Come calcolare il grado di dissociazione di un gas

Tramite: O2O 18/08/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Si definisce grado di dissociazione, simboleggiato dalla lettera greca ?, il rapporto tra le moli di sostanza dissociata (nd) e le moli iniziali (n0) della stessa sostanza. Il grado di dissociazione è funzione della temperatura e della pressione e può assumere valori compresi tra 0 e 1, dove il valore zero corrisponde a un non elettrolita o assenza di dissociazione e il valore 1 è il grado di massima dissociazione In riferimento a 100 moli iniziali di sostanza, ? può essere espresso in termini percentuali (in quest'ultimo caso assumerà valori tra 0 e 100). Si verifica frequentemente che i valori della densità e del peso molecolare di un gas trovati sperimentalmente differiscano in modo notevole dai valori calcolati. Questo gas, infatti, può essere successivamente utilizzato per produrre energia elettrica, ovviamente oltre al calore. Si definisce grado di dissociazione il rapporto tra il numero di moli del gas che si sono dissociate e il numero totale di moli iniziali. Vediamo sì, attraverso i passi della seguente guida, come calcolare grado di dissociazione di dissociazione di un gas.

25

Calcolare la densità teorica

Conoscendo la densità sperimentale di un gas che si dissocia e calcolando la sua densità teorica usando la formula densità teorica = (PPM) / R T (che si ricava dall'equazione di stato dei gas ideali; ti ricordo che P indica la pressione, PM il peso molecolare, R la costante dei gas e T la temperatura) puoi ottenere, attraverso semplici passaggi, il grado di dissociazione del gas. La relazione tra i valori sperimentale e teorico della densità è, infatti, la seguente: densità sperimentale = densità teorica/moli totali = n[1 (- 1) B1].

35

Calcolare grado di dissociazione dell'anidride nitrosa

Ti propongo ora, sulla base delle considerazioni fatte precedentemente, di eseguire il calcolo del grado di dissociazione dell'anidride nitrosa nel caso in cui i suoi vapori, alla temperatura di 25 °C e alla pressione di 1 atm, abbiano una densità (sperimentale) di 1,63 g/L. In questo caso, devi considerare l'anidride nitrosa parzialmente dissociata in ossido di azoto e biossido di azoto: N2O3= NO NO2.

Continua la lettura
45

Eseguire la conversione della temperatura

Calcola a questo punto la densità teorica, ricordando di convertire la temperatura in gradi Kelvin e che il valore della costante dei gas R è 0,082: densità teorica = (PPM) /R T = 0,082 * 298 = 3,11 g/l. Applicando ora la formula che mette in relazione densità teorica e densità sperimentale puoi scrivere: moli totali = densità teorica / densità sperimentale. Pertanto: 1 %u03B1 = (3,11 g/L) / (1,63 g/L) = 1,908.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Risolvere Una Trasformazione Isocora Per Un Gas Ideale

La chimica fisica ci insegna che i così detti "gas ideali", ossia quelli che rispettano, contemporaneamente, la legge di Boyle-Mariotte e la prima e la seconda legge di Gay-Lussac, nella realtà non esistono. Tuttavia sappiamo che vi sono sostanze gassose...
Università e Master

Come dimostrare l'equazione di stato dei gas

Secondo la teoria cinetica, i gas sono composti da molecole molto piccole e il loro numero di molecole è molto grande. Le molecole sono elastiche e di dimensioni trascurabili rispetto al loro contenitore; i loro movimenti termici sono casuali. L'equazione...
Università e Master

Appunti di chimica: i gas nobili

I gas nobili, detti anche rari oppure inerti sono quelle sostanze che si trovano in uno stato aeriforme. Questi gas sono caratterizzati da una struttura elettronica chiusa. I gas nobili non hanno un proprio volume ed una propria forma per cui non occupano...
Università e Master

Come risolvere una trasformazione isoterma per un gas ideale

In termodinamica, molto spesso ci si imbatte nelle trasformazioni a cui i gas sono soggetti. La trasformazione isoterma o semplicemente isoterma è una trasformazione termodinamica a temperatura costante che provoca una variazione di stato del sistema...
Università e Master

Come calcolare la molarità iniziale a partire dal Ph o dal Poh

La chimica è una delle materie più ostiche che tutti gli studenti che decidono di frequentare l'istituto tecnico industriale o il liceo scientifico si troveranno ad affrontare. Una delle grandezze fondamentali nello studio della chimica è sicuramente...
Università e Master

Come Determinare Il Grado Alcoolico Mediante L'Ebulliometro Di Mulligand

L'ebulliometro di Malligand consiste in uno strumento di misura del grado alcolometrico approssimativo di un vino. Si basa sull'esecuzione della misura della temperatura di ebollizione, che varia a seconda della pressione e del quantitativo di alcool...
Università e Master

Come calcolare la pressione totale all'equilibrio

Quando ci troviamo a studiare la chimica, dobbiamo tener conto dei comportamenti relativi alle sostanze presenti in natura, che interagiscono tra loro in diversi modi. L'equilibrio chimico è il risultato di una reazione di tipo reversibile e si ottiene...
Università e Master

Come determinare sperimentalmente il grado di acidità di un olio d'oliva

Quando si parla di olio extravergine di oliva molto spesso si fa riferimento alla sua acidità ed in effetti tale parametro è importante perché è un indicatore che riesce a sintetizzare una valutazione complessiva sulla qualità chimica. Il problema...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.