particolare volta a massimizzare la capacità, tuttavia molti di essi sono proprio realizzati in maniera molto semplice con un isolante che separa due conduttori. Vediamo quindi come procedere nel calcolo della capacità di un condensatore a facce piane parallele.

68

Calcolo della capacità

Prendiamo in considerazione un condensatore ad armature piane e parallele (detto anche condensatore piano). Qui vi sono due armature piane, ovvero due conduttori parallelo di area S che si trovano ad una distanza d. Connettendo le armature ai morsetti di una batteria, come abbiamo detto nel passo 1, l'una avrà la carica +Q e l'altra la carica -Q.
Se d è piccolo rispetto alle dimensioni delle due armature, allora l'intensità del campo elettrico sarà uniforme. Per calcolare la capacità del condensatore piano, dovrete trovare la relazione tra V, la differenza di potenziale tra le armature e Q, la carica del condensatore. Dunque tenete sempre a mente che la capacità di un condensatore dipende dalla geometria dei conduttori, quindi da S e d. L'isolante che separa i due conduttori, però non è un mezzo ideale, ma presenta una costante dielettrica ? relativa che influisce sulla capacità secondo la relazione c= ?S/d.
I parole povere un condensatore grande con le facce molto vicine a parità di dielettrico potrà contenere più carica di uno piccolo con le facce distanti. Sulla conoscenza della formula geometrica per il calcolo di una capacità si basano direttamente quelle relative alle capacità in parallelo, il cui valore si somma, proprio perché equivalgono ad un condensatore più grande.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per capire meglio il comportamento di un condensatore, fate qualche esperimento con la batteria e i conduttori.
  • Consultate il manuale di fisica per imparare i concetti base sull'elettromagnetismo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la capacità termica di un corpo

La capacità termica specifica è la quantità di calore necessaria per modificare la temperatura di una sostanza. L'acqua ad esempio, per aumentare la sua temperatura, richiede più tempo a bollire rispetto all'alcol. In altre parole, l'acqua ha una...
Superiori

Appunti di elettronica: il condensatore

Il condensatore è un elemento base di ogni circuito elettrico. Infatti, grazie alla sua capacità di assorbire, contenere o immagazzinare energia elettrica, esso può essere utilizzato per filtrare segnali elettrici di base o, in alternativa, per garantire...
Superiori

Come determinare la capacità termica di un calorimetro

Il calorimetro è lo strumento con il quale si possono misurare quantità di calore, ma anche di calori specifici e le capacità termiche. Questo viene utilizzato principalmente per misurare il flusso di calore durante una trasformazione e questa fase...
Superiori

Capacità idrica di campo: cos'è

Prima di capire che cos'è la capacità idrica di campo è bene sapere le diverse forme in cui l'acqua si presenta nel suolo. Infatti, si può manifestare nel suolo nelle seguenti soluzioni: gassosa (vapore acqueo), solida (ghiaccio) e ovviamente liquida....
Superiori

Come calcolare gli angoli di fase nei circuiti RLC

Per un ingegnere elettronico o per chiunque abbia a che fare con circuiti e sistemi complessi, conoscere la propria materia è fondamentale. Sia che si tratti di una passione coltivata in privato, sia che si tratti di lavoro, per un professionista è...
Superiori

Come calcolare la reattanza

Nel corso dei nostri studi molto spesso affrontiamo degli argomenti piuttosto difficili. Tra questi argomenti, quelli riguardanti l'elettronica, il più delle volte, creano non pochi grattacapi. Una delle tematiche piuttosto ostiche da affrontare nel...
Superiori

Come calcolare il calore specifico di un corpo

Nella disciplina della termodinamica, la capacità termica di una qualsiasi sostanza corrisponde alla quantità di energia necessaria per far salire la sua temperatura di 1°. Calcolare il calore specifico di un corpo è molto importante per la scoperta...
Superiori

Come calcolare la quantità di energia al variare della temperatura

A volte quando ci si approccia allo studio di determinate materie, possiamo imbatterci in argomenti che sono veramente troppo astrusi e complessi, la cui comprensione può essere veramente troppo ardua. Ovviamente questo discorso vale per il percorso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.