Come calcolare il valore medio e l'errore massimo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Tra tutte le materie da studiare ed affrontare nel corso degli anni scolastici e non solo, ce ne sono alcune particolarmente ostili. Tra queste c'è sicuramente la fisica che da decenni e decenni terrorizza schiere di studenti impauriti. Imparare questa materia richiede molto studio ed esercizio costante, e anche un buon insegnante che sappia trasmettere la materia con passione e bravura.
Con il giusto metodo e delle chiare spiegazioni è però possibile affrontare tali argomenti e problematiche in modo assolutamente efficiente e definitivo. In particolare in questa guida affronteremo l'argomento del valore medio e dell'errore massimo, così da superare l'ostacolo di alcuno dei capisaldi della fisica. Prima di tutto bisogna ricordare il principio secondo cui: è impossibile fare una misura esatta, in quanto ad ogni misura è associata un'incertezza, che può essere più o meno grande. Quindi per trovare questa incertezza si è scoperta una formula che vi dirò e presenterò nel corso della guida. Siccome questi errori sono un po' per difetto e un po' per eccesso allora per arginare il problema viene utilizzato il valore medio. Seguite quindi questi semplici ma utili passaggi per imparare una volta per tutte come calcolare il valore medio e l'errore massimo. Attraverso pochi e semplici passaggi cercheremo di fugare tutti i vostri dubbi al riguardo.

25

Occorrente

  • Calcolatrice
  • Penna
  • Foglio
  • Strumento per misurare
35

Per prima cosa chiariamo le idee su cosa sono il valore medio e l'incertezza. Per definizione "Se si fanno diverse misure, si sceglie come risultato della misura il loro Valore medio, che è il rapporto tra la somma delle misure e il numero delle misure". Mentre l'errore (o incertezza) è uguale alla differenza tra il valore massimo e il valore minimo divisa per due". Adesso che abbiamo precisato cosa sono possiamo andare al passaggio successivo e buttarci così a capofitto nella risoluzione.

45

Per calcolare il valore medio dobbiamo sommare tutte le nostre misure e poi dividerle per il numero delle misure (il metodo è uguale a quando si calcolano le medie scolastiche). Possiamo dire che il valore medio è la misura che più si avvicina alla misura reale. Mentre per calcolare l'errore massimo basta fare la differenza tra valore massimo e valore minimo e dividerlo per due. Adesso sappiamo come calcolarli.

Continua la lettura
55

L' errore massimo deve essere anticipato dal più e meno. Questo perché indica che il risultato della misura è compresa tra il risultato positivo e il risultato negativo. Si può assumere come incertezza il più grande tra l'errore massimo e la sensibilità dello strumento. Inoltre esistono altri tipi di incertezze come per esempio l'incertezza dello strumento, gli errori casuali e sistematici e l'incertezza relativa.
Studiare la fisica richiede tempo ed esercizio, ore ed ore di studio e molta pazienza. I consigli trattati in questa guida vi aiuteranno a risolvere nel più breve tempo possibile le problematiche inerenti al calcolo del valore medio e dell'errore massimo, cercando di risolvere tutti i vostri dubbi al riguardo. Se doveste continuare ad averne allora forse sarà il caso di rivolgervi al vostro insegnante e farvi spiegare meglio ciò che non vi è ancora chiaro. Vi auguro quindi buono studio.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare l'errore di campionamento percentuale

Anche se la statistica risulta essere una delle materie più ostiche per gli studenti delle facoltà universitarie scientifico-matematiche, con un po' di pratica tutto può risultare più comprensibile. Un tema che si tratta già al primo anno di corso,...
Università e Master

Come calcolare l'errore di titolazione

In chimica, la titolazione è una tecnica che consiste nel far reagire una soluzione a concentrazione non nota (titolando) con un composto acido o basico, a concentrazione nota. Lo scopo del procedimento è quello di determinare la concentrazione dell'analita,...
Università e Master

Come calcolare l'intervallo di confidenza di una media

In ambito statistico, al fine di stimare un parametro, non basta solo individuare un singolo valore, ma risulta necessario accompagnare la stima di un parametro con un intervallo di valori per quel determinato parametro. Tale considerazione, prende i...
Università e Master

Appunti di diritto civile: l'errore

La volontà rappresenta l'elemento essenziale nella formazione dei negozi giuridici: ovviamente, affinché essa possa essere recepita da un'altra volontà ed approdare ai risultati pratici desiderati, deve essere dichiarata mediante qualsiasi mezzo consentito....
Università e Master

Come determinare il valore della corrente in un solo ramo

In questo articolo vogliamo dare una mano a tutti i nostri lettori, che sono dei veri e propri appassionati di matematica, fisica ed altro, a capire come poter determinare il valore della corrente, in un solo ramo. Cercheremo di far tutto ciò grazie...
Università e Master

Come calcolare la deviazione standard della media

In questa guida ci occuperemo di un argomento molto interessante. Nello specifico ci occuperemo di come calcolare la deviazione standard della media adottando alcune formule particolari che devono essere necessariamente prese come punto di riferimento...
Università e Master

Come calcolare la devianza

La devianza costituisce un indice di dispersione dei dati, il quale determina la somma dei quadrati degli scarti della media di una variabile rappresentante una distribuzione di dati: in termini maggiormente semplici, essa fornisce un grado di dispersione...
Università e Master

Come costruire una bobina di valore esatto

Nel campo dell'elettronica troviamo vari elementi tecnici che rivestono un'importanza notevole per il corretto funzionamento delle varie apparecchiature. Uno di questi è la bobina. Si definisce bobina un insieme di spire. Il loro numero è variabile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.