Come calcolare l'indice relativo di rifrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nel mondo della fisica, quando si parla di onda, si intende una perturbazione che prende vita da una sorgente, ed è poi in grado di diffondersi nel tempo e nello spazio senza portare con sè materia, ma soltanto energia. Un'onda si può propagare sia in un mezzo materiale che nel vuoto. Nel secondo caso si parla di rifrazione, ovvero quando un'onda attraversa un corpo materiale non in modo lineare ma subendo una deviazione. In questa guida vedremo come calcolare l'indice relativo di rifrazione attraverso alcune semplici forme, che dovranno essere integrate successivamente con uno studio più approfondito.

26

L'indice di rifrazione è una grandezza adimensionale, capace di quantificare la diminuzione della velocità di un'onda, nel momento in cui essa attraversa un mezzo materiale. Ovviamente quando avviene la riduzione della velocità, avviene pure una variazione della direzione della stessa onda, dato che essa ha subito una deviazione. Tale deviazione è un angolo dipendente pure dall'inclinazione che si ha all'inizio, rispetto alla superficie che si va a colpire. Tali fenomeni concernano qualsiasi tipo di onda, ma se ne discute soprattutto nell'ottica geometrica.

36

Ci sono due tipi di indici che in modo comune danno indicazioni sul mezzo che si usa, ovvero si sta parlando dell'indice di rifrazione assoluto e di quello relativo derivante dal primo. L'indice di rifrazione assoluto, indicato con n, proviene dal rapporto tra la velocità della luce, indicata con c, e la velocità con cui si propaga l'onda, indicata con v. Per questo indice si parte da un valore pari ad uno nel vuoto, il quale tende ad aumentare per altri corpi materiali tranne che per i gas, in cui il valore non si sposta molto da quello nel vuoto. Di solito viene indicato con assoluto l'indice calcolato rispetto al vuoto, e si tratta di valori conosciuti per ciascun mezzo.

Continua la lettura
46

Si ha invece l'indice di rifrazione relativo, nel momento in cui avviene la propagazione tra due mezzi e si indica con n 1, 2 la quale sta a significare che, la radiazione o l'onda proviene dal mezzo 1, ma si infrange nel mezzo 2. Perciò l'indice relativo dipenderà da entrambi i mezzi.
L'indice di rifrazione relativo è il rapporto tra le due velocità v1 e v2, ricavabili dagli indici di rifrazione assoluti che come già detto, sono valori noti.

56

Si hanno perciò l'indice assoluto del mezzo uno dato da n1=c/v1, e l'indice assoluto del mezzo due, dato da n2=c/v2.
Secondo quanto affermato in precedenza, l'indice relativo è il rapporto fra le due velocità pertanto si avrà la seguente formula:
v1/v2=(c/n1) x (n2/c)=n2/n1=sin (i)/sin (r).
L'angolo indicato con i, è quello di incidenza, mentre l'altro indicato con r è l'angolo di rifrazione.

66

Le formula precedente consente di arrivare infine alla conclusione che se il rapporto è superiore ad uno, ossia n2>n1 e pertanto si passa da un mezzo a più basso indice di rifrazione, ad uno a più alto indice. Questa breve guida serve solo a dare un'idea del fenomeno, ovviamente è necessario studiarlo in maniera più approfondita, attraverso ricerche e simulazioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'errore relativo in fisica

La fisica è una disciplina che studia i fenomeni naturali secondo metodi scientifici, così come fa intendere la sua radice etimologica, derivante dal greco "tà physicá" (cose naturali). Si tratta di una materia complessa, per il cui studio sono necessari...
Superiori

Come calcolare l'errore relativo e assoluto

Tutte le misurazioni di grandezze fisiche, prevedono un margine di errori aleatori. Tali errori, possono essere facilmente ridotti tramite l'utilizzo di determinati strumenti statistici. Può infatti capitare che ripetendo più volte la misura di una...
Superiori

Come Estrarre La Radice Quadrata Di Un Numero Relativo

La radice quadrata viene chiamata anche estrazione di radice. Inoltre, in matematica la radice quadrata rappresenta quell'operazione opposta rispetto all'elevamento a potenza. Anche nell'ambito dei numeri relativi è tranquillamente possibile applicare...
Superiori

Come risolvere la potenza di un numero relativo

I numeri relativi sono numeri preceduti dal segno + o dal segno -. Quelli preceduti dal segno + sono detti positivi, quelli preceduti dal segno - sono detti negativi. La parte numerica di un numero relativo si chiama valore assoluto. Elevare a potenza...
Superiori

Come calcolare l'angolo limite

In questa guida vi spiegherò come calcolare l'angolo limite, spero che sarò il più chiaro possibile, per far si che il vostro risultato sia eccellente. Sono un geometra, è stata sempre una mia passione, fin da piccolo. Oggi condividerò con voi ciò...
Superiori

Come Declinare Correttamente Il Pronome Relativo Latino

Molto spesso quando affrontiamo determinati argomenti o determinate materia, sia in ambito scolastico che universitario, possiamo incontrare dei problemi che in un certo qual modo possono complicarci la vita. In realtà bisognerebbe colmare le proprie...
Superiori

Come calcolare l'errore assoluto del perimetro

Come già sappiamo nessuna misura che prendiamo, nessun calcolo che eseguiamo è preciso. Tutti presentano degli errori che, in campo matematico e fisico, sono stati classificati in due grandi categorie: errori relativi ed errori assoluti. Per definizione...
Superiori

Come calcolare l'errore assoluto nelle misure indirette

Prima di passare al nocciolo della questione, è opportuno soffermarsi sul concetto di misura indiretta partendo da un semplice esempio. Supponiamo di dover misurare la lunghezza di due banchi affiancati e di poter effettuare la misura disponendo esclusivamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.