Come Calcolare Il Test Di Chi-quadro Di Un Insieme Di Valori

Tramite: O2O 11/01/2017
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Grazie al test si chi-quadro potete verificare una specifica ipotesi. Si tratta di un test usato in particolar modo nella statistica. Grazie a questo test possiamo verificare se la differenza tra le percentuali è un caso oppure no. In caso venga dimostrato chertale differenza non è casuale, allora parliamo diuna differenza "statisticamente significativa". Quindi grazie alla variabile casuale chi-quadro è possibile verificare se l'ipotesi nulla è in realtà vera e pertanto compatibile con i dati. Ovviamente, sono numerose le ipotesi di partenza che vengono utilizzate dal test chi-quadro, che lo rendono a seconda delle diverse ipotesi, parametrico oppure non parametrico. Dovete sapere che i cosiddetti test parametrici vengono applicati in presenza di una distribuzione libera dei dati, effettuando uno specifico controllo sul valore del parametro considerato, quale ad esempio una media, una deviazione standard eccetera. I test non parametrici, invece, non prevedono nessun tipo di distribuzione e rappresentano test di verifica di ipotesi relativi all'ambito della statistica non parametrica. Il test di chi-quadro, che ora vedremo nello specifico, risulta essere una misurazione statistica particolarmente utile allo scopo di verificare se tale insieme di valori è casuale o dipendente da qualche fenomeno esterno. Effettuare il test è molto più semplice di quello che pensate. Continuate, quindi, a leggere questa interessante ed utile guida per apprendere in modo semplice come calcolare il test di chi-quadro di un insieme di valori.

25

Prima di tutto, l'operazione che dovete fare è quella di calcolare la media della successione di valori che avete a disposizione. Ciò che vi interessa è dunque il rapporto tra la sommatoria di tutti i valori e il numero dei valori sommati. Compiendo tale operazione vedrete che se i valori sono casuali sono tutti numericamente vicini nonché simili al valore della media della successione che avete calcolato prima.

35

Dopodiché ciò che dovrete fare è calcolare la differenza tra ogni valore della successione e la media che già avete calcolato. Facendo ciò otterrete gli scarti della media. Dovete quindi elevare al quadrato ogni scarto ottenuto prima e una volta che ottenete questo risultato dividetelo per la media della successione in esame. Fate molta attenzione nei passaggi e controllate bene ogni calcolo.

Continua la lettura
45

Una volta che avete compiuto questa serie di operazioni vi ritroverete con una serie di valori che dovranno essere sommati tra di loro. A questo punto avete ricavato il risultato finale, vale a dire il test di chi-quadro dell'insieme di valori studiato. Più grande è il risultato che avete ottenuto, maggiore è la probabilità che la distribuzione dei valori non sia casuale ma dipenderà effettivamente da fattori esterni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Come superare il test di infermieristica

Dopo aver affrontato gli esami di Stato alcune persone decidono di continuare il loro percorso di studio nel campo infermieristico. In Italia la figura dell'infermiere fa parte delle professioni sanitarie. Il titolo viene rilasciato mediante la laurea...
Università e Master

Come prepararsi al meglio per il test di ammissione di medicina e chirurgia

Sempre più giovani, una volta concluso il percorso scolastico, decidono di iscriversi alla facoltà di medicina e chirurgia. Questa facoltà, così come tutte quelle che riguardano le professioni sanitarie, è a numero chiuso, pertanto si potrà accedere...
Università e Master

Come superare il Test di Ammissione all'Universita'

È ormai risaputo che il percorso di studi di un individuo inizia dalla scuola elementare. Qui si imparano le basi su cui fondare la propria cultura e il proprio sapere. Il criterio di valutazione per superare il test di ammissione all'università, la...
Università e Master

come effettuare il t-test per gruppi indipendenti

Il t-test è uno dei più diffusi test statistici utilizzati per confrontare e relazionare fra di loro due gruppi di soggetti che si vogliono andare ad esaminare. Esso permette di verificare se il valore medio di una distribuziine si discosta significativamente...
Università e Master

Come prepararsi al test di ammissione di Giurisprudenza

I test di ammissione alle varie facoltà universitarie sono indubbiamente un ostacolo da superare per tutti gli studenti che hanno il desiderio di studiare determinate discipline. Molto spesso, questi test possono essere considerati più faticosi del...
Università e Master

Come prepararsi al test d'ingresso universitario

Il test d'ingresso universitario rappresenta il primo ostacolo da superare lungo il percorso verso la laurea. Ogni anno sono tantissimi gli studenti che si iscrivono ai test e spesso i posti disponibili sono così pochi che meno della metà degli aspiranti...
Università e Master

Come prepararsi al test OFA di Ingegneria

Una volta iscritti alla facoltà di Ingegneria, qualsiasi sia il corso di studi che sceglieremo di intraprendere, lo spauracchio per tutti gli studenti è rappresentato da un test d'ingresso che, nonostante non precluda la possibilità di iscrizione alla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.