Come calcolare il pH relativo ad una idrolisi salina

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il pH è una scala di misura dell'acidità, chiamata anche della basicità di una soluzione acquosa. Fu introdotto nel 1909 con il termine "pH", dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine "p" sta a significare "operatore", e vuole simboleggiare due operazioni matematiche che dovranno essere fatte sull'attività dello ione ossonio, in soluzione acquosa. Queste due operazioni sono: il logaritmo in base 10 dell'attività, perciò il cambio di segno del risultato, quindi moltiplicazione per -1.
Per le proprietà dei logaritmi, ovviamente, si ottiene lo stesso risultato anche calcolando il logaritmo del reciproco dell'attività degli ioni ossonio.
Il pH di soluzioni acquose assume valori compresi fra 0, cioè massima acidità convenzionalmente, e 14 cioè di massima basicità.
In soluzioni non acquose comunque, il pH potrà assumere valori anche molto diversi del range 0-14: una soluzione per esempio di oleum, cioè acido solforico concentrato saturato con triossido di zolfo, ha un pH di -13. Valori inferiori a 0 e maggiori di 14 sono naturalmente possibili, però sono indicativi di soluzioni assolutamente acide, oppure rispettivamente basiche, che corrispondono a valori che rendono difficile in modo sperimentale la misura elettrochimica e comportano, deviazioni significative dall'idealità. Al valore intermedio di 7 corrisponderà la condizione di neutralità, tipica dell'acqua pura a 25 °C. In questo tutorial, vi andremo ad illustrare, come calcolare il pH relativo ad una idrolisi salina. Buona lettura e buono studio!

24

Ora vi faremo un esempio prendendo in considerazione un sale che è formato da acido forte e debole, come l'acetato di sodio (CH3COONa), che ha concentrazione Cs=0,1M, calcolando il pH relativo a tale soluzione.
Questi due ioni così prodotti, ci sono in quantità stechiometricamente uguali a quelle del reagente, e cioè hanno concentrazione 0,1 M. Dobbiamo precisare prima di tutto, che un sale di qualsiasi tipo messo dentro all'acqua si scinde nei propri ioni completamente, perciò nel caso vostro avrete ai reagenti CH3COONa, mentre ai prodotti gli ioni CH3COO (-) e Na (più).

34

La loro natura è diversa però e vi spieghiamo subito: il catione Na (più) deriva da una forte base dove non subisce idrolisi, però viene solvatato non apportando nessuna variazione di pH alla soluzione. L'anione acetato CH3COO (-) deriva invece da un acido debole, e pertanto potrà essere idrolizzato formando in acqua CH3COOH e OH (-). Questo nuovo equilibrio chimico, è detto di idrolisi basica, perché si forma ai prodotti lo ione OH (-). La costante che disciplina tale equilibrio nuovo è chiamata "costante di idrolisi basica", ed è indicata con la dicitura "Kib".

Continua la lettura
44

Questa costante è formata dal rapporto tra Kw=10^(-14) (mol/L)^2 e Ka=1,8*10^(-5) mol/L che coi numeri è uguale a 5,56*10^(-10) mol/L.
Con tali dati che si hanno a disposizione, sarà molto facile andare a calcolare la quantità di ioni OH (-), mediante la relazione Kib=[OH-]^2/Cs, dove [OH-]=%u221AKib*Cs= 7,46*10^(-6) mol/L. A tal punto sarà sufficiente fare il meno logaritmo di tale quantità, in modo da conoscere il valore di pOH che risulta uguale a 5,13. Tramite la relazione pH più pOH =14 per sostituzione otterrete pH=8,87.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come determinare il pH nelle bevande e nei succhi

l pH consiste in una scala di misura dell'acidità oppure della basicità di una soluzione acquosa. Il termine "pH" è stato introdotto nel lontano 1909, dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine p (operatore) simboleggia due operazioni matematiche,...
Università e Master

Come calcolare il PH di una soluzione chimica

Ogni soluzione acquosa presenta una sua acidità o basicità. Il calcolo del pH serve appunto a definire se una soluzione è acida o basica. Questa scala fu introdotta nel 1909 da Sorensen, un chimico danese. Potete osservare che su tutte le tipologie...
Università e Master

Come Calcolare La Molarita' Iniziale A Partire Dal Ph O Dal Poh

La chimica è una delle materie più ostiche che tutti gli studenti che decidono di frequentare l'istituto tecnico industriale o il liceo scientifico si troveranno ad affrontare. Una delle grandezze fondamentali nello studio della chimica è sicuramente...
Università e Master

Come verificare il PH di una sostanza

Misurare il pH di una sostanza è una procedura molto comune in chimica. In generale il pH puo' essere valutato sperimentalmente attraverso varie tecniche oppure è possibile valutare teoricamente quale composto sia più acido di un altro attraverso varie...
Università e Master

Come Risolvere L'Esercizio Di Idrolisi Dei Reattivi Di Grignard

La chimica organica è una materia che trova applicazione in molti campi. Grazie allo studio delle reazioni chimiche che avvengono tra i vari elementi presenti in natura, si possono dare origine a diverse materie nuove, ibride, nate dall'unione di due...
Università e Master

Come preparare una soluzione salina

La soluzione salina è conosciuta soprattutto con il nome di soluzione fisiologica. Essa è utilizzata in tantissime situazioni: per le infusioni endovenose, per le pratiche igieniche, per la pulizia delle lenti a contatto, per l'irrigazione nasale, per...
Università e Master

Come misurare il PH di una soluzione

La chimica è una materia molto affascinante che va studiata facendo pratica. Infatti se la teoria è importante, vedere un'applicazione pratica della materia aiuta a capire i processi. Una delle basi della chimica è la misurazione del PH di una soluzione....
Università e Master

Appunti di chimica: soluzioni tampone

Molte soluzioni acquose sono capaci di mantenere inalterato il proprio pH anche dopo l'aggiunta di piccole quantità di acidi o di basi e vengono definite soluzioni tampone. Questi tipi di analisi chimiche vengono utilizzate molto non solo per le analisi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.