Come calcolare il numero di moli in un composto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La mole è una delle sette unità di misura fondamentali del Sistema Internazionale, simbolo "mol". Viene usata in chimica per esprimere la quantità di sostanza in un composto. La mole è standardizzata come la quantità di sostanza di un sistema che include un numero di entità (atomi, molecole, ioni, elettroni) pari al numero di atomi presenti in 12 g di carbonio-12. Per chi volesse un po' chiarirsi le idee in materia, eccovi una lucida e chiara spiegazione su come calcolare il numero di moli in un composto.

27

Occorrente

  • Calcolatrice, tavola periodica.
37

Una mole di un qualsiasi composto contiene esattamente 6.022x10 elevato a 23 unità chimiche, tra atomi e molecole. Questa cifra è nota come "Costante di Avogadro". Una mole dunque è un numero particolarmente elevato ed è comunemente usato in chimica per descrivere il numero di molecole di un composto. Tale unità svolge un ruolo fondamentale in tutti i calcoli di stechiometria delle reazioni chimiche. Ricordate che la costante di Avogadro e la mole sono sempre correlate tra loro.
Per scoprire il numero di moli, è necessario conoscere la massa molare della sostanza, ma per arrivare a ciò, bisognerà sapere la quantità e il peso del composto. Si tratta di informazioni essenziali di cui si ha bisogno per calcolare l'esatto numero di mole di in composto.

47

Queste informazioni di solito vengono fornite in un problema, per esempio il problema potrebbe affermare che il composto pesa 146,1 grammi e che si tratta di cloruro di sodio (NaCl). Bisognerà quindi individuare ogni elemento del composto sulla tavola periodica per trovare il suo peso molecolare. Per fare questo, cercate prima di tutto il simbolo corrispondente all'elemento. Facendo riferimento all'esempio, si cerca il sodio (Na) nella tavola periodica per scoprire che il suo peso molecolare è 22,99. La massa molecolare del cloruro (Cl) è invece 35,45.
Per ottenere la massa molare, bisognerà aggiungere i pesi molecolari. Per un composto semplice come il cloruro di sodio basterà addizionare 22,99 e 35,45 per ottenere 58,44 che è, appunto, il peso molecolare dell'intero composto. Una volta eseguito il calcolo della massa molecolare, dividerete tale numero (58,44) per il peso del composto ovvero 146,1 grammi. Otterrete così il numero di moli complessivo ovvero 2,5 mol.

Continua la lettura
57

Sarà bene ricordarsi che, se si dispone di un composto con più di un atomo per ogni elemento, sarà necessario eseguire il calcolo nella proporzione adeguata. Ad esempio, se si vuole calcolare il peso molecolare del cloruro di calcio (CaCl2), si dovrà addizionare il peso molecolare del calcio (40,08) e due molecole di cloruro (35,45). A questo punto, dovrete dividere la massa molare che è stata calcolata (110,98) per il peso, ovvero per il numero di grammi del composto, solitamente espresso all'interno del problema. Così facendo otterrete il numero di moli del cloruro di sodio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondite l'argomento con le tavole periodiche e con manuali di chimica e di fisica.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare le moli usando la molalità

Chi studia chimica si trova ad utilizzare una grande varietà di termini al fine di andare a descrivere le concentrazioni delle varie soluzioni. Uno di questi è appunto la mole e serve a descrivere un quantitativo di particelle presenti all'interno di...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari dei componenti in una soluzione chimica

La frazione molare, forse non tutti sanno, rappresenta uno dei modi per esprimere la concentrazione di una specie chimica presente in una data soluzione, essa è data dal rapporto tra il numero di moli di un componente la soluzione ed il numero di moli...
Superiori

Chimica: il volume molare

La chimica è una particolare materia che appartiene al ramo delle discipline di tipo scientifico e si occupa di studiare la composizione della materia esistente e come questa si comporta in funzione della propria composizione. Questa è quindi una materia...
Superiori

Come calcolare il numero di atomi in una molecola

La molecola è un insieme di due o più atomi collegati tra loro attraverso un legame chimico. Si tratta di particelle che costituiscono quasi tutto ciò che abbiamo intorno e che a loro volta sono costituite da altri elementi. In chimica è possibile...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari utilizzando la percentuale di massa

Un soluto si dissolve in un solvente per fare una soluzione. La concentrazione indica quanto di un composto o miscela è disciolto nella soluzione e si puó esprimere in vari modi. Le frazioni molari si riferiscono al rapporto fra numero di moli di soluto...
Superiori

Come calcolare la concentrazione molare di una soluzione

Questa guida è piuttosto semplice se si seguono tutti i passaggi alla lettera, altresì può risultare un po' complicata. Armatemi ti molta pazienza e prendetevi tutto il tempo utile per leggere e comprendere la spiegazione.La concentrazione molare di...
Superiori

Come determinare le moli di un soluto

In chimica, quando si parla di soluzione omogenea si intende una soluzione che è costituita da un solvente e da un soluto. In genere, il solvente è presente in una quantità maggiore ed è perciò in grado di sciogliere il soluto che invece si trova...
Superiori

Come determinare la composizione percentuale di un composto chimico

La chimica è una materia piuttosto interessante ma anche molto complicata e di difficile apprendimento se non si è portati. Per impararla al meglio occorrono moltissimi anni e tanto studio, unito a della pratica costante. Ma affinché lo studio porti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.