Come calcolare l'apotema di un triangolo isoscele

Tramite: O2O 31/05/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

Questa guida, pratica e veloce, si propone di dare, a tutti, alcuni suggerimenti utili per riuscire a calcolare, con semplicità, l'apotema di un triangolo isoscele, senza incorrere in errori o sbagli, che potrebbero compromettere la buona riuscita di un problema scolastico. Per prima cosa bisogna conoscere il triangolo isoscele, una figura geometrica piana avente 3 lati, 2 dei quali sono uguali o congruenti (lati obliqui) e 1 è diverso o incongruente (base). L' apotema, che in questa guida viene denominata con la lettera ?a?, è strettamente collegato ai poligoni regolari, ovvero a quelle figure geometriche aventi la caratteristica di essere equilatere ed equiangole. Vediamo come calcolare l?apotema di un triangolo isoscele, affrontando la questione sotto differenti punti di vista e partendo da semplici esempi pratici. Cerchiamo di seguire questa guida, in ogni sua parte, non trascurando nulla.

29

Occorrente

  • dati del problema
  • triangolo isoscele
39

Definizione di apotema

Innanzitutto, iniziamo col dare alcune definizioni di geometria che serviranno, in seguito, per comprendere meglio i passaggi illustrati in questa guida. In un poligono regolare, si definisce apotema un segmento che collega il centro di un poligono con il centro di uno dei suoi lati. Per dare una definizione più completa, l'apotema è il raggio che unisce il centro di un poligono con il cerchio ad esso inscritto. Da quanto detto, si evince che solo i poligoni regolari possono avere un apotema, in quanto i poligoni non regolari non hanno un centro e quindi non è possibile identificare un apotema. Un apotema, quindi, rappresenta sempre il raggio di un cerchio inscritto nel poligono regolare avente n-lati.

49

Costruzione geometrica di un apotema

Per meglio capire cos'è un apotema, è consigliabile disegnare l'apotema di un poligono qualsiasi (ad esempio un ottagono, come illustrato nell'esempio sotto riportato). Per prima cosa, disegnate un ottagono e al suo interno tracciate una X partendo dal vertice sinistro in alto (F), fino al vertice destro in basso (B). Tracciate una retta che congiunga il punto centrale dell?ottagono (dove intersecano le X) con la base di un triangolo: avrete identificato l?apotema. Come sappiamo la somma degli angoli interni di un triangolo è pari a 180° e i 2 angoli base sono uguali.

Continua la lettura
59

Calcolo dell'apotema

Adesso, identifichiamo con la lettera ?x? i gradi di uno degli angoli posti sulla base del triangolo isoscele (che si distinguono dall'angolo posto all'apice del triangolo che si trova in posizione opposta alla base) e scriviamo la seguente equazione: 2x + 45° = 180°. (x viene moltiplicato per 2 perché gli angoli vicino alla base di un triangolo isoscele sono congruenti). L?apotema rappresenta quella linea verticale che taglia il triangolo isoscele in 2 triangoli rettangoli uguali. Se osserviamo il triangolo rettangolo sulla sinistra dell?apotema, sapremo che l?angolo superiore sinistro misura 67.5° (il valore è stato ottenuto risolvendo l'equazione sopra indicata) e che l?apotema è la tangente opposta a tale angolo.

69

Esempio del calcolo dell'apotema partendo da un pentagono regolare

Per capire meglio il calcolo dell'apotema, facciamo un altro esempio usando un poligono regolare di 5 lati ciascuno dei quali misura 8 cm; poiché il poligono ha 5 lati, l?angolo vertice misura: 360 gradi/5 = 72°. (La somma degli angoli interni di un poligono regolare è 360 gradi, ad eccezione del triangolo la cui somma corrisponde a 180 gradi). Prendete la lunghezza del lato diviso 2 e moltiplicatela per il numero della tangente dell? angolo posto vicino alla base e otterrete la lunghezza dell?apotema. In alternativa possiamo ragionare come segue: essendo l?apotema un segmento perpendicolare alla base del triangolo isoscele e ne è anche la bisettrice (segmento che divide in due parti uguali un angolo), si avrà che l?angolo posto al vertice sarò diviso in 2 angoli che hanno la stessa ampiezza: 22.5°.

79

Regola generale per il calcolo dell'apotema

I due esempi illustrati ci permettono di definire una regola generale per il calcolo dell'apotema: noto il lato del poligono, possiamo trovarne l?apotema applicando la formula del numero fisso (nf) e moltiplicandolo per il numero dei lati (l) del poligono (A= nf x l). Il numero fisso è il rapporto fra l'apotema e il lato. Ad esempio: per l?esagono il numero fisso è 0,866, per l?ottagono invece, è 1,207. L'area del poligono deve essere calcolata: perimetro x apotema / 2.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Saper calcolare l'apotema di un triangolo i soscele, è molto utile a livello soclastico e non solo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'apotema di un triangolo rettangolo

Lo studio della geometria è una parte importante della formazione scolastica e purtroppo per gli alunni è anche piena di casi particolari e di definizioni che devono essere imparate. La geometria dei triangoli è importante e deve essere compresa al...
Superiori

Come calcolare l'apotema di un triangolo equilatero

Dire che la geometria è la parte della scienza matematica che si occupa delle forme nel piano e nello spazio, e di tutte le loro mutue relazioni, è senza ombra di dubbio risaputo ed ormai instillato attraverso tutti i buoni insegnamenti ricevuti negli...
Superiori

Come trovare la bisettrice di un triangolo isoscele

Se dovete trovare la bisettrice di un triangolo isoscele e non sapete proprio come procedere, non preoccupatevi: avete trovato la guida giusta per voi! Tramite questo tutorial, infatti, vi spiegheremo come calcolarne il valore, in maniera semplice e corretta....
Superiori

Come dimostrare che un triangolo è isoscele

La geometria è un ramo della matematica che si occupa dello studio delle rette, delle semirette, dei segmenti, degli angoli, delle figure geometriche piane, delle figure geometriche solide e delle figure geometriche tridimensionali. Delle figure piane...
Superiori

Come trovare il circocentro di un triangolo isoscele

Il circocentro di un triangolo può essere definito come il centro della relativa circonferenza circoscritta, oppure come il punto di intersezione degli assi dei suoi rispettivi tre lati. Per maggior chiarezza, in geometria si definisce "asse" di un segmento...
Superiori

Come calcolare l'apotema di un cono

Il cono è un solido che ha origine dalla rotazione di un'altra figura della geometria piana: il triangolo rettangolo. I due lati che formano l'angolo retto sono detti cateti ed il lato opposto ipotenusa. Il cateto intorno al quale si sviluppa la rotazione...
Superiori

Come calcolare l'apotema di un rombo

La geometria è sicuramente una materia molto interessante, anche se delle volte ci troviamo a dover risolvere problemi non proprio facili ma, tuttavia risolvibili utilizzando le giuste formule. Per i geometri, gli architetti e specialmente per gli studenti...
Superiori

Come calcolare l'apotema di un ottagono

Se siete alle prese con la preparazione degli esami di terza media, esami di maturità, o ancora, siete alle prese con un esame universitario e dovete rispolverare un po' di regole matematiche, questa guida potrebbe fare al caso vostro. In matematica,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.