Come calcolare il raggio di un atomo

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Sicuramente quando si parla di atomi, bisogna fare attenzione a come si studia questo argomento e a tutti gli approfondimenti che devono essere fatti studiando, per capire un po' come funziona questa materia e questo argomento specifico. La chimica è infatti una materia che molto spesso, riesce a spiegare il carattere periodico delle proprietà atomiche, solo che bisogna capire un po' il funzionamento specifico dell'atomo per arrivare a calcolare il suo raggio. In questa specifica guida cercheremo di chiarirvi un po' le idee e di semplificarvele, attraverso una spiegazione un po' più alla mano che vi mostrerà come poter calcolare il raggio di un atomo.

27

Occorrente

  • Testi specifici, studio dell'atomo.
37

Per capire come calcolare il raggio di un atomo, è indispensabile capire la definizione di raggio atomico. Il raggio atomico di un elemento, quindi non è altro che l'esatta metà di una distanza che riesce a separare i centri di due atomi adiacenti, all'interno di un campione assolutamente solido. Questa definizione molto teorica e specifica, è abbastanza difficoltosa da capire, per chi non è esperto di questa materia, ma con un po' di studio, è molto più semplice affrontare tale meccanismo. Il raggio atomico è dunque il raggio di un atomo che equivale in sostanza, alla distanza minima che in tra il nucleo dell'atomo che si prende in considerazione e il nucleo di un atomo identico.

47

Per calcolare il raggio atomico e per stabilire le esatte dimensioni dei raggi atomici per esempio metallici, si dovrà determinare con precisione la distanza reale internucleare tra gli atomi nei cristalli. Per calcolare invece il legame chimico covalente che esiste tra due atomi, si dovrà parlare di raggio covalente e in questo caso, si dovrà ovviamente calcolare dividendo in due la distanza internucleare tra i due atomi, uniti da un legame definito "legame covalente semplice". Ovviamente il calcolo cambierà ancora se si tratterà di capire come calcolare gli atomi dei gas nobili.

Continua la lettura
57

La tavola periodica potrà sicuramente farvi capire meglio l'esatto andamento del raggio atomico. Il raggio atomico all'interno di un gruppo, infatti, può sicuramente aumentare andando verso il basso. In pratica il raggio atomico dipende essenzialmente dalla carica efficace dell'elemento in questione. Ogni volta che aumenterà la carica efficace dell'elemento, il raggio potrà diminuire e di conseguenza nella tavola periodica, diminuirà anche il periodo e gli elettroni, andranno a posizionarsi in orbitali sicuramente più esterni e lontani dal nucleo. Ricordatevi che per capire meglio questa teoria, è indispensabile studiare bene questa materia.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondite l'argomento.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il numero di protoni, elettroni e neutroni presenti in un atomo

In questa giuda verrà spiegato come calcolare il numero di protoni,elettroni e neutroni presenti in un atomo; partiamo dalla base. Gli atomi sono le più piccole unità degli elementi chimici e sono costituiti da elettroni, protoni e neutroni (dette...
Superiori

Appunti di chimica

La chimica è la scienza che studia la composizione e le proprietà della materia.In particolare, si occupa di studiare le sue componenti microscopiche (atomi e molecole) e leinterazioni fra di esse sotto forma di reazioni chimiche. Due importanti branche...
Superiori

Come determinare il numero di protoni in un nucleo

Partiamo dalle basi: cos'è un nucleo? Secondo il modello di Rutherford, un atomo (la parte più piccola di una sostanza che ne conserva le proprietà chimiche) è fatto da un nucleo attorno al quale ruotano degli elettroni, particelle molto più piccole...
Superiori

Come calcolare le particelle subatomiche

Fin dal VII secolo a. C. L'uomo iniziò ad osservare e ad interrogarsi riguardo il comportamento di alcuni materiali e sulla manifestazione di alcuni fenomeni naturali. Tra questi, i fenomeni elettrici come i fulmini. Appurata la presenza di cariche elettriche...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche chimiche degli elementi

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà, mi dedicherò a parlare di una materia specifica: la chimica. Nel particolare, questa sarà l'occasione per scrivere qualcosa sulla determinazione delle caratteristiche chimiche degli elementi.Ma...
Maturità

Come scrivere la configurazione elettronica di un elemento

Ecco una bella ed anche molto interessante guida, pratica e veloce, mediante il cui aiuto poter essere in grado e capaci, finalmente di imparare come e cosa fare per scrivere la configurazione elettronica di un elemento. In questo modo potremo essere...
Superiori

Legame ionico e legame covalente

La chimica la scienza che si occupa dello studio della composizione della materia e dei suoi relativi comportamenti. Tra gli elementi oggetto di studio della chimica troviamo le molecole, gli atomi, gli elettroni e le cariche elettriche. Tutti questi...
Superiori

Come calcolare la carica di uno ione

Gli ioni sono entità molecolari elettricamente cariche che si formano a partire da un atomo che perde o acquista uno o più elettroni. Tale fenomeno viene definito "ionizzazione". Gli atomi che perdono uno o più elettroni presentano una o piu cariche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.