Come calcolare il grado di dissociazione di un acido

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il grado di dissociazione è una grandezza adimensionale. In chimica, con questo termine si intende il rapporto tra il numero di moli dissociate e le moli iniziali della stessa sostanza. Il grado di dissociazione avviene in funzione della temperatura e della pressione. Viene indicato con la lettera greca Alpha (α) ed assume dei valori che sono compresi tra zero ed uno. Il primo corrisponde a un non elettrolita, mentre il secondo al grado di massima dissociazione di una molecola. Attraverso i passaggi seguenti andremo a vedere più nel dettaglio il significato di questa affermazione, in particolare ci occuperemo di capire come bisogna procedere per riuscire a calcolare, in modo molto semplice e veloce, il grado di dissociazione di un acido: troveremo dunque una formula in grado di farci ottenere un valore numerico determinato. Una volta ottenuta la formula, il consiglio è quello di effettuare molti esercizi, in maniera tale da riuscire a comprendere meglio l'applicazione della formula stessa e per consolidare efficacemente le conoscenze acquisite. Al fine di facilitarvi nella comprensione, nell'ultimo passaggio vi faremo un esempio pratico di applicazione della formula.

27

Occorrente

  • Carta
  • Calcolatrice
  • Penna
  • Matita
  • Gomma
  • Temperino
  • Libro di chimica
37

Conoscere il grado di dissociazione

Innanzitutto bisogna sapere che il grado di dissociazione rappresenta l'effettivo comportamento delle sostanze in soluzione. Le molecole si dissociano in ioni positivi e negativi (gli elettroliti), mentre per i gas avviene una dissociazione termica. Si definiscono elettroliti gli acidi, le basi ed i sali. Consideriamo ad esempio un acido generico HA. La sua reazione di dissociazione è la seguente:
HA -> H+ + A-. A questo punto, in una tabella dovrete andare a inserire le quantità delle specie chimiche presenti in tutte le fasi della dissociazione. Scrivete quindi: n.0 moli iniziali di HA (0 moli iniziali di H+, e 0 moli iniziali di A-); variazione del valore delle moli durante le reazioni. Per HA infatti diminuiscono di -α*n.0, e contemporaneamente per H+ e A- aumentano di +α*n.0. Le moli all'equilibrio per HA sono quindi n.0-α*n.0, per H+ e A- sono α*n.0.

47

Calcolare il grado di dissociazione

Bisogna sapere, inoltre, che V rappresenta il volume della soluzione. Ne consegue quindi che n.0/V = C. All'equilibrio, le concentrazioni risultano essere le seguenti: [HA] = n.0 (1 - α)/V = C (1 - α); [H+] = α*n.0/V = αC; [A-] = α*n.0/V = αC. Ecco quindi che l'espressione della costante di equilibrio, inserendo i dati recenti, otterrà la seguente forma: Ka = [H+] [A-] / [HA] = αC * αC / C (1 - α) = α^2 C / C (1 - α). Nel caso in cui l'elettrolita fosse debole, si può tranquillamente trascurare 1-α. In sintesi, si può dire che α è uguale alla radice quadrata del rapporto tra la costante di dissociazione Ka e la concentrazione molare C. Ecco quindi che, in pochi passaggi, abbiamo ottenuto la regola per andare a calcolare il grado di dissociazione di un acido. L'applicazione corretta di tale regola vi darà la possibilità di effettuare il calcolo del grado di dissociazione di un acido.

Continua la lettura
57

Applicare la formula

A questo punto facciamo un esempio pratico, in maniera tale da chiarire ulteriormente i passaggi precedenti ed il ragionamento che abbiamo fatto per determinare la formula e per ottenere il risultato finale. Supponiamo quindi di voler calcolare il grado di dissociazione di un acido HA. La sua molarità M (numero di moli/volume) è 0,5 e la sua costante di dissociazione Ka è 1,6*10^-5. Il grado dissociazione sarà quindi uguale alla radice quadrata del rapporto tra Ka e C. In questo caso C è pari alla molarità M. Applichiamo adesso la formula che abbiamo ottenuto nel passaggio precedente. Si otterrà quindi α, la radice di 1,6*10^-5 / 0,5 (0,0056). Il valore che abbiamo ottenuto è zero, pertanto si tratta di un acido debole. A questo punto, moltiplicando il risultato per 100, otteniamo il grado di dissociazione in percentuale, cioè 0,56%. Per concludere, il consiglio è quello di esercitarsi costantemente, in maniera tale da non trovare difficoltà nell'esecuzione del calcolo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiare attentamente le basi di chimica
  • Eseguire molti esercizi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il delta di una disequazione di II grado

Una disequazione è una relazione di disuguaglianza che si ha tra due espressioni che contengono al loro interno delle incognite. Di queste ultime, la più famosa è la x, seguita alla y e dalla z. Il tutto può essere elevato a potenza uno oppure a potenza...
Superiori

Come calcolare il grado di un sistema di equazioni

Nello studio della matematica uno di principali argomenti è quello dalle equazioni. Tale studio parte da quelle più semplici ossia quelle di primo grado. La materia si estende poi verso argomenti più complessi come le equazioni di grado superiore al...
Superiori

Come calcolare il grado complessivo di un polinomio

Svolgendo delle espressioni matematiche con valori incogniti, soprattutto ai nostri primi approcci con queste, potremmo avere la necessità di calcolare il grado complessivo di un polinomio. In questa guida spiegheremo, dettagliatamente come identificare...
Superiori

Come calcolare il segno di un trinomio di secondo grado

Moltissimi di voi hanno un nemico comune: la matematica. In questa guida vi daremo una mano in un ramo dell'algebra; quello del calcolo del segno di un trinomio di secondo grado. Bisogna innanzitutto definire un trinomio di secondo grado come: f (x)=...
Superiori

Come calcolare il delta di una disequazione di I grado

In matematica la disequazione è una relazione di disuguaglianza fra due espressioni che contengono delle incognite. Nello specifico vuol dire che una funzione (es. F) può essere , < o =, > o = ad un'altra funzione (es. G). Inoltre le disequazioni possono...
Superiori

Come calcolare il pH di una miscela di acidi

In chimica, il pH è l'unità di misura che consente di determinare il grado di acidità, o basicità, delle soluzioni acquose. Si tratta di una grandezza, espressa matematicamente come logaritmo decimale negativo, che indica il livello di concentrazione...
Superiori

Come calcolare la concentrazione di ioni di idrogeno

Gentili lettori, la guida che state leggendo sarà dedicata ad argomentare rispetto al tema degli ioni di idrogeno. Infatti, come svilupperemo nei prossimi passi, ci dedicheremo a comprendere come poter calcolare la concentrazione di ioni di idrogeno.Quindi,...
Superiori

Come si calcola la concentrazione di un acido

Tra le varie materie che devono essere studiate a scuola o all'università quando si sceglie un indirizzo di tipo scientifico, sicuramente la chimica sta alla base di molte soluzioni e di molte teorie importanti da conoscere. La chimica che viene studiata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.