Come calcolare il piano tangente in un punto ad una funzione di due variabili

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La matematica risulta essere alla base dei problemi quotidiani in cui ci si può incappare, quindi studiarla aiuta a conoscere e a sapere. Prendendo in considerazione l'analisi matematica si sa che essa è lo studio delle funzioni di più variabili, utilizzando degli appositi calcolatori si va a diminuire la sua complessità di rappresentazione. Facendo ricorso alla rappresentazione cartesiana nel caso ci si presentano due variabili, lo studio da fare risulterà essere più semplice e così sarà facile tracciare un grafico. Che ovviamente cambiano a seconda della funzione. La guida che sotto è proposta serve proprio a conoscere come utilizzare il metodo per calcolare il piano tangente in un punto ad una funzione di due variabili. Nei vari passaggi ci sarà quindi una spiegazione esaustiva che darà modo di capire al meglio le operazioni da fare.

26

Occorrente

  • Carta
  • Penna
  • Calcolatore
36

Individuare la derivata

Calcolare la cosiddetta retta tangente alla funzione di un punto, può essere l'azione che viene richiesta quando ci si ritrova di fronte una funzione costituita da una variabile. Per fare ciò occorre sapere quale sia la derivata della funzione in quel punto e così si può conoscere la direzione della retta, sapendo già che il punto della tangenza è un punto della retta. Così sarà possibile risolvere il problema sia dal punto di vista grafico che da quello analitico.

46

Trovare le derivate parziali

Non si parlerà di retta tangente alla funzione quando si presenta il caso di due variabili, quindi ci sarà una funzione che opera sulla terza dimensione. A quel punto si parlerà di piano tangente e ci sarà da pensare che in un punto della funzione vanno a passare infinite rette tangenti. Sarà analogo al caso di una variabile il procedimento da attuare, si dovranno calcolare le derivate parziali rispetto ad x e y nel punto in questione, ciò sta a significare il punto di tangenza tra la funzione ed il piano che si sta cercando.

Continua la lettura
56

Applicare la formula

Il piano in questione dovrà passare anche per il punto di tangenza e quindi la formula del piano tangente in un punto è la seguente: f (x, y)=f (x0, y0) fx (x0, y0)(x-x0) fy (x0, y0)(y-y0), dove è stato indicato con (x0, y0) il punto di tangenza e con fx la derivata parziale rispetto x della funzione calcolata ovviamente in (x0, y0) e con fy la derivata parziale questa volta rispetto y e calcolata nuovamente in (x0, y0). L'esercizio su tale formula aiuterà a far si da farla sembrare meno complicata di come appare e così sarà più facile apprenderla e svolgerla, ne verrà fuori quindi un buono studio di sicuro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Detta così potrebbe sembrare piuttosto complicata, ma con un po' di esercizio il procedimento risulterà di più semplice comprensione e svolgimento.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il coefficiente angolare di una retta tangente

In geometria analitica, lavorando sul piano cartesiano, ci si imbatte spesso nel calcolo del coefficiente angolare delle rette che si stanno trattando. In questa guida vediamo come calcolare il coefficiente angolare di una retta tangente a qualsiasi curva....
Università e Master

Come calcolare la tangente e la normale ad una curva

Calcolare la tangente e la normale ad una curva richiede specifiche competenze di base. Prima di introdurre l’argomento, dovete avere chiaro il concetto di curva.Si definisce curva una traiettoria definita da un oggetto puntiforme. L’oggetto si muove...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Come calcolare la divergenza di una funzione

La matematica universitaria è un bel po' diversa da quella delle superiori, vero? Sì e no diciamo, molti concetti, anche se all'inizio non sembra, sono semplici ampliamenti di argomenti già visti alle superiori, triti e ritriti. Il segreto per imparare...
Università e Master

Come calcolare lo jacobiano di una funzione

L'esame di analisi è alle porte e preferireste seriamente lanciarvi da una finestra? Niente paura e mantenete la calma. Oggi affronteremo un argomento all'apparenza difficile, ma che, come vedremo, non richiede niente di più delle conoscenze che già...
Università e Master

Come calcolare una funzione con wolframalpha

WolframAlpha è un motore computazionale di conoscenza in grado di interpretare le parole chiave inserite dall'utente, proponendo direttamente una risposta piuttosto che offrire una lista di collegamenti ad altri siti web. L'autore di questo strumento,...
Università e Master

Come fare grafici di funzioni a due variabili

Nelle matematiche di livello superiore non è raro imbattersi in funzioni a due o più variabili. Le considerazioni e le procedure fatte per le funzioni a variabile singola sono molto simili. Le differenze più chiare si notano, infatti, nella rappresentazione...
Università e Master

Come risolvere un'equazione differenziale a variabili separabili

Vediamo insieme come risolvere un'equazione differenziale a variabili separabili: si trovano in alcune discipline. Di solito riguardano l'ingegneria è un concetto di equazione differenziale si presenta in vari contesti teorici e applicativi è fondamentale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.