Come calcolare l'induttanza di una bobina

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'induttanza rappresenta quella grandezza fisica, avente un ruolo davvero importante con riferimento allo studio dei fenomeni elettrici e magnetici. In buona sostanza essa si riferisce ai circuiti elettrici, e consiste nel rapporto tra le tensione (o voltaggio) e la corrente. Consente di fornire un significato alla proprietà secondo la quale l'intensità di corrente elettrica, attraversante un circuito, induce la formazione di una forza elettromotrice che si oppone alla variazione del medesimo flusso elettrico. Premesse le proprie caratteristiche, nei brevi passaggi di questa breve ma dettagliata guida, vi spiegheremo ed analizzeremo i principali metodi esistenti che spiegano come occorre calcolare i valori assunti dall'induttanza in una bobina. Diciamo subito che la bobina consiste in uno speciale dispositivo elettrico, costituito da un insieme di spire, realizzate con del materiale conduttore. Queste sue caratteristiche le consentono di assumere il ruolo di trasformatore, ovvero di quello strumento che trasforma i valori di tensione ad esso applicati. A questo punto, pertanto, possiamo entrare nel vivo di questa guida, basata sull'elettrotecnica. Ci auguriamo di essere di supporto a tutti gli studenti di questa disciplina.

27

Occorrente

  • Bobina
  • Generatore di forme d'onda
  • Oscilloscopio
  • Resistore
37

Collegare la bobina ad un generatore di forma d'onda, ed usare un rilevatore ed un oscilloscopio

La procedura iniziale che vi descriviamo sfrutta la definizione d'induttanza, consentendo di misurare i valori che assumono rispettivamente la tensione e la corrente del circuito elettrico, per determinarne algebricamente il prodotto. Per cominciare, prima di tutto è necessario collegare la bobina ad un generatore di forma d'onda, il cui ciclo deve essere inferiore al 50%, per poi aggiungere un rilevatore di corrente collegato al circuito elettrico. A sua volta, al rilevatore di corrente elettrica deve essere connesso un oscilloscopio. A questo punto, sarà possibile rilevare i picchi di corrente e gli intervalli temporali intercorrenti fra i vari impulsi di tensione, impiegando rispettivamente l'Ampere (A) ed il microsecondo come unità di misura.

47

Moltiplicare la tensione per ciascun impulso, e dividere il valore ricavato per il picco di corrente

Una volta giunti a questo punto, si avranno portato a termine tutte quante le procedure pratiche necessarie, e conseguentemente si dovrebbe continuare con il procedimento teorico. Precisamente, dopo avere ottenuto i dati sperimentali tramite la realizzazione del circuito elettrico, è necessario moltiplicare la tensione erogata a ciascun impulso per la durata dello stesso, per poi dividere il valore ricavato per l'impulso del picco di corrente elettrica.

Continua la lettura
57

Usare un altro metodo per creare un circuito serbatoio, con bobina, condensatore e resistore

Esiste anche un'ulteriore procedura, utile per riuscire a ricavare il valore dell'induttanza, la quale è basata sulla realizzazione di un circuito serbatoio, ottenuto collegando la bobina ad un condensatore, che a sua volta dovrà essere collegato in serie tramite un resistore. Una volta che la corrente scorrerà nel circuito elettrico, è necessario posizionare le sonde di un oscilloscopio sui terminali del circuito stesso, per poi annotarvi i massimi valori registrati dallo strumento di misurazione elettronico. Attraverso i valori appena registrati, sarà necessario effettuare un ulteriore e conclusivo calcolo. Precisamente è necessario dividere "1" per il prodotto tra il quadrato dell'energia e la capacità. In definitiva, in questa maniera si avrà calcolato il valore dell'induttanza di una bobina.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di elettronica: il trasformatore

Il trasformatore viene utilizzato solo ed esclusivamente nei circuiti a corrente alternata, dal momento che in un circuito a corrente continua non avrebbe alcun effetto, visto che non sono presenti variazioni di flusso elettromagnetico. Il trasformatore...
Superiori

Come calcolare le correnti in un circuito a induzione

Luce, magnetismo ed elettricità sono fenomeni naturali che quotidianamente vediamo sotto i nostri occhi. La fisica classica si occupa di spiegare questi fenomeni mediante la branca dell'elettromagnetismo, il quale a sua volta chiarisce esplicitamente...
Università e Master

Come risolvere un circuito magnetico

Un circuito magnetico è un nucleo ferromagnetico nel quale si induce un campo magnetico per mezzo di avvolgimenti percorsi da corrente elettrica alternata o per mezzo di magneti permanenti. Tali circuiti vengono impiegati per trasferire potenza attiva...
Superiori

Come calcolare l'impedenza di un induttore

In questa guida verranno dati utili consigli su come calcolare l'impedenza di un induttore. Come molti di voi sapranno, la corrente elettrica che sia di tipo alternata oppure continua o impulsiva, crea un campo di tipo magnetico durante il proprio passaggio...
Superiori

Come calcolare la reattanza

Nel corso dei nostri studi molto spesso affrontiamo degli argomenti piuttosto difficili. Tra questi argomenti, quelli riguardanti l'elettronica, il più delle volte, creano non pochi grattacapi. Una delle tematiche piuttosto ostiche da affrontare nel...
Elementari e Medie

Come Costruire Un Galvanoscopio

Il galvanometro è un dispositivo in grado di trasformare un impulso di corrente elettrica in campo magnetico. Il nome di tale dispositivo deriva da quello di Luigi Galvani e molte delle prime applicazioni si devono a William Thomson. L'impiego più comune...
Superiori

Appunti di elettronica: i filtri passivi

Per "filtri", in elettronica, si intendono quei circuiti fondamentali a far funzionare quasi tutti i dispositivi che usiamo ogni giorno. Essi vengono utilizzati per vari scopi in apparecchi come radioricevitori, televisori, computer ed persino elettrodomestici....
Università e Master

Come creare una elettrocalamita

In questa guida imparerete come creare, passo dopo passo, una elettrocalamita. Tutto ciò che vi occorre è una batteria, un bullone e un filo di ferro. Questo esperimento è molto utile per introdurre i vostri ragazzi ai principi basilari della fisica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.