Come calcolare il gradiente di una funzione in n variabili

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'esame di matematica si avvicina e ancora arrancate? La matematica universitaria non è più come quella delle superiori? Niente paura perché, in realtà, è tutto il contrario.
Oggi infatti ci leveremo un sassolino dalla scarpa, con questa guido impareremo a calcolare il gradiente di una funzione in n variabili. Vedremo che, alla fine dei conti, si tratta di argomenti che già sappiamo, con solo qualche piccola variante. Vediamo subito come fare.

25

Per prima cosa, riprendiamo i concetti di cui avremo bisogno: le funzioni in più variabili e le derivate parziali. Anche se siete già familiari con questi argomenti, vi consiglio di leggere questo passo, un ripasso breve e efficace non fa mai male.

35

Eccoci quindi al succo del nostro discorso. Cos'è quindi il gradiente di una funzione F in n variabili? Non è altro che un vettore con n componenti, e le sue componenti sono proprio le derivate parziali di F rispetto alle n variabili.
In formule, scriviamo: Grad (F) = (dF/dx1, dF/dx2, ..., df/dxn)
Se vogliamo calcolare il gradiente di una funzione in un punto, otterremo ancora un vettore, le cui componenti saranno, ancora, le derivate parziali della funzione calcolate in quel punto.

Continua la lettura
45

Le funzioni in più variabili, diciamo "n variabili", sono applicazioni da R^n in R, dunque, a n valori, ne assegnano uno unico. Se indichiamo con x1, x2, ..., xn, le nostre variabili, allora la nostra funzione sarà della forma F (x1, x2,..., xn).
Facciamo un esempio per n=3, e scegliamo F (x, y, z) = x^2*y + log(y) + xyz. Se vogliamo calcolarla nel punto (2,1,4) otteniamo F (2,1,4) = 2^2*1 + log (1) + 2*1*4 = 4+0+8 = 12.
Passiamo ora alle derivate parziali. Vi ricordate come si fanno le derivate "normali"? Ebbene, cambia poco e niente! La derivata parziale rispetto a x, che indicheremo come dF/dx, è la derivata della funzione rispetto a x, fatta pensando le altre variabili come costanti. In che senso? Nel senso che nel fare questa operazione le trattiamo come numeri, ovvero, se la derivata di x^2 è 2x, sappiamo bene che la derivata di 5*x^2 è allora 5*2x; ugualmente, la derivata di y*x^2 sarà y*2x.
Non è poi tanto difficile no? Vediamo un esempio.
Facciamo ora le derivate parziali rispetto alla funzione F. È utile ricordarsi che la derivata di una somma è la somma delle derivate.
La derivata parziale rispetto a x: dF/dx = 2x*y + 0 + yz = y*(2x + z) (la derivata rispetto a x di log (y) è 0 perché la x non compare proprio nel termine);
La derivata parziale rispetto a y: dF/dy = x^2 + 1/y + xz = x (x + z) + 1/y;
La derivata parziale rispetto a z: dF/dz = 0 + 0 + xy = xy.

55

Riprendiamo ancora la nostra funzione F e facciamone il gradiente. Avevamo: F (x, y, z) = x^2*y + log (y) + xyz e le sue derivate parziali: dF/dx = y*(2x + z), dF/dy = x (x + z) + 1/y, dF/dz = xy.
E allora Grad (F) = (y*(2x + z), x (x + z) + 1/y, xy).
Calcoliamo infine il gradiente di F nel punto (2,1,4), basterà sostituire i valori alle rispettive variabili, e dunque: Grad (F)(2,1,4) = (1*(2*2+4), 2*(2+4) + 1/1, 2*1) = (8, 13, 2).
Ecco qua, niente di difficile dopo tutto!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare lo jacobiano di una funzione

L'esame di analisi è alle porte e preferireste seriamente lanciarvi da una finestra? Niente paura e mantenete la calma. Oggi affronteremo un argomento all'apparenza difficile, ma che, come vedremo, non richiede niente di più delle conoscenze che già...
Università e Master

Come calcolare la divergenza di una funzione

La matematica universitaria è un bel po' diversa da quella delle superiori, vero? Sì e no diciamo, molti concetti, anche se all'inizio non sembra, sono semplici ampliamenti di argomenti già visti alle superiori, triti e ritriti. Il segreto per imparare...
Superiori

Derivate: regole di derivazione parziale

La matematica è una materia piuttosto ampia e complessa che racchiude in se moltissimi argomenti, molti dei quali collegati fra di loro. Tra gli argomenti più discussi e spiegati in ogni classe possiamo trovare le derivate parziali. Per imparare al...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Le derivate parziali

Dobbiamo prima di tutto comprendere il significato del termine di derivata:sia f (x) definita in un intervallo aperto (a, b) e sia x un punto di (a, b) si dice che la funzione f è derivabile nel punto x se esiste in finito il limite del rapporto incrementa...
Università e Master

Equazioni di Cauchy-Riemann: dimostrazione

Nel campo matematico, ed in particolare, nell'ambito dell'analisi complessa, le Equazioni di Cauchy-Riemann rappresentano elementi di fondamentale importanza. Le equazioni di Cauchy-Riemann costituiscono condizione sufficiente e necessaria affinché una...
Università e Master

Come calcolare il piano tangente in un punto ad una funzione di due variabili

La matematica risulta essere alla base dei problemi quotidiani in cui ci si può incappare, quindi studiarla aiuta a conoscere e a sapere. Prendendo in considerazione l'analisi matematica si sa che essa è lo studio delle funzioni di più variabili, utilizzando...
Superiori

Come risolvere una derivata con Wolframalpha

L'immagine del matematico che effettua i suoi complicati calcoli a mano, munito di calcolatrice, lavagna e capacità mentali, è affascinante ma, oggigiorno, poco realistica. Attualmente, chi deve "far di conto" ha a disposizione una vasta gamma di strumenti,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.