Come calcolare il minimo comune multiplo tra polinomi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Lo studio dei polinomi inizia alle medie, e per la prima volta ci confrontiamo con una matematica che ha poco a che fare con la realtà. Soffermarci su argomenti come calcolare il calcolo del minimo comune multiplo è quindi importante. Anche se ci sembrano cose astratte, infatti, sono concetti che ci ritroveremo per molti anni a venire.

26

Occorrente

  • precedente studio nella scomposizione dei polinomi
36

Il pensiero matematico

È il primo argomento che non è così facilmente intuibile. Non basta più calcolare qualcosa che, comunque, appare tangibile. Ed è qui che generalmente nascono i primi veri problemi con il pensiero matematico. Riuscire a capire a fondo i concetti sui polinomi ci permetterà di affrontare bene la matematica non solo delle medie, ma anche delle superiori. Nella maggior parte dei casi gli esercizi presentano polinomi frutto di prodotti noti. Una volta scomposti tutti i polinomi, dobbiamo prendere tutti i fattori comuni e non al grado maggiore e moltiplicarli tra di loro. Prestiamo molta attenzione. I fattori devono essere esattamente uguali. Facciamo caso anche a differenze minime. Per fare un esempio prendiamo i polinomi (x^2-4) e (x^2-x-6). Scomponiamoli in fattori: (x^2-4)=(x+2)(x-2) e (x^2-x-6)=(x+2)(x-3). Il minimo comune multiplo tra questi polinomi sarà quindi k (x+2)(x-2)(x-3), dove k è un qualsiasi numero intero o frazione.

46

Il minimo comune multiplo tra polinomi

Prima di calcolare il minimo comune multiplo tra polinomi, vediamo di preciso di cosa si tratta. Il minimo comune multiplo tra polinomi è un qualunque polinomio divisibile per tutti i polinomi presi in considerazione, al minor grado possibile. Come vediamo, non è il polinomio minore, perché il valore è relativo a quello delle incognite. Inoltre, esistono infiniti polinomi che rispondo a questa definizione. Infatti possiamo prendere il minimo comune multiplo e moltiplicarlo per un fattore noto. Ad esempio, il minimo comune multiplo tra i polinomi (x+2) e (x-3) sarà pari a k (x^2-x-6), dove k è un qualsiasi numero intero o frazione. Ora che abbiamo ben chiaro cos'è il minimo comune multiplo tra polinomi, vediamo come calcolarlo. Prendiamo ogni polinomio dato e scomponiamolo al minimo.

Continua la lettura
56

La definizione

La di minimo comune multiplo dei numeri naturali. Il minimo comune multiplo è il numero interdefinizione o minore e multiplo di tutti i numeri considerati. Ovvero deve essere divisibile per tutti i numeri del gruppo. Per calcolarlo occorre scomporre tutti i numeri in fattori primi. Quindi prendere tutti i fattori, comuni e non, al massimo grado espresso e moltiplicarli tra loro. Avremo così il minimo comune multiplo tra numeri interi. Per i polinomi funziona in un modo del tutto analogo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' molto importante avere imparato bene tutti i prodotti noti dei polinomi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come risolvere i polinomi con le frazioni

Nel linguaggio matematico si indica come polinomio una espressione che è formata da alcune costanti o variabili unite tra loro dalle sole operazioni di addizione, sottrazione e moltiplicazione. I polinomi sono dunque l'unione di più monomi che, presi...
Superiori

Come calcolare il polinomio minimo di una matrice

Il polinomio minimo di una matrice viene utilizzato in algebra lineare e serve per determinare la diagonalizzabilità e la forma canonica di Jordan della trasformazione o matrice. La definizione può in un primo momento far presagire che questo sia...
Superiori

Come calcolare il massimo e il minimo di una funzione

In matematica si possono trovare tra le varie operazioni da compiere, le cosiddette funzioni. Una funzione è in sostanza una relazione che si crea tra due valori generici, x, detto dominio, ed y, detto codominio. Il massimo e minimo di una funzione invece...
Superiori

Come scomporre in fattori dei polinomi

Ci sono diversi modi per scomporre un polinomio per poi dividerlo o accorparlo diversamente. Bisogna calcolare il massimo comune divisore fra i monomi che sono all'interno del nostro polinomio e bisogna inserirlo dinanzi alla parentesi ed, all'interno...
Superiori

Come Effettuare Una Sottrazione Tra 2 Polinomi

In matematica, si definisce con il termine "polinomio" una somma algebrica formata da più monomi. Acquisire una buona capacità per operare con i polinomi non è particolarmente difficile. Basta semplicemente un minimo di buona volontà, conoscere abbastanza...
Superiori

Come risolvere una divisione tra polinomi

La matematica è una materia piuttosto complessa e difficile da capire, per la maggior parte delle persone. Soprattutto se da piccoli non si hanno avute delle solide basi per poter capire argomenti più complessi. Tra i vari argomenti di matematica forse...
Superiori

Come scomporre polinomi di terzo grado

In quest'articolo spiegherò come scomporre un polinomio di terzo grado; cercherò di fornire utili strumenti e di dare chiarimenti con semplici esempi. Parto dalla considerazione che la scomposizione o fattorizzazione di un polinomio non sempre è un...
Superiori

Come dividere i polinomi con la regola di Ruffini

I polinomi rappresentano sempre un argomento complicato da affrontare quando ci si trova a frequentare un istituto scolastico dove la matematica ha un'importanza fondamentale (come il liceo scientifico). Con il termine polinomio si intende la somma o...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.